Elisa Vanoni Castagneri

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Artorn


Elisa Vanoni Castagneri (1868-1965)[modifiché]

"Quaicòs coma d’un Nino Costa, trasportà su un registr ëd gentilëssa feminin-a" (Pinin Pacòt Ij Brandé N° 159 ~ 15 Avril 1953). "Varia è la sua ispirazione: paesaggi naturali risolventesi spesso in paesaggi dell’anima; visioni commosse dell’umana sofferenza, accanto ad allegre interpretazioni della vita. Sentimento ed «humour» alternatisi, a volte allacciatisi in un sorriso, che non si sa se più triste o giocondo. Non di rado una poesia forte e serena, quasi virile" (Pinin Pacòt Antologia piemontese Il Popolo Nuovo Turin 1954). "...nome di donna che onora la poesia piemontese è quello di Elisa Vanoni Castagneri, professoressa di lettere, costantemente presente sui periodici specializzati dell’epoca fu assidua collaboratrice de «Ij Brandé» dal 1946 in poi e del «Musicalbrandé» fino all’anno della sua morte che avvenne nel 1965. Ël nòm d’Elisa a compar già prima con la poesìa Ël bal dle stèile an sl’arvista ’d Luigi Olivero Ël Tòr N° 9/10 dij 22 Dzèmber 1945 e ancora an sla midema arvista con Fnestra duvèrta ’nt ël N°12 dij 30 Mars 1946; Ij Brandé a s’anandierà con soa longa e meritòria stra mach ai 16 dë stèmber dël midem ann. La sua voce ha un vago sapore crepuscolareggiante" (Camillo Brero Storia della letteratura piemontese Vol. III Piemonte in Bancarella Turin 1983).

Bibliografìa[modifiché]

  • Poesìe spatarà an sj’arviste e sij giornaj piemontèis: Ël Tòr, Ij
  • Brandé, Armanach piemontèis, Musicalbrandé.
  • Gnun-a archeujta ’d lìriche an volum.