Proverbi piemontèis/q

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sapiensa antica dël pòpol piemontèis
Copertin-a

Contnù

Francesco Torniello da Novara Letter Q 1517.png

Q[modifiché]

  1. Quàich sant a provëdderà = "Qualche santo provvederà". La locuzione fa fede nella Provvidenza, attraverso la mediazione di qualche santo, disposto ad aiutarci nel momento del bisogno. Perà, quando il parlante piemontese usa questa locuzione non intende compiere un atto di totale abbandono alla volontà di Dio di tipo fatalistico-musulmano. Non dobbiamo dimenticare che la nostra gente è sempre volitiva, attivistica e impegnata: il ricorso alla protezione divina è quindi, sì, un atto di fede profonda che nasce soprattutto nel momento della prova e della tribolazione, ma è giustificato solo se noi abbiamo fatto tutto quanto in nostro potere per cavarci dalle difficoltà.
  2. Quaja dël bust = "Quaglia del busto", una donna piacente, bella e formosa che riempie bene il busto grazie anche a due seni prorompenti.
  3. Quajëtta sensa fil = "Involtino senzafilo". Il riferimento è ironico e scherzoso e riguarda la mela cotta che assomiglia vagamente a una polpetta ma che non necessita assolutamente del filo per essere preparata al forno.
  4. Quand a basta la vos dovra nen ël foèt = Quando basta la voce non usare la sferza.
  5. Quand a fà sol pijte 'l parapieuva e quand a pieuv fa coma ch'it veule = Quando fà bel tempo prenditi l'ombrello ., e quando piove fa come vuoi.
  6. Quand a fiòca nen d'invern a gela 'd prima = Quando non nevica d'inverno, in primavera ghiaccia.
  7. Quand a fioriss la bërgna, pianta la meliga = Quando fiorisce la prugna pianta il mais.
  8. Quand a l'é nòstra ora a bzògna andess-ne = "Quando arriva la nostra ora bisogna andarsene".
  9. Quand a l'é scur a ca d'un, a l'é scur a ca 'd tuti = "Quando è scuro a casa di uno, è scuro a casa di tutti".
  10. Quand a Natal as va al sol a Pasqua a së stà davzin al feu = Quando a Natale il sole se ne va, a Pasqua si sta vicino al sole.
  11. Quand a pieuv a San Michel, otòber a sarà pì brut che bel = Quando piove a San Michele, a ottobre sarà più brutto che bello.
  12. Quand a piev ëd pere da mulin, ij cup a servo nen = Quando piovono pietre da mulino, le tegole non servono.
  13. Quand a riva la glòria as na và la memòria = Quando arriva la gloria la memoria se ne va.
  14. Quand a San Giusep la griva canta, a fà n'invern e n'àutr apress = Quando a San Giuseppe canta il tordo, fa l'inverno e poi un altro ancora.
  15. Quand a son fidansà a l'han set man e na lenga: quand a son marià a l'han set lenghe e na man = Quando sono fidanzati hanno sette mani e una lingua; quando si sposano hanno sette lingue e una mano.
  16. Quand a ven avril ël gran a fà lë spì e la tortora 'l nì = Quando viene aprile il grano fa la spiga e la tortora il nido.
  17. Quand an tàola a j'é pòch pan, ël tò, tenlo an man = "Quando in tavola c'è poco pane, il tuo tienilo in mano".
  18. Quand ant la grupia a manca 'l fen, le vache as còrno = Quando nella greppia manca il fieno, le mucche si danno cornate.
  19. Quand as fà neuit ij plandron a rivo = Quando fa notte arrivano i pelandroni.
  20. Quand Berta a l'é marià tuti a la veulo = Quando Berta si sposa tutti la vogliono.
  21. Quand ch' a-i na j'é pòch as na vansa sèmper = Quando ce n'è poco ne avanza sempre.
  22. Quand ch'a pieuv e a fà sol, ël diav a fà l'amor = "Quando piove e fa sole il diavolo fa l'amore".
  23. Quand ch'a sùbia l'orija drita paròla mal dita = "Quando fischia l'orecchia destra parola mal detta".
  24. Quand ch'at càpita, pium-lo = "Quando ti capita, spennalo", cogli l'occasione.
  25. Quand che Berta a filava = "Quando Berta filava". Un tempo viveva una vedova di nome Berta, molto povera ma molto devota al suo re. Un giorno volle filare una lana sottilissima per donarla al sovrano, e questi, saputa la misera condizione della donna, la coprì di denaro e le garanti un comodo e sicuro avvenire. Quando si seppe di quel gesto generoso, tutti i sudditi si affrettarono a donare al re filati più o meno pregiati, ma il sovrano a tutti rispose: «Non sono più i tempi che Berta filava». Dunque, in senso figurato viene utilizzato per indicare un tempo antico e al tempo stesso felice.
  26. Quand che 'l cul a l'è frust ij pater nòster a ven-o a taj = Quando si è vecchi e logori, le preghiere vengono utili.
  27. Quand che la merda a mònta an scagn, o la fa spussa o la fa dann = Quando la merca viene in auge, o puzza o fa danni.
  28. Quand che lë stassi a l'é decidusse, 'l mërcà a l'era finì = "Quando lo stupido si era deciso, il mercato era finito".
  29. Quand che na fomna a veul fé savèj na còsa, a-j ciama da n'amisa 'd ten-e 'l segret = "Quando una donna vuol fare sapere qualcosa, chiede ad un'amica di tenere il segreto".
  30. Quand ch'ël forn a së scàuda soens, a-i và pì pòch ëd bòsch = Quando il forno lo si scalda spesso, ci vuole meno legna.
  31. Quand ël bòrgno a pòrta la bandiera, guai a chi a-j va darera = Quando il cieco porta la bandiera, guai a chi lo segue.
  32. Quand ël bzogn a bat a l'uss, l'onestà a scapa da la fnestra = Quando il bisogno bussa alla porta l'onestà fugge dalla finestra.
  33. Quand ël còrp a gòd, la sacòcia a tribula = Quando il corpo gode, le tasche fanno fatica.
  34. Quand ël diav a veul intré, as fica për la testa o për la coa = "Quando il diavolo vuole entrare si ficca per la testa o per la coda", dove non riesce la forza può riuscire l'astuzia.
  35. Quand ël feu a s-ciopata: o parent, o dné, o 'l padron ëd ca a veul rusé = "Quando il fuoco nel focolare scoppietta: o parenti, o i denari, o il padron di casa che vuole litigare".
  36. Quand ël fum a stenta a 'ndé sù da fornel, ël temp a và 'd bordel = Quando il fumo stenda ad uscire dal fornello, il tempo viene brutto.
  37. Quand ël gat a stà 'n sël feu, a la fà màira fin-a 'l cusiné = Quando il gatto sta sul focolare (ad aspettare), persino il cuoco ha poco da cucinare.
  38. Quand ël padron ëd cà a manca 'd servel, la ca a và a rabel = Quando il padron di casa manca di cervello (buon senso) la casa va in malora.
  39. Quand ël provrom a veul cheuse, 'l forn a dròca = Quando il poveretto va a cucinare, il forno cade giù.
  40. Quand ël sol a fà tre efet = mai.
  41. Quand ël vej a lassa 'l vin, valo a sërché ant l'àutr mond = "Quando l'anziano lascia il vino, vallo a cercare all'altro mondo".
  42. Quand i fasìa fassin-e 'd sabia = prima di nascere.
  43. Quand ij beu a veulo nen lauré a basta nen subié = "Quando i buoi non vogliono arare la terra, non basta fischiare".
  44. Quand ij cit a stan ciuto, cativ segn = Quando i bambini stanno zitti, brutto segno.
  45. Quand la crava a l'é abituà ant ij coj, o gavé ij coj o tajé la testa a la crava = "Quando la capra si è abituata a mangiare i cavoli, o togliere i cavoli o tagliare la testa alla capra".
  46. Quand la fam a ven drinta da la pòrta, l'amor a seurt da la fnestra = Quando la fame entra dalla porta, l'amore esce dalla finestra.
  47. Quand la famija a l'é anlevà, la famija a l'é ruvinà = "Quando la famiglia è allevata, la famiglia è rovinata". I figli crescono, e...
  48. Quand la fomna a l'é ant la pòrta, a ven da tenla, drita o stòrta = Quando hai moglie, conviene sempre tewnerla ion buon conto, dritta o storta che sia.
  49. Quand l'amor a l'é a tòch a-i é gnun ampèis ch'a lo taca = Quando l'amore va a pezzi, non c'è più modo di ripararlo.
  50. Quand l'aso a veul nen chité 'd brajé, la pieuva a stà për arivé = "Quando l'asino non vuole smettere di ragliare, la pioggia sta per arrivare".
  51. Quand le cane a l'han le piume longhe, l'invern a sarà longh = Quando le canne hanno le piume lunghe, l'inverno sarà lungo.
  52. Quand le ciòche a cambio 'd son, anche 'l temp a veul cambié = Quando le campane cambiano suono, anche il tempo vuole cambiare.
  53. Quand le còse a comenso a andé mal, fin-a le galin-e a van a fé l'euv fòra dla ca = Quando le cosa cominciano ad andar male, persino le galline vanno a far l'uovo fuori casa.
  54. Quand le galin-e a së spërpojo, buta nen a meuj ël linsòl = Quando le galline si ripuliscono dai pidocchi, non mettere a bagno il lenzuolo.
  55. Quand le nivole a cambio 'd valada, a van për pieuva = Quando le nuvole cambiano di vallata, vanno per piovere.
  56. Quand le nivole a van a la montagna, pija la sapa e va 'n campagn = Quando le nuvole vanno in montagna, prendi la zappa e va in campagna.
  57. Quand l'eva a toca 'l cul, a s'ampara a noé = Quando l'acqua arriva all'altezza del culo, si impara a nuotare.
  58. Quand Superga a l'ha 'l capel, o che fà brut o che fà bel = Quando Superga ha il cappello, o fa brutto oppure bello.
  59. Quand un a l'é dësgrassià, s'a-i casca un cop, a-i và an sla testa = Quando uno è disgraziato, se casca una tegola è sicuro che gli va in testa.
  60. Quand un a sta bin a l'é nen vej = Quando uno sta bene, non diventa vecchio.
  61. Quaquaré = parlare a vanvera.
  62. Quasi quasi i-i andarìa = "Quasi quasi io andrei". quando ci si trova in una situazione in cui non ci si sente a proprio agio e ci si vuole accomiatare, ma non si ha il coraggio di dire: "Vi saluto, me ne vado". Allora si cerca una formula tra il dubitativo e l'interrogativo, come a dire "Se non vi dispiace toglierei il disturbo".
  63. Quat paciarach për vive = "Quattro cianfrusaglie per vivere", sono sufficienti "quattro soldi per poter vivere".
  64. Quatesse 'l cul ëd frasche = "Coprirsi il sedere di fiasche", chi cerca scuse, pretesti, cavilli per non dare quanto richiesto o comportarsi diversamente da quello che ci attende.
  65. Quatr a gnun = "Quattro a nessuno", la vittoria secca in una gara sportiva, così come in una qualsiasi altra competizione. Il modo di dire nasce dal gioco della scopa nel quale i punti base sono appunto quattro: carte, denari, primiera e settebello. Chi si aggiudica una mano quattro a zero lascia l'avversario a bocca asciutta.
  66. Question ëd nen piessla = "Questione di non prendersela". Con questa locuzione si cerca solitamente di consolare chi si sta affliggendo per una questione che lo tocca da vicino, dando un consiglio spassionato: bisogna cercare di fare buon viso a cattiva sorte cercando di non prendersela, perché proprio non ne vale la pena.
  67. Quibus bene sonàntibus = "Danaro bene sonante". Espressione che riprende storpiandola la locuzione latina Laudate eum in cymbalis bene sonantibus = lodatelo con cembali sonori.che si rifà alle parole del salmo 150 divenute proverbiali. Anziché il cembalo sono però i soldi ad essere i protagonisti e nel caso specifico ci si riferisce a "moneta sonante".