Silvio Balbis

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Artorn


Silvio Saverio Balbis[modifiché]

Silvio Saverio Balbis (Caraglio, 29 ottobre 1737 – Saluzzo, 23 luglio 1796), poeta sia in lingua piemontese che in italiano, era di famiglia saluzzese. Divenne sacerdote e predicatore di buona fama. I versi piemontesi del Balbis sono poesia di dignitoso intrattenimento, spesso arguta e sempre elegante, che si esprime con sicura proprietà in quel colto e raffinato piemontese che era la lingua di tutti i salotti aristocratici e signorili del Piemonte dell’epoca. Trova sicuramente posto, seppure in tono minore, nella letteratura piemontese. Parte delle sue opere, sia in italiano che in piemontese, si trovano nel Saggio di poesie varie di Silvio Balbis stampate a Vercelli nel 1782 dalla Tipografia Patria e poi ancora, 13 sonetti e 2 monologhi in piemontese, nella raccolta Poesie piemontesi, di vari autori, fatta da M. Pipino nel 1783.