Sara Brugo/La fàbrica ocupà

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Artorn


La fàbrica ocupà[modifiché]

Bandieri chi péndu moli, sénsa vent,
sénsa cól respir ca ji sgunfiava ant l’aria,
urgoj scumpars par stancössa e ivént
che ’nsügna sa spiciava sta fin grama .
Tücc par sò cünt an gir par al mónd
cercand un lavur o da sbarchè al lünariu:
cancej sarà, la linea ferma,
gh’è piü la fàbrica, gh’è piü l’urariu.
Cumpagn ad lavur, cumpagn ant la vita
tignü ansèma dal pan e dal savèj cumün:
des s’ancóntru par cas e da parlenu
a smej chi vóru propriu piü.
S’nu fan ’na culpa da stu falimént,
as vargognu quasi ch’ijn mia stacc bói
da surlivesi e fée front al mumént
par salvée i post di outi generasiói.
Ijn lutà dür e rimitüghi ’l mes.
Pöi jin arandüsi, tant l’eva l’ustess.
Schiciai dai forsi dla gran ecunumìa
ijn tirasi da part
e santüssi sbatà via.
Ma quand ca smej che tütt l’è pardü
un’ariöta frösca la ciapa büfée
e i bandieri ch’is bugiavu piü
turnu sgunfiesi là su ’nt el ciél.

La fabbrica occupata[modifiché]

(Tradussion italian-a)

Bandiere che pendono spente, senza vento. / Senza quel respiro che le gonfiava nell’aria, / orgoglio che non chè più per stanchezza ed eventi / perché nessuno si aspettava un finale così brutto. / Ognuno per suo conto in giro per il mondo / cercando un lavoro o di sbarcare il lunario: / i cancelli sono chiusi, la linea ferma, / non c’è più la fabbrica, non c’è più l’orario. / Compagni di lavoro, compagni nella vita / tenuti uniti dal pane e dal sapere comune: / ora si incontrano per caso e di parlarne / sembra che non ne abbiano più voglia. / Se ne fanno una colpa di questo fallimento, / quasi si vergognano per non essere stati capaci / di sollevarsi e di superare il momento / per salvare i posti di lavoro per i giovani. / Hanno lottato duro e ci hanno rimesso la paga. / Poi si sono arresi, tanto era lo stesso. / Schiacciati dalle forze della grande economica / si sono tirati da parte / e si sono sentiti gettati via. / Ma quando sembra che tutto sia perduto / un’arietta sottile inizia a soffiare / e le bandiere che non si muovevano più / ritornano a gonfiarsi nel cielo, lassù.