Mario Albano

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Artorn a la tàula dj'autor


Mario Albano[modifiché]

Poeta an lenga piemontèisa. Mario Alban (a l'anàgrafe Mario Albano) a l'era nassù a Turin ël 1 ëd fërvé dël 1880 e a l'é mòrt ambelelì ij 24 dë stèmber dël 1963. A l'avìa fàit part ëd la Companìa dij Brandé.

Amico di Costa che ne incoraggiò i primi passi; sempre sereno, operoso e aperto al canto e alla speranza. Riunì le sue poesie in un volume nel 1955 con il titolo Canto ‘d cò mi: frutto di cinquant’anni di presenza viva nel campo della poesia piemontese. Sulla poesia di M. Albano è stato detto: N. Costa: “… nelle miserie della vita sa trovare una scintilla di speranza che lo accompagna dall’ombra al sole … in un dialetto torinese pieno di brio e di forza … in una sincerità che diviene ogni giorno più rara” (1941). C. Brero: “La poesìa dla semplicità” as peul definisse cola ‘d Mario Albano e ‘dcò la “semplicità dla poesìa”. P. Pacòt: “quaicòsa ‘d ciàir e polid e trasparent, coma a podrìa esse n’eva corìa ant na giornà seren-a”. R. Gandolfo: “… la sua poesia è fra le migliori manifestazioni della nuova letteratura piemontese”.