Proverbi piemontèis/n

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sapiensa antica dël pòpol piemontèis
Copertin-a

Francesco Torniello da Novara Letter N 1517.png

Contnù

N[modifiché]

  1. Na bala 'd fum = "Una palla di fumo", una situazione inconsistente o un'inezia, una bazzecola.
  2. Na bela dòte a maria anche na sòpa = "Una bella dote sposa anche una zoppa".
  3. Na boca che j'orije a fan da angassin = "Una bocca che le orecchie le fanno da asola", una bocca grande.
  4. Na bon-a cossiensa a l'é 'l cussin pì bel = "Una buona coscienza è il cuscino più bello".
  5. Na bon-a rijada a và tuta an sangh = "Una buona risata va tutta nel sangue".
  6. Na bon-a 'rputassion a l'é në scond patrimòni = "Una buona reputazione è un secondo patrimonio".
  7. Na brava fomna a récita mach un Pater = "Una brava donna recita solo un Padrenostro", una piccola penitenza data in un confessionale.
  8. Na cativa lavandera a treuva mai na bon-a pera = "Una cattiva lavandaia non trova mai una pietra buona": quando non si vuole o non si sa fare un lavoro, si trovano sempre scuse per dire che non si può.
  9. Na cavagnà 'd pont = "Una cestata di punti", quando si ottengono tanti punti a una partita alle bocce o alle carte.
  10. Na ceresa con ël gianin = "Una ciliegia con il verme", la donna incinta, paragonandola in modo tutt'altro che elegante a una ciliegia con il vermetto.
  11. Na còsa a l'é parlé 'd mòrt, n'àutra a l'é meuire = "Una cosa è parlare di morte, un'altra è morire".
  12. Na facia 'd tóla a ven pì a taj che tanta scòla = "Una faccia tosta val di più che tanta scuola".
  13. Na fomna a l'é la fortun-a o la rovin-a 'd na ca = "La donna è la fortuna o la rovina di una casa".
  14. Na fomna ch'a rend da cont a l'é na rèndita sicura = "Una donna che risparmia è una rendita sicura".
  15. Na fomna e n'almanach a son mach bon për n'ann = "Le donne e gli almanacchi sono buone solo per un anno".
  16. Na fomna goregna = Una donna temprata dalla fatica.
  17. Na frèid da can = "Un freddo da cane", un freddo rigido, molto intenso, cui si presume possano resistere soltanto i cani.
  18. Na frisa = "Un briciolo". La frisa è una misura di lunghezza che corrisponde a 0,001 mm, in termini tecnici un micron. Da qui l'espressione scherzosa che sta per una quantità piccolissima di qualunque cosa.
  19. Na fròla an boca a n'aso = "Una fragola in bocca a un asino", cosa sciupata, non apprezzata.
  20. Na gamba gàucia e l'àutra stòrta = "Una gamba curva e l'altra storta",una persona che ha le gambe decisamente storte.
  21. Na gata da plé = "Una gatta da pelare". L'espressione nasce ai tempi in cui, per miseria, nella campagne i gatti talvolta venivano catturati per essere cucinati, un'azione piuttosto complicata, impegnativa.
  22. Na gran-a 'd mej aq jë stoprìa 'l cul = "Un granello di miglio gli tapperebbe il sedere", è spaventatissimo.
  23. Na mare tròp an gamba a fà la fija bon-a a gnente = "Una madre troppo in gamba rende la figlia buona a nulla".
  24. Na masnà tròp poponà a-j dà 'd fastìdi a chi ch'a l'ha anlevà = "Un bambino troppo coccolato dà dei fastidi a chi l'ha allevato".
  25. Na palà 'd tèra a basta a quatene j'euj = "Una palata di terra basta a coprirci gli occhi".
  26. Na parloma a bòce ferme = Ne parliamo a bocce ferme.
  27. Na patela = "una botta": una grossa quantità oltre che al significato letterale.
  28. Na paura dël diav = "Una paura del diavolo", un gran terrore.
  29. Na presa 'd tabach e na litra d'arcomandassion as nego mai a gnun = "Una presa di tabacco e una lettera di raccomandazioni non si negano a nessuno".
  30. Na ròba an sala e l'àutra an stata = "Una cosa in sala e l'altra nella stalla", cose mal accoppiate tra loro.
  31. Na rova tant dëscaussa = un poco di buono.
  32. Na sala tuta tapissà ‘d ross con ij cadregon bianch e na balerin-a ‘n mes ch’a bala = (Andvinaja: la boca).
  33. Na s-ciopatà e mesa = "Una schioppettata e mezza", una grande quantità di danaro, così come di cose materiali o immateriali.
  34. Na strivassà = "una forte sberla": una grossa quantità oltre che al significato letterale.
  35. Na testa con la lenga a val ëd pì = Una testa con la lingua vale di più.
  36. Na tòrta, për gròssa ch'a sìa, a spartila tra tanti a-i na resta nen = "Una torta, per grossa che sia, a spartirla tra tanti non ne resta".
  37. Na vòlta a pr'un a tòca a tuti = "Una volta per ciascuno tocca a tutti", di morire.
  38. Na vòlta amis dël can a l'é belfé robé = "Una volta fattici amici del cane è facile rubare".
  39. N'amis a l'é coma n'àutr noi istess = "L'amico è come un altro noi stessi".
  40. Napolitan largh ëd boca e strèit ëd man = "Napoletano largo di bocca e stretto di mano".
  41. N'arcansiel ch'a dura 'd pì d'un quart d'ora a l'é pi nen vardà = "Un arcobaleno che dura più di un quarto d'ora non è più guardato".
  42. Nas ch'a smangia sorprèisa ch'as rangia = "Naso che prude sorpresa che si prepara".
  43. Nas ch'a varda 'n cél a l'é pì gram che la fèl = "Naso che guarda in cielo è più cattivo del fiele".
  44. Nas ch'a varda për travers, s'it ëscape nen it ses pers = "Naso che guarda per traverso, se non scappi sei perduto".
  45. Nas ch'a varda vers ël cél a l'é pì gram che la fel = "Naso che guarda verso il cielo è più cattivo che il fiele".
  46. Nas ch'a varda vers la tèra a l'é pes che la guèra = "Naso che guarda verso terra è peggio che la guerra".
  47. Nas ch'a varda vers lë stòmi a l'é pì fàuss dël demòni = "Naso che guarda verso lo stomaco è più falso del demonio".
  48. Nas trionfa, la gòla a patiss = Le vivande troppo profumate sono insipide.
  49. Nas virà vers la testa a l'é pes che la tempesta = "Naso girato verso la testa è peggio che la tempesta".
  50. N'asar = E' ovvio, è scontato.
  51. Nasar = Nazzaro. "è ovvio, scontato", è probabile che si rifaccia a Felice Nazzaro, corridore automobilistico torinese = 1881-1940.
  52. N'aso a treuva sempre n'àutr aso che l'amira = "Un asino trova sempre un altro asino che lo ammira".
  53. N'aso a trova sèmpre n'àutr aso ch'a lo amira = "Un asino trova sempre un altro asino che l'ammira".
  54. N'aso carià 'd sòld = "Un asino carico di soldi", un villano rifatto, un arrampicatore sociale che nel suo profondo è rimasto volgare e rozzo.
  55. N'aso ch'as conòssa nen as chërd d'esse 'n caval = "Un asino che non si conosca crede d'essere un cavallo".
  56. Nasse con j'euj dovert = "Nascere con gli occhi aperti", essere un tipo sveglio.
  57. Natal con ij tò, Carlevé con ij mat, Pasqua con ch'it veule = "Natale con i tuoi, Carnevale con i matti, Pasqua con chi vuoi".
  58. Natal sensa lun-a, s'it l'has doe vache vend-ne un-a = Natale senza luna, se hai due mucche vendine una".
  59. N'àutr pàira 'd manie = "Un altro paio di maniche", "ben altra cosa". Quando si usava cambiare le maniche del proprio vestito a seconda della situazione (ad esempio, gli scrivani, per non sporcarsi di inchiosto).
  60. Ndoa a l'é staje 'l feu a-i resta odor ëd brusà = "Dove c'é stato il fuoco resta odore di bruciato".
  61. Né a tùit ij prèive a van bin le pantofle dël Papa = "Non a tutti i preti vanno bene le pantofole del Papa".
  62. Né cavaj, né giardin a son për ij pòver = "Né cavalli né giardini sono per i poveri".
  63. Nè dòn-a né tèila a van vardà al ciàir ëd candèila = "Né donna né tela vanno guardati alla luce della candela".
  64. Né fomne né cavaj as presto mai = "Né donne né cavalli si prestano mai".
  65. Né lodé né presté la fomna = "Non lodare ne prestare la moglie".
  66. Né l'òr né l'argent a valo la tòla = "Né l'oro né l'argento valgono la latta".
  67. Né noi né lor a san ëd chi i podoma avèj da manca domab = "Né noi né loro sappiamo di chi possiamo aver bisogno domani".
  68. Né për brut né për bel, viagia mai sensa mantel = "Né col brutto, né con il bel tempo, non viaggiare mai senza mantello".
  69. Neghé Nosgnor an sla cros = "Negare Nostro Signore sulla croce". Coloro che negano l'evidenza, anche quando questa è supportata da fatti documentati, come è stata la crocefissione di Gesù.
  70. Nèir com ij spaciafornèj d'Aosta = "Neri come gli spazzacamini d'Aosta".
  71. Nèir come la boca dël luv = "Nero come la bocca del lupo". La bocca del lupo è considerata nera come la pece e finisce per esprimere il concetto di "buio pesto.
  72. Nèir come un sìngher = "Nero come uno zingaro". Lo zingaro era nei racconti dei genitori il rapitore di bambini, colui che sarebbe arrivato a portarli via se avessero continuato a fare marachelle. Ma gli zingari assumevano anche una seconda caratteristica fondamentale: erano girovaghi, senza una casa e pertanto costretti a non lavarsi per settimane. Se si aggiunge che erano solitamente di carnagione scura, si può comprendere come siano potuti diventare il termine di similitudine per rappresentare il nero.
  73. Nemis divis nemis vint = "Nemici div isi, nemici vinti".
  74. Nen ancalasse a toché 'l grass con le man oite = "Non osare toccare il grasso con le mani unte". Se si hanno le mani unte non sarebbe poi così grave sporcarsele un altro po' infilandole nel grasso. Chi non lo fa è perché è piuttosto schizzinoso. in pratica ha un po' di puzza sotto il naso.
  75. Nen avèj 'd salùte da vende = "Non avere salute da vendere".
  76. Nen avèj freid ai pé = non aver freddo ai piedi, essere benestante.
  77. Nen avèj un pich = "Non avere un soldo". Con il termine pich veniva indicata anticamente una moneta da un quarto di soldo con un potere d'acquisto pari quasi allo zero. Pertanto chi non possedeva neppure un pich era povero all'ennesima potenza.
  78. Nen buté j'euj ansema = "Non mettere gli occhi insieme", non riuscire ad addormentarsi, oppure essere strabico.
  79. Nen buteje né sal né pèiver = "Non metterci né sale né pepe". Una cosa insipida come si potrebbe pensare, ma ad un comportamento crudo, brutale se occorre. In pratica chi fa un discorso senza metterci né sale, né pepe spiattella le cose senza fronzoli, senza veli e infingimenti
  80. Nen dé nì 'l bondì nì 'l bon ann = "Non dare né il buon giorno, né il buon anno", andarsene senza dire una parola.
  81. Nen dovesse gavé 'l capèl = "Non doversi togliere il cappello", avere una posizione da poterselo permettere.
  82. Nen esse farin-a d'òstie = "Non essere farina da ostie". Frase idiomatica che nega alle persone malvagie di poter essere considerate farina per fare ostie.
  83. Nen fesse andé giù l'ernia = "Non farsi andare giù l 'ernia", una persona che non può essere considerata un gran lavoratore.
  84. Nen fesse nufié = "Non farsi annusare". L'unico modo per non farsi annusare è quello di mantenere le distanze. Questo il significato, usato ovviamente in senso metaforico, quando si vuole assolutamente evitare di entrare in confidenza con qualcuno che finirebbe soltanto per approfittarne.
  85. Nen long ch'a toca, nen gròss ch'a stòpa, ma dur ch'a dura = Non lungo che tocca, non grosso che ottura, ma duro che dura.
  86. Nen mangé për nen caghé = "Non mangiare per non dover defecare". persone incredibilmente taccagne ed egoiste che sarebbero addirittura disposte a rinunciare al cibo pur di non espellere e di —conseguenza perdere — i resti della digestione.
  87. Nen mostreje 'l bianch ed l'euj = "Non far vedere il bianco dell'occhio", mantenere le distanze.
  88. Nen për ti, ma për ël pan a bogia la coa 'l can = "Non per te ma per il cane muove la coda il cane".
  89. Nen savèj a che mira un a l'é = "Non sapere a che punto uno è", quando si perde l'orientamento e non ci si riesce più a raccapezzare: in pratica non ci si raccapezza più.
  90. Nen savèj còs toiresse; Cò ch'it toire? = "che cosa rimesti, che cosa traffichi?".
  91. Nen savèj distingue 'l nas da la boca = "Non sapere distinguere il naso dalla bocca".
  92. Nen savej quanti pé a intro ant në stival = non sapere quanti piedi entrano in uno stivale, essere poco sveglio.
  93. Nen savèj vàire pàira a fan tre beu = "Non sapere quante coppie fanno tre buoi".
  94. Nen savèjne n'aca = "Non saperne n'acca". Sta per non capire niente, forse perché la lettera acca equivale a zero, dato che, nella lingua italiana, è muta e poco usata. Altro detto è Nen valèj n'aca = non valere un'acca., in pratica "non contare nulla".
  95. Nen sté 'nt la pel = "Non stare nella pelle". lo stato d'animo di chi ha appena ricevuto o spera di ricevere al più presto una buona notizia. Dunque in senso figurato ha un significato allargato: "attendere qualcosa di piacevole con grande gioia e impazienza", ma anche "manifestare la felicità o contentezza con tale eccitazione da sembrare sul punto di schizzare fuori dalla pelle, come incapaci di trattenere le proprie emozioni".
  96. Nen ten-e 'nt ël gavass = "Non tenere nel gozzo", chi parla chiaramente, con sincerità, senza sottintesi.
  97. Nen tuite le nate as gavo 'ntreghe = "Non tutti i tappi si riescono a togliere interi".
  98. Nen tut ant ël sò = "Non tutto nel suo". Il riferimento è alla campagna, a chi, per l'appunto, nel coltivare o accudire ad un campo finiva in quello del vicino. Pertanto, non più sulla sua proprietà. In senso metaforico indica persona fuori posto, demente, squilibrata.
  99. Nen tut lòn ch'a pias a fà bin = "Non tutto quello che piace fa bene".
  100. Nen tute le fior a san ëd bon = "Non tutti i fiori hanno un buon odore".
  101. Nen tute le mace as lavo con l'eva càuda = "Non tutte le macchie si lavano con l'acqua calda".
  102. Nen tute le mace 'l savon a-j gava = "Non tutte le macchie le toglie il sapone".
  103. Nen tute le scufie a son bon-e për la neuiot = "Non tutte le cuffie vanno bene per la notte".
  104. Nen tuti ij bòsch a van bin për fé 'd sant = "Non tutti i legni vanno bene per scolpire dei santi".
  105. Nen valèj na cita = "Non valere una cicca". Quanto possono valere i mozziconi? Quasi nulla e chi li raccoglie da terra per recuperare quel poco tabacco non consumato è davvero un disperato. Dunque, in senso metaforico chi vale meno di una cicca è considerato una nullità.
  106. Nen vastesse la chërsùa = "Non guastarsi la crescita". Si dice di una persona che preferisce fare poco o nulla, un fannullone e scansafatiche. In senso metaforico il fare poco o nulla finisce per non compromettere la crescita.
  107. Nen vëdde 'n beu an sla fiòca = "Non vedere un bue sulla neve", chi è distratto, tanto da non vedere un bue, le cui dimensioni sono considerevoli e la cui pezzatura di solito è scura, su una coltre bianca che ne evidenzia il contrasto.
  108. Nen vorèjla cede = "Non volerla cedere", quando non si vuole dare partita vinta alla controparte e si è disposti a lottare fino alla fine, senza cedere d'un solo passo.
  109. Neuit da inglèis = "Notte da inglesi", notte limpida e stellata. Si tratta di un'espressione nata nel corso della Seconda guerra mondiale, in relazione alle incursioni aeree della Raf. Era l'effetto provocato dai fari dell'antiaerea e delle bombe che cadevano sulle grandi città a far apparire il cielo più chiaro e luminoso di quello che fosse in realtà.
  110. N'euj a guarda an Fransa e l'àutr an Ëspagna = "Un occhio guiarda in Francia e l'altro in Spagna", è strabico!
  111. Nì a pé nì a cavai = "Né a piedi, né a cavallo", le proprie gambe, mentre chi poteva permetterselo si metteva in sella o alla guida d'un calesse. Non essere in grado di muoversi significava di fatto essere in una situazione incerta, equivoca, ambigua.
  112. Nì baston nì përzon a fan l'òm bon = "Nè bastone né prigione rendono buono l'uomo".
  113. Nì can nì vilan a saro l'uss con la man = "Né il cane né il villano chiudono la porta con la mano".
  114. Nì màrt nì ferì = "Né morto né ferito", più o meno.
  115. Nì për ogni mal ël médich, nì per ògni lite l'avocat, nì për ògni sej ël bicèr = "Non per ogni male ci vuole il medico, non per ogni lite l'avvocato, non per ogni sete il bicchiere".
  116. Nòbil as nass nen, as dventa = "Nobili non si nasce, si diventa".
  117. Noi i soma al servissi 'd tuti, ma tròp pòch al nòst servissi= "Noi siamo al servizio di tutti ma troppo poco del nostro".
  118. Noios coma na pieuva = "noioso come una pioggia": noiosissimo.
  119. N'òm a na val sent, sent a na valo ne un = "Un uomo ne vale cento, cento non ne valgono uno".
  120. N'òm pì a l'é bon e pì a passa për mincion = Un uomo più è buono e più passa da stupido.
  121. N'ora 'd pì a la candelora: mesa a la matin, mesa a la sèira = "Un'ora di più a la Candelora: mezza al mattino, mezza alla sera".
  122. N'ora 'd piasì, sent ëd dolor = "Un ora di piacere, cento di dolori", pi piaceri illeciti si pagano.
  123. N'ora 'd sol a fà suvé tanti linsòj = "Un ora di sole fa asciugare tante lenzuola".
  124. Nosgnor a paga tard, ma a paga largh = "Dio paga tardi ma paga abbondantemente".
  125. Nosgnor a variss e 'l dotor as pija ij sòld = "Dio guarisce e il medico si prende i soldi".
  126. Nosgnor ëd ròba smonùa a na veul nen = "Il Signore, di cose offerte non ne vuole", non gradisce chi si presenta a lui prima di essere chiamato. Nessun suicida gli è gradito.
  127. Nufiacop = "annusa-tetti": persona altezzosa, boriosa.