Proverbi piemontèis/e

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sapiensa antica dël pòpol piemontèis
Copertin-a

Francesco Torniello da Novara Letter E 1517.png

Contnù

E[modifiché]

  1. E bondì barba! = Chi si è visto s'è visto.
  2. E dajla, ch'a l’é `n prèive = Essere persistenti come un prete. Questa espressione viene usata quando ci si trova di fronte ad una persona che finge di non comprendere le nostre argomentazioni e finisce costantemente per tornare sullo stesso discorso,
  3. E foma ch'andoma = ...allora andiamo, mettiamoci in cammino.
  4. Ëd bele vòlte ... = di belle volte": molto spesso .... molte volte, sovente. Analogo: Ëd bele vire.
  5. Ëd bon-a pasta = Di buona pasta. Ppersona disponibile ad essere consigliata ed instradata, proprio come la buona pasta che viene facilmente lavorata per farci pane o dei prodotti freschi da utilizzare per cucinare primi piatti.
  6. Ëd bon-a tèra cata la vigna, e 'd bon-a mare pija la fija = "Buona terra compra la vigna, buona madre orendi la figlia".
  7. Ëd braje a-i na j'é tante, ma d'òmini pòchi = "Di pantaloni ce ne sono tanti, ma di uomini pochi".
  8. Ëd ca, tant da pidèje sté; ëd camp, vàire ch'it peule travajé; ëd pra, vàire chit peule andrughé, ëd bòsch, fin-a ch'it peule avèjne = "Di casa, tanta da poterci abitare; di campo quanto se ne può lavorare; di orati, quanto se ne può letamare, e di bosco, quanto se ne può avere
  9. Ëd fe(de) e 'd dné a-i na j'é mai da svassé (vansé) = "Di fede e denaro non ce ne mai da sprecare".
  10. Ëd l'ània la cheussa e dël capon l'ala = "Dell'anitra la coscia e del cappone l'ala".
  11. Ëd l'òca mangg-ne pòca = "Dell'oca mangiane poca".
  12. Ëd na fija fé doi gënner = Di una figlia lare due generi. Ottenere due risultati con uno sforzo solo" e di fatto equivale all'italiano "prendere due piccioni con una fava" tirando in ballo una figlia alla quale si affibbiano due mariti e di conseguenza due doti e due stipendi mensili.
  13. Ëd sent dësgrassie novantaneuv imprudense = "Di cento disgrazie novantanove imprudenze".
  14. Ëd temp ëd Carlo Còdega = Dei tempi di Carlo Codega. Qualcosa di vecchio e assolutamente sorpassato. Come il grasso di maiale sulla parrucca settecentesca.
  15. Ëd vòlte a val pì n'ociada che na prédica = "Delle volte vale di più un'occhiata che un predicozzo".
  16. Ëd vòlte, a scoté ij mat as andvin-a = "A volte dare ascolto ai matti si indovina".
  17. Ëdcò col ch'a cagava ant ël let a disìa ch'a savìa lòn ch'a fasìa = "Anche quello che cagava nel letto diceva di sapere quel che stava facendo".
  18. Ël "se" a l'é 'l pare dij cojon = "Il 'se' è il padre dei coglioni".
  19. Ël bel temp e la brava gent a stufio mai = "Il bel tempo e la brava gente non stancano mai".
  20. Ël bin ëd tuti a l'é 'n pòm ëd l'erbo dël bon sens = "Il bene di tutti è un frutto dell'albero del buon senso".
  21. Ël brav òm as conòss quand ch'a j'é pì nen = "Un brav'uomo si riconisce quando non c'é più".
  22. Ël bzògn a l'é pare dl'invension = "Il busogno è padre delle invenzioni".
  23. Ël café a deuv esse càud coma l'infern, nèir coma 'l diav, pur coma n'àngel e doss coma l'amor = "Il caffè dev'essere nero come l'inferno, nero come il diavolo, puro come un angelo e dolce come l'amore.
  24. Ël can a guarda nen an fàcia chi ch'a-j campa l'òss = "Il cane non guarda in faccia chi gli getta l'osso".
  25. Ël can a ringrassia bogiand la coa = "Il cane ringrazia muovendo la coda".
  26. Ël can ëd montagna a scassa col ëd ca = "Il cane di montagna scaccia quello di casa".
  27. Ël càud d'ij lënseuj a scàuda nen ij pareuj = Il caldo delle lenzuola non scalda le pentole (i paioli).
  28. Ël caval ch'a travaja a deuv mangé la biava = "Il cavallo che lavora deve mangiare la biada".
  29. Ël caval san a veul quatr còse: ària, biava, stria e stra = "Il cavallo sano vuole quattro cose: aria, biada, striglia e strada".
  30. Ël ciavatin a l'ha sempre le scarpe rote = "Il calzolaio ha sempre le scarpe rotte". Quando manca una cosa proprio dove si suppone che non dovrebbe mancare, come esempio dell'incoerenza in cui si incorre quando si chiede agli altri quello che non realizziamo nemmeno noi.
  31. Ël coèrcc a dis al padron: s'it ven-e nen sù ti, i ven-o giù mi = "Il tetto dice al padrone: se non vieni su te, vengo giù io", controlla la condizione del tetto!
  32. Ël color dj'aso cit = "il colore degli asini piccoli": indica un colore indefinibile, "insipido", sempre detto con ironia, non un bel colore). A l'avìa un caplin color dj'aso cit, che a fasìa un pòch ësgiaj = Aveva un cappellino color degli asini piccoli che faceva un po' paura.
  33. Ël còst a fà perde 'l gust = "Il costo fa perdere il gusto".
  34. Ël crin a l'é 'n guerna dné = "Il maiale è un salvadanaio", per il valore che rappresenta per il contadino.
  35. Ël cul a l'ha nen ij dent = "Il culo non ha i denti".
  36. Ël dé dij consèj a l'é proprietà dij vej, e ij fàit a son dij giovo = "Dare consigli appartiene agli anziani, ma i fatti sono dei giovani". I buoni consigli spesso non sono ascoltati come meriterebbero e se ne pagano poi le conseguenze.
  37. Ël dent dël giudissi a l'é l'ùltim a sponté e 'l prim a 'ndé giù = "Il dente del giudizio è l'ultimo a spuntare e il primo a cadere".
  38. Ël di 'd San Blin = Il giorno di San Bellino, le calende greche, ossia di una data che non esiste.
  39. Ël di dle busìe = "Il giorno delle bugie". ...sottili fogli di pasta tagliati a piccole fette con i bordi un po' arricciati che vengono fritti nell'olio.
  40. Ël diav a baston-a soa fomna = "Il diavolo bastona sua moglie", quando nello stesso tempo c'è il sole e piove.
  41. Ël diav a fa la tòrta e le fomne an la fan mangé = Il diavolo fa la torta e le donne ce la fanno mangiare".
  42. Ël diav a l'é gram përché a l'é vej = "Il diavolo è cattivo perché è vecchio", l'importanza dell'esperienza...
  43. Ël diav a l'é nen sempre a la pòrta d'un provròm = "Il diavolo non sta sempre alla porta di un poveretto".
  44. Ël diav a l'é nen tant brut com a lo fan = "Il diavolo non è tanto brutto come lo fanno".
  45. Ël diav a l'é rompusse un còrn = "Il diavolo si è rotto un corno". Espressione viene usata soprattutto dai giocatori di carte così come di bocce in occasione di un colpo fortunato o di una combinazione di gioco positiva.
  46. Ël diav a l'ha perdù n'ànima = "Il diavolo ha perduto un'anima"
  47. Ël diav a mostra a robé, ma nen a stërmé = "Il diavolo insegna a rubare ma non a nascondere".
  48. Ël diav a va 'n carossa = quando si ode il fragore dei tuoni.
  49. Ël diav, për diav ch'a sìa a peul nen ëstërné ij còrn = "Il diavolo, per diavolo che siam non può nascoindere le corna2.
  50. Ël diav, për diav ch'a sìa, a peul nen ëstërmé ij còrn = "Il diavolo, per diavolo che sia, non può nascondere le corna" .
  51. Ël fieul ëd mè pare a dis nen parèj = "Il figlio di mio padre non dice così": non sono affatto d'accordo.
  52. Ël formagg a disné a l'é òr, a merenda argent, a la sèira piomb = "Il formaggio a pranzo è oro, a merenda argento, e la sera piombo".
  53. Ël fum d'aròst a 'mpiniss nen la pansa = "Il fumo d'arrosto non riempie la pancia".
  54. Ël fum dij nòstri pais a pias pì che 'l feu d'àutri = "Il fumo dei nostri paesi piace più del fuoco degli altri"; il ricordo di casa nostra è sempre più bello di quello di casa d'altri.
  55. Ël gal a l'é rè ansima 'l sò lijamé = "Il gallo è re sul suo letamaio".
  56. Ël gat a l'ha mangiaje la lenga = Il gatto gli ha mangiato la lingua. Di fronte a bambini timidi che in presenza di estranei all'improvviso cessano di parlare.
  57. Ël gieugh e l'osterìa a fan andé quant a-i sìa = "Il gioco e l'osteria fanno andare tutto quel che ci sia". Certi vizi ci fanno sperperare risorse altrimenti necessarie.
  58. Ël giogador a l'é dipint patanù = "Il giocatore è dipinto nudo".
  59. Ël guadagn as fà 'l dì dla compra = "Il guadagno si fa il giorno dell'acquisto".
  60. Ël làder a va da l'agucia a l'euv, da l'euv al beu e dal beu a la forca = "I ladro va dall'ago all'uovo, dall'uovo al bue e dal bue alla forca".
  61. Ël lìber sarà a fà nen l'òm leterà = Il libro chiuso non rende l'uomo un letterato.
  62. Ël luv a fà gnun agnej = "Il lupo non fa agnelli".
  63. Ël mal a ven a lire e a và vìa a onse = "Il male viene a libbre e va via a once".
  64. Ël mal a ven an pressa e a va vìa adasi = "Il male viene in fretta e va vua adagio".
  65. Ël mal ëd j'àutri a guariss nen el nòstr = "Il male degli altri non guarisce il nostro".
  66. Ël mal ëd testa soens a ven da lë stòmi = "Il mal di testa sovente viene dallo stomaco" .
  67. Ël malfé a peul nen duré = Le malefatte presto o tardi vengono scoperte e castigate.
  68. Ël mantel a cheurv ël brut e 'l bel = "Un mantello copre il brutto e il bello".
  69. Ël maslé a l'é nemis dël pëscador = "Il macellaio è nemico del pescatore".
  70. Ël mèdich a pija mai gnun-a meisin-a = "Il medico non prende mai medicine".
  71. Ël mërcant ch'a sà nen dij busìe, ch'a sara botega = "Il mercante che non sa dire bugie chiuda bottega".
  72. Ël mërcant, ancheuj a perd e doman a guadagna = "Il mercante oggi perde e domani guadagna"
  73. Ël mond a l'é na baraca e noi i soma ij buratin = "Il mondo è un teatrino e noi ne siamo i burattini".
  74. Ël mond a l'é na baraca e noi i soma ij buratin = "Il mondo è un teatrino e noi ne siamo i burattini": ognuno di noi non è altro che un piccolo ingranaggio comandato da una mano superiore.
  75. Ël mond a l'é nen dj'andurmì = "Il mondo non è degli addormentati".
  76. Ël mond a l'é pròpi l'arca 'd Noè: tante bestie e pòchi òmini = "Il mondo è proprio l'arca di Noè: tante bestie e pochi uomini".
  77. Ël mond a l'han falo an ses dì = "Il mondo l'hanno fatto in sei giorni": non aver fretta, ma bada ad ottenere buoni risultati.
  78. Ël mond a veul esse anganà: inganomlo! = "Il mondo vuole essere ingannato: inganniamolo!".
  79. Ël mulin ëd Dio a meul adasi ma fin = "il mulino di Dio macina adagio ma fine".
  80. Ël nano a l'é cit cò s'un cioché = "Il nano è piccolo anche su un campanile".
  81. Ël paisan a l'é sèmpe rich l'ann ch'a ven = "Il contadino è sempre ricco l'anno prossimo ".
  82. Ël paisan a l'ha nen àutr ëd grossé che 'l gonel = "Il contadino di rozzo ha solo il grembiule che usa per ripararsi nei lavori in cui più ci si sporca".
  83. Ël paisan ch'a vend la drugia a cata ij poj = "Il contadino che vende il letame acquista le pulci".
  84. Ël pan a l'é 'l mej nutriment = "Il pane è il miglior nutrimento".
  85. Ël pan dij pòver a l'é 'l cicin dël vënner = "il pabe dei poveri è la carne del venerdì", la patata.
  86. Ël pan fàit an ca a l'é sèmpe 'l pì savorì = "Il pane fatto in casa è sempre il più saporito".
  87. Ël pare a dev fé la tàula rotonda ="Il padre deve fare il tavolo rotondo", non fare preferenze.
  88. Ël pare bon a dovra 'l baston = "Il buon padre fa uso del bastone"
  89. Ël pass pì cativ a l'é 'l prim = "il passo più difficile è il primo".
  90. Ël pess a veul noé tre vòlte: ant l'aqua, ant l'euli e 'nt ël vin = "Il peggio vuole nuotare tre volte: nell'acqua, nell'olio e nel vino": La carriera del pesce: dall'acqua, all'olio della padella e mangiato con il vino.
  91. Ël pess partì a l'é col d'avèjne gnun = "Il peggior partito è quello d'averne nessuno".
  92. Ël pì bel ëd la nià = "Il più bello della nidiata". Il cocco di mamma, il privilegiato.
  93. Ël pì bon cap-mèistr a l'é il padron dla ca = "Il migliore capomastro è il padron di casa".
  94. Ël pì brav ëd la nijà = il più bravo della nidiata.
  95. Ël pì cit ëd la nià = "Il più piccolo della nidiata", il figlio più giovane.
  96. Ël pì gram nemis dël caval a son ël ripos e la grassa = "I peggiori nemici del cavallo sono il riposo e la pinguedine".
  97. El pì polid a l'ha la rògna = "Il più pulito ha la rogna", tutti sono moralmente riprensibili.
  98. Ël pioré a l'é në sfògh = "Il piangere è uno sfogo".
  99. Ël pòver a l'é coma l'aso: a pòrta 'l vin e a bèiv d'eva = "Il povero è come l'asino: porta il vino e beve acqua".
  100. Ël prèive, andoa a canta a mangia = "Il prete, dove canta mangia".
  101. Ël prim amor a pija nen ël ruso = "Il primo amore non prende la ruggine", non si scorda mai.
  102. Ël prim fieul a nass quand a veul = "Il primo figlio nasce quando vuole", talvolta anticipa i tempi...
  103. Ël prim quatrin a l'é 'l pare 'd tanti marenghin = "Il primo quattrino è il padre diu tanti marenghini".
  104. Ël rè a l'é padron ëd le teste, ma nen ëd le lenghe = "Il re è padrone delle teste ma non delle lingue", difficilmente riuscirà a controllare le parole della gente.
  105. Ël rè con la spa e 'l papa con l'infern a ten-o 'l mond ferm = "Il re con la spada e il Papa con l'inferno tengono il mondo fermo".
  106. Ël rich a sa nen d'avèhj 'd nemis = "Il ricco non sa di avere dei nemici".
  107. Ël rije dl'artajor cand che j'anciove a-j van a mal = "il ridere del salumiere quando le acciughe gli si guastano": si dice di quando occorre allegria in situazioni tragiche, fare buon viso a cattivo gioco. simulare allegria in situazioni tragiche.
  108. Ël ris a nas ant l'eva e a deuv meuire ant ël vin = "Il riso nasce nell'acqua e deve morire nel vino".
  109. Ël sagrinesse a paga nen ij débit = "Il preoccuparsi non paga i debiti".
  110. Ël sàut dël crin: da la tàula al let = "Il salto del porco, dalla tavola al letto".
  111. Ël savèj a l'é 'l baston ëd la vita = "Il sapere è il bastone della vita".
  112. Ël savèj a l'é 'l baston ëd la vita = "Il sapere è il bastone della vita".
  113. Ël savèj a l'é 'n pé an sla tèra e l'àutr an sël mar = "Il sapere è un piede sulla terra e l'altro sul mare".
  114. Ël segret ëd le fomne i lo savoma mach mi, voi e tut ël comun = "Il segreto delle donne lo sappiamo solo io, voi e tutto il comune".
  115. Ël sëmné tròp profond val pòchi dné al mond = "Seminare troppo profondo vale pochi denari al mondo".
  116. Ël Signor a manda prima l'erba e peuj l'agnel = "Il Signore manda prima l'erba e poi l'agnello".
  117. Ël sol a basa ij bej e a sëcca le merde = il sole bacia i belli e fa seccare le merde...
  118. Ël sol a l'é la fassin-a dij pòver = "Il sole è la fascina dei poveri", per riscaldarsi.
  119. Ël temp a l'é coma j'òmini: fideve mai e pié sèmpre 'n parapieuva = "Il tempo è come gli uomini: non fidatevi mai e prendete sempre un ombrello"..
  120. Ël temp a l'é coma j'òmini: fideve mai e pijé sèmpe 'n parapieuva = "Il tempo è come gli uomini: non fidatevi mai e prendete sempre un ombrello".
  121. Ël temp a l'é galantòm = "Il tempo è galantuomo", rimetterà tutto a posto da solo.
  122. Ël temp a passa adasi për ij carià 'd fastidi e 'n pressa për coj ch'a son sensa = "Il tempo passa adagio per chi è carico di fastidi, e in fretta per chi ne è senza".
  123. Ël temp a passa e la mòrt a ven: beato chi ch'a l'ha fàit dël ben = "Il tempo passa e la morte viene: beato chi ha fatto del bene".
  124. Ël temp e la rason a son sèmpe dël padron = "Il tempo e la ragione sono sempre del padrone".
  125. Ël tòrt a treuva mai d'alogg = "Il torto non trova mai alloggio", nessuno lo vuole mai a casa sua.
  126. Ël travaj fàit sensa veuja a val nen na greuja = "Il lavoro fatto controvoglia non vale un guscio", è proprio cosa da poco.
  127. El vin a fà balé fin-a ij vèj = "Il vino fa ballare persino i vecchi".
  128. Ël vin a fà meuire ij verm = "Il vino fa morire i vermi".
  129. Ël vin a l'é bon për chi ch'a sà beivlo = "Il vino è buono per chi lo sa bere".
  130. Ël vin a l'é mes nutriment = "Il vino è metà nutrimento"
  131. Ël vin ch'ìas bèiv a past, a 'ncioca nen = "Il vino che si beve durante i pasti non ubriaca".
  132. Ël vin cit a dà nen a la testa = "Il vinello non dà alla testa": è poco alcoolico.
  133. Ël vin e la tàula a fan parlé = "Il vino e la tavola fanno parlare".
  134. Ël vin ëd ca a 'ncioca nen = "Il vino di casa non ubriaca": quello della mensa quotidiana è alimento sano.
  135. Ël vin pì bon a l'é col ch'as bèiv con j'amis = "Il vino più buono è quello che si beve con gli amici".
  136. Ël vissi a l'é nemis ëd la vërgògna = "Il vizio è nemico della vergogna".
  137. Empì 'l coram = "Riempire il cuoio", mangiare, sfamarsi. Per cuoio si intende la cintura che si porta alla vita: quando si mangia lo stomaco si dilata e di conseguenza si riempie la cinghia.
  138. Erba grama a chërs prest = "Erba cattiva cresce in fretta".
  139. Esageroma nen = Non esageriamo!
  140. Esse a bròca coèrta = "Essere a chiodino coperto". La bròca, oltre al chiodino, è definita anche la misura per vino capace da 10 litri. Per indicarla si poneva un chiodino nelle brinde = è completamente brillo.
  141. Esse a l'ablativ = Essere alla fine.
  142. Esse a le grele = Essere al verde.
  143. Esse a meuj = "Essere a mollo". Un tempo le prigioni erano ricavate su galere, imbarcazioni dove si scontavano i lavori forzati. In seguito vennero istituiti i bagni penali luoghi umidi, ricavati nel sottosuolo che sovente si allagavano, tant'è che i carcerati finivano letteralmente a mollo. Da qui l'espressione che significa essere in prigione.
  144. Esse a tute man = essere a tutte le mani, pronto ad adattarsi in ogni situazione.
  145. Esse al chìrie = Essere al Kyrie, ne lla liturgia ambrosiana. Essere alla fine dell'esistenza terrena, in punto di morte.
  146. Esse al pian dij babi = "essere al piano dei rospi": essere giù di morale.
  147. Esse ambastì = Essere imbastito. chi si sente imbastito è in crisi, fatica a muoversi con disinvoltura. L'espressione viene usata particolarmente in ambito sportivo.
  148. Esse amis coma can e gat = "Essere amici come cane e gatto".
  149. Esse an brando = Essere in moto. "essere in ballo", cioè impegnati in un'attività frenetica e scatenata.
  150. Esse an camin che... = "essere in cammino che...": forma per i tempi continui dei verbi.
  151. Esse an piòta = "Essere in zampa di cane", una persona sveglia e vivace, pronta a mettersi in azione..
  152. Esse an sël tòch = "essere sul pezzo". Indica l'essere in servizio, essere al lavoro. It ses-to già 'n sël tòch? = sei già sul pezzo? ovvero: sei già al lavoro? stai già lavorando?. Deriva dal linguaggio di officina.
  153. Esse an torta = Essere in torta. La torta nel gergo della mala è il bottino, la refurtiva. Pertanto è facilmente comprensibile che chi fa parte della spartizione è d'accordo nel raggiro. In senso metaforico implica comunque la complicità in qualche trama o macchinazione non del tutto lecita.
  154. Esse andaré dë scritura = "Essere indietro di scrittura". Tutti coloro che sono duri di comprendonio e che faticano in qualsiasi disciplina di studio o di lavoro.
  155. Esse ant la bagna = "essere nel sugo": essere a malpartito.
  156. Esse ant la vigna = "essere nella vigna".
  157. Esse ardì come un foin = "Essere ardito come una faina", chi è ardito come una faina, non può che essere sveglio, vivace e vispo.
  158. Esse bela coma 'l cul ëd la padela = Essere bella come il fondo (il culo) della padella, che di solito era nero...
  159. Esse bon a stà bin, esse tròp bon a dà 'd sagrin = "Essere buoni va bene, essere troppo buoni dà dei fastidi".
  160. Esse bon a... = "essere buono a...": essere capace di....
  161. Esse bon, a sta bin; esse tròp bon, a peul dé 'd sagrin = "Essere buoni sta bene, ma essere troppo buoni può dare dei dispiaceri".
  162. Esse carn e ongia = "Essere carne e unghia", due persone molto legate.
  163. Esse ciapà coma le mosche 'nt la potija = Essere nei pasticci.
  164. Esse coma can e gat = "Essere come cane e gatto".
  165. Esse coma Gian ëd la vigna, che 'n pòch a piora, e 'n pocg a grigna = "Essere cone Gianni della vigna, che un po' piange e un po' ride", d"umire mutevole.
  166. Ësse coma la masca 'd Salern = "Essere come la strega di Salerno", la bruttezza al massimo grado.
  167. Esse coma l'aso al son ëd la lira = "Essere come l'asino al suono della lira".
  168. Esse come 'l pransëmmo = Essere come il prezzemolo. Chi è dappertutto, quasi indispensabile. E se non c'è, ovviamente, se ne sente la mancanza e tutti si domandano dove sia mai finito.
  169. Esse content com un giari = "Essere contento come un topo", contentissimo!
  170. Esse cul e camisa = Essere come culo e camicia. Si dice di persone inseparabili, in perfetta sintonia
  171. Esse d'acòrdi coma le ciòche rote = "Essere d'accordo come le campane rotte".
  172. Esse dësvijà dla quarta = essere già sveglio di mattino presto, essere vivace.
  173. Esse dla Confratèrnita 'd Santa Pelagia = "essere della Confraternita di Santa Pelagia", cioè calvo!
  174. Esse dla lege = "Essere della legge". Conoscere le regole dello stare al mondo, ma anche poter dare aiuto e saper chiudere benevolmente un occhio di fronte a piccole infrazioni.
  175. Esse dla Raf = "Essere della Raf", sono ladri, gli scippatori e tutti coloro che sono abituati ad arraffare illecitamente.
  176. Esse dla tersa paròchia = Essere della terza parrocchia. I maschi e le femmine fanno parte delle prime due parrocchie, mentre la terza è composta da quelli che non rientrano nelle prime due, ossia gli omossessuali.
  177. Esse dla tribù `d Manasse = Avere le mani grosse. Gioco di parole fra "Manasse" e "manacce".
  178. Esse fòra dai feuj = "Essere fiori dai fogli", chi ha perso la pazienza e non ne può più.
  179. Esse fòra dal let = "Essere fuori dal letto", sto meglio.
  180. Esse Giaco Tross = "Essere Giacomo Torsolo", essere una persona rozza, cafona, volgare.
  181. Esse giù 'd carosserìa = "Essere giù di carrozzeria", una persona malandata, mal ridotta.
  182. Esse giù 'd còrda = Essere giù di corda. Quando l'orologio era giù di corda tendeva a fermarsi. Di qui il detto che viene allargato in senso figurato anche alle persone in crisi o in difficoltà psicologica.
  183. Esse gnanca bon a fé na "o" con n'ambossor = "Non essere neppure capace a fare una o con l'imbuto", ignorante, buono a nulla, inetto.
  184. Esse governà a mangim = "Essere nutrito a mangime", non essere in grado di procurarsi il cibo da soli", non essere autonomi.
  185. Esse grass parèj d'aragn = "essere grasso come un ragno", quindi essere magro!
  186. Esse grassios com ij dolor ëd pansa = "Essere grazioso come i dolori di pancia", essere insopportabile, molesto.
  187. Esse 'l dodes da taròch = "Essere il dodici di tarocchi", stare all'erta (il dodicesimo arcano rappresenta l'Appeso).
  188. Esse 'l fieul ëd la serva = "Essere il figlio della serva", non contare nulla.
  189. Esse la bàlia 'd Pilat = "Essere la balia di Pilato", chiaccherona.
  190. Esse lë storcion ëd la cusin-a = Essere lo strofinaccio della cucina".
  191. Esse l'euj drit ëd quaidun = "Essere l'occhio destro di qualcuno", essere il beniamino.
  192. Esse mach bon a fesse teme e fé paùra, a l'é na còsa nì bela nì sicura = "Essere solo capaci di farsi temere e far paura è una cosa né bella né sicura".
  193. Esse mach un cagabraje = essere uno che se la fa nei pantaloni, pauroso.
  194. Esse moschin = "Essere moscerino", essere permaloso.
  195. Esse 'n diav dij pé drit = "Essere un diavolo dai piedi dritti" , tanto subdolo da essere difficile da individuare.
  196. Esse 'n plófer = Essere un villanzone. Associato talvolta a "sacripante": come certe persone che continuano a fare gli smargiassi e a fare dei puerili dispetti. Plófer o plùfer indica soldato alemanno grande e grosso ed arrogante, un nufiacòp, un "annusa-tetti" per indicare di una persona altezzosa, boriosa.
  197. Esse 'n pò scrussì = "Essere un po' incrinato". Avere un diffuso dolore alle ossa.
  198. Esse 'n poj arpatà = "Essere un pidocchio rinforzato".
  199. Esse 'n tross = "Essere rozzo e scontroso".
  200. Esse na bon-a pola = "essere una buona pollastra", "donna vivace".
  201. Esse na madama Pompadour = Essere una signora Pompadour. Una donna che si dà parecchie arie e lascia cadere dall'alto ogni sua azione, risultando antipatica e indisponente.
  202. Esse na Madòna 'nsucrà", "Essere una Madonna inzuccherata", dolce e bello da fuori...
  203. Esse na mònia quàcia "Essere una monaca quieta", apparentemente buona e umile.
  204. Esse na pata mòla = "Essere uno straccio molle" , del tutto privo di energia, di forza.
  205. Esse na pieuva = "essere una pioggia": essere noioso.
  206. Esse na roa da mulin = Essere una ruota da mulino. chi parla in continuazione.
  207. Esse na testa viròira = "Essere una testa che gira", incostante, inaffidabile.
  208. Esse n'aso carià 'd bòsch = essere come un asino carico di legname.
  209. Esse 'nciodà ant ël let = "Essere inchiodato a letto".
  210. Esse në sprémi-limon = Essere un baciapile, un bigotto.
  211. Esse nen bon a trové d'aqua an Pò = "non essere capaci a trovare acqua in Po": non saper fare cose semplicissime.
  212. Esse nen vàire lòn = "essere non molto quello": non essere un gran che, essere mediocre.
  213. Esse 'nlevà 'nt la bambasin-a = "Essere allevato nella bambagia".
  214. Esse 'nt la greuja = Essere nel guscio, chi è ancora troppo giovane.
  215. Esse 'nt le cane = "Essere nelle canne". Chi si trova nelle calme è dunque in difficoltà, a mal partito. Simile è anche: Esse 'nt la bagna = essere nel sugo..
  216. Esse panà = "Essere impanati". Chi sta per essere impanato è nei guai seri e rischia di perdere la partita.
  217. Esse pendù = "Essere appesi", aver fatto le pubblicazioni di nozze, e quindi ...essere stato impiccato.
  218. Esse pes che 'l bòsch da forca = "Essere peggio che il legno della forca" , completamente insensibili a quel che accade.
  219. Esse pì andaré che la coa dël merlo = "Essere più indietro che la coda del merlo", essere ancora più stupidi di un merlo.
  220. Esse pì andaré dla coa dël crin = "essere più indietro della coda del maiale", ossia essere di un'ignoranza senza paragoni.
  221. Esse pì busiard che 'n gavadent = "Essere più buguardi che un cavadenti", venditori di intrugli inutili fatti passare per chissà che...
  222. Esse pì busiard che n'armanach = Essere più bugiardi di un almanacco. Un tempo le previsioni meteorologiche che ci propinavano almanacchi e lunari erano tutt'altro che attendibili. Di qui il collegamento con quelle persone poco credibili nelle loro dissertazioni.
  223. Esse pì conossù che la betònica = Essere più conosciuti della betonica, molto noto, conosciuto da tutti, anche in senso negativo.
  224. Esse pì fàit për robaté che për core = "Essere fatti più per cadere che per correre".
  225. Esse pì furb che 'l diav = "Essere più furbi del diavolo"
  226. Esse pi longh che na giornà sensa pan = Essere più lungo che una giornata senza pane.
  227. Esse pì sgnor che Vitòrio, Tòjo.= Essere più signore di Vittorio, il re. L'essere più signore del re significava vivere una vita molto agiata, disponendo di grandi risorse.
  228. Esse pì spess che l'aqua dij macaron = "Essere più spesso dell'acqua dei maccheroni", persona sciocca, ottusa; anche di chi è molto ingenuo e si mette in condizione di farsi sfruttare facilmente. In una sola parola, Bonòm.
  229. Esse pì tirà che l còrd d'un violin = "Essere più tirati che la corda di un violino", essere molto tesi.
  230. Esse pì verd che ij còj ëd Rivoli = "Essere più verdu che i cavoli di Rivoli", molto avari.
  231. Esse pien dë spatuss = "Essere pieno di sfoggio". Chi ama sfoggiare le proprie ricchezze, soprattutto da arricchito.
  232. Esse pien ëd lass-me sté = "Essere pieni di lasciami stare", una persona molto triste ed abbattuta.
  233. Esse plà coma na ran-a = "Essere pelato come una rana".
  234. Esse plà coma n'aj = essere pelato come un aglio.
  235. Esse robatà da cit ="Aver battuto la testa da piccolo".
  236. Esse scus ëd ... (verbo)... = "essere scusato di ...(verbo): essere autorizzato a ... (verbo).....
  237. Esse tacà ai cotin = Essere attaccato alle gonne, indica tanto le persone paurose ed incerte, così come quelle terribilmente noiose e che si lagnano di continuo.
  238. Esse tacà al travaj a l'é nen un talent ma lo arpiassa a maravija = "Essere attaccato al lavoro non è un talento innato, ma lo rimpiazza a meraviglia".
  239. Esse tòch ant ël nòmine patris = "Essere toccato nel nomine patris", alla fronte nel segno di croce dei cattolici-romani, vale ugualmente per "essere sempliciotto, svampito".
  240. Esse tògo = Essere "togo", buono, ottimo.
  241. Esse tòst al bon = Stare per finire qualcosa.
  242. Esse un barbis = "essere un baffo": essere un esperto in..., molto capace a.... Ci si riferisce di solito a lavori da artigiano di precisione.
  243. Esse un bigat = "Essere un baco da seta". Il baco mangia giorno e notte la foglia di gelso per produrre la seta, controllandone continuamente la commestibilità. In senso metaforico è un baco da seta chi intuisce una situazione, comprende un'allusione, capisce immediatamente come stanno le cose dietro una falsa apparenza.
  244. Esse un diav dai pé drit = "Essere un diavolo dai piedi dritti", una persona molto furba.
  245. Esse un palanchin = "Essere un palanchino", rappresenta tanto la leva usata per smuovere grossi pesi, quanto il palo di ferro utilizzato per realizzare buchi in terra.
  246. Esse un pèss = Essere un pesce. Il pesce abbocca all'amo e quindi è una facile preda per l'uomo che non ha bisogno di altri stratagemmi che di un amo e di un'esca per catturarlo. Essere furbo come un pesce significa essere un ingenuo, un credulone, uno che abbocca facilmente a lusinghe e facili promesse.
  247. Esse un San Gioann d'arlev = "Essere un San Giovanni di rimpiazzo", quando si parla di "sostituire o rimpiazzare qualcuno".
  248. Esse un soldà dël Papa = essere un piagnone, chi piange e si lamenta di continuo.
  249. Esse un subrich = "essere una frittella": essere arrogante, petulante, piuttosto antipatico. Viene riferito di solito a ragazzine e giovinette o giovani donne)
  250. Esse un tipo con la lòbia = Essere un elegantone.
  251. Esse vej coma 'l coco = "Essere vecchi come il cuculo".
  252. Esse verd coma 'n coj = "Essere verde cone un cavolo", non presentare un aspetto sano".
  253. Esse vestì për la chërsùa" = porta un abito troppo grande.
  254. Esse veuid coma na siala = "Essere vuoti come una cicala", vacui.
  255. Esse (bin) ancarpionà = essere molto innamorato.
  256. Euj al servissi dël Rè = "Occhi al servizio del Re", una spia.
  257. Euj da crivela = "Occhi da greppio", espressione torva.
  258. Euv ëd n'ora, pan d'un dì, vin d'un ann, fomna 'd quindes e amis ëd tranta = Sintesi di saggezza...