Proverbi piemontèis/i

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sapiensa antica dël pòpol piemontèis
Copertin-a

Francesco Torniello da Novara Letter I 1517.png

Contnù

I[modifiché]

  1. I bèivo a n'àutra cheuita = "A un'altra cottura", al prossimo turno, fra un po'.
  2. I l'hai ciolalo = Io l'ho fregato, abbindolato, imbrogliato, ingannato, raggirato, truffato.
  3. I l'hai mach doi brass = "Io ho solo due di braccia", non chiedetemi troppo, non posso fare tutto contemporaneamente.
  4. I l'hai sempre litigà, i l'hai sempre vint: guardeme sì com i son dipint = "Ho sempre litigato, ho sempre vinto: guardatemi qui come sono dipinto".
  5. I lo faso la sman-a dij tre giòbia = Lo farò quando la settimana avrà tre giovedì.
  6. I soma mai tròp vej për amprende = "Non siamo mai troppo vecchi per impaare".
  7. I soma nen andàit an pastura 'nsema = "Non siamo andati al pascolo insieme". Qualcuno che si prende troppa confidenza.
  8. I son pa tò pare! = "Non sono tuo padre!". Questa espressione viene usata nei confronti di una persona non legata da rapporto di parentela alla quale si vuole rimarcare di non sentirsi vincolati riguardo obblighi e doveri.
  9. I son pròpe dësgenà = Non sono per nulla imbarazzato.
  10. Ignorant come na sòca = "Ignorante come uno zoccolo", con poca cultura se non quella della terra, rozza, triviale e grossolana.
  11. Ij busiard as chërdo gnanca quand ch'a diso la vrità = "Ai bugiardi non si crede neanche quando dicono la verità.
  12. Ij busiard as chërdo gnanca quand ch'a diso la vrità = "I bugiardi non si credono neanche quando dicono la veritò".
  13. Ij cher veuid a fan pì 'd bordel = "I carri vuoiti sono quelli che fanno più rumore".
  14. Ij cit a buto tùit ij dì n'onsa 'd carn e na lira 'd malissia = "I bambini mettono tutti i giorni un oncia di carne e una lira di malizia".
  15. Ij cit a son la richëssa dla pòvra gent = "I bambini sono la ricchezza della povera gente".
  16. Ij concim a fan ëd miracoj sensa esse sant = "I concimi fanno dei miracoli senza essere santi".
  17. Ij consèj as dan përchè a costo gnente = "I consigli si danno perché non costano niente".
  18. Ij convalesent a venta ch'a mzuro ij pas e ij dent = "I convalescenti devono misurare i passi e i denti".
  19. Ij cop e ij mon ëd la ca veja, a peulo vnì a taj për la ca neuva = "Le tegole e i mattoni della casa vecchia possono essere utili per la casa nuova".
  20. Ij còrn a son coma i dent: a fan mal a sponté, ma a giuto a mòrde = "Le corna sono come i denti: fanno male a spuntare ma aiutano a mordere".
  21. Ij débit a son com ij cunij = "I debiti sono come i conigli".
  22. Ij débit a son coma ij cunij = "I debiti sono come i conigli".
  23. Ij dent a son pì avzin che ij parent = "I denti sono più vicini dei parenti".
  24. Ij di 'd marca = "I giorni significativi", indica i giorni del ciclo femminile.
  25. Ij dij ëd la man a son dzuguaj = "Le dita della mano sono disuguali".
  26. Ij dné a fan ij sòld, e ij sòld a fan le lire = "I centesimi fanno i soldi e i soldi fanno le lire", il buon risparmio comincia dai centesimi.
  27. Ij dné a ven-o al pas e as na van al galòp = "I soldi arrivano al passo e se ne vanno al galoppo".
  28. Ij dné dj'àutri a son un mister doloros = "I soldi degli altri sono un mistero doloroso".
  29. Ij doi d'agost = "I due d'agosto", i testicoli..
  30. Ij dotor a son com ij bòrgno: a van al toch = "I dottori sono come i ciechi, vanno a tastoni".
  31. Ij fàit a son mas-cc e le paròle fomele = "I fatti sono maschili e le parole femminili".
  32. I-j fas pa con le tisòire = "Non li faccio con le forbici", i soldi.
  33. I-j faso pa con le tisòire = "Non li faccio con le forbici", i soldi.
  34. Ij fieuj a ciucio la mare da cit e 'l pare da grand = "I figli succhiano la madre da piccoli e il padre da grandi".
  35. Ij fieuj a matriso e le fije a patriso = I figli maschi assomigliano alla madre e le femmine al padre.
  36. Ij fieuj a ven-o dal cheur, e 'l marì da la pòrta = "I figli vengono dal cuore e il marito da la porta".
  37. Ij galùp e ij busiard a son ij prim a rivé = "I golosi e i bugiardi sono i primi ad arrivare".
  38. Ij gat a l'han set ànime e mesa = "I gatti hanno sette anime e mezza".
  39. Ij gheub a vëddo nen soa gheuba, ma a vëddo cola dj'àutri = "I gobbi non vedono la propria gobba, ma quella degli altri".
  40. Ij guaj a rivo anche sensa ciameje = "I guai arrivano anche senza chiamarli".
  41. I-j la vendo come i l'hai catala = "Gliela vendo come l'ho comprata", con il beneficio dell'inventario.
  42. Ij mat a chërso sensa bagneje = "I matti crescono senza bagnarli".
  43. Ij mat a 'nvento la mòda e ij savi a la pòrto = "I matti inventano la moda e i saggi la portano",
  44. Ij matrimòni a son nen com as fan, ma com a riesso = "I matrimoni non sono come si fanno, ma come riescono".
  45. Ij mèdich at purgo 'l còrp e la borsa = "I medici ti purgano il corpo e la borsa".
  46. Ij mej mèdich a son: dieta, quiet e alegrìa = "I migliori medici sono la dieta, la quiete e l'allegria".
  47. Ij mercantr as fan prima ij sòld e peuj la cossiensa = "I mercanti fanno prima i soldi e poi la coscienza"..
  48. Ij mont ëd la sità = "I monti della città", quelli dei pegni...
  49. Ij paisan a fan coma l'aso; a mangio, a bèivo e as na van sensa dì cojon a 'n can = "I contadini fanno come l'asino: mangiano, bevono e se ne vanno senza dire 'coglione' a un cane".
  50. Ij parent as conòsso a le nòsse e a le sepolture = "I parenti si conoscono alle nozze ed ai funerali".
  51. Ij parent e la pieuva dòp tre di a dan neuja = I parenti e la pioggia, dopo tre giorni diventano noiosi.
  52. Ij pecà dla brajëtta Nosgnor ch'a ij permëtta = "Che il Signore permetta i peccati delle mutande".
  53. Ij pì bon bocon a van sèmpe 'n boca al luv = "I bocconi più buoni vanno sempre in bocca al lupo".
  54. Ij pì bon parent a son coj dla sacòcia pien-a = "I migliori parenti sono quelli dalla tasca piena".
  55. Ij pì grand nemis dël caval a son l'arpòs e la grassa = "I più grandi nemici del cavallo sono il riposo e il grasso".
  56. Ij piat as rangio an sla stagera = "I piatti si alloggiano sullo scaffale". Tipica espressione usata quando le cose procedono nel migliore dei modi e tutto va a gonfie vele: proprio come piatti che si alloggiano in bella vista sullo scaffale.
  57. Ij piemontèis a lo fan mej = I piemontesi lo fanno meglio.
  58. Ij polastr a rendo tant bin ch'a-j anlevrìa fin ël sindich (o ël Marchèis) ëd Salusse = "I polli rendono tanto che gli alleverebbe persino il sindaco di Saluzzo".
  59. Ij prèive a l'han set man për pijé e un-a për dé = "I preti hanno sette mani per prendere e una per dare".
  60. Ij proverbi a son ëd ritaj dël Vangeli = "I proverbi sono ritagli del Vangelo".
  61. Ij proverbi a son nà prima dij liber = "I proverbi sono nati prima dei libri".
  62. Ij sales a l'han mai fàit d'uva = "I salici non hanno mai fatto l'uva".
  63. Ij segret amportant a son nen ròba da ignorant = "I segreti importanti non sono roba da ignoranti".
  64. Ij sòld a conteje a chërso nen = "I soldi a contarli non crescono".
  65. Ij sòld a l'han faje rotond përchè a giro = "I soldi li hanno fatti rotondi perché girino".
  66. Ij sòld a san gnun odor = "I soldi non hanno odore".
  67. Ij sòld a son la ciav dël paradis = "I soldi sono la chiave del paradiso".
  68. Ij sòld a van e a ven-o = "I soldi vanno e vengono", non bisogna preoccuparsi troppo del danaro, al quale sovente diamo un'importanza eccessiva.
  69. Ij temporaj pì gròss a ven-o an pressa = "I temporali più grossi vengono in fretta".
  70. Ij vej e ij giovo ch'as prësto soe proprietà s'a veulo esse bin arseivù an società = "I vecchi ed i giovani si prestino le loro proprietà se vogliono essere ben accolti in società".
  71. Ij vestì as porto 'l prim an për amor e 'l second për fòrsa = "I vestiti si portano il primo anno per amore e il secondo per forza".
  72. Ij vissi as amparo sensa magister = "I vizi si imparano senza maestro".
  73. Ij vissi as pijo an pressa e dificilment as perdo = "I vizi si prendono in fretta e difficilmente si perdono".
  74. Im lasso tajé la testa = "Mi lascio tagliare la testa", "...se le cose non vanno come dico io", una scommessa.
  75. Inglèis italianà = "Inglesi italianizzati". Gli inglesi hanno solitamente un carattere flemmatico e morigerato, ma se entrano in contatto per un lungo periodo con gli italiani si abituano al modo di vivere del Bel-paese e finiscono per diventare degli individui sfrenati, dissipati, insomma dell'acqua cheta che si è disinibita, scatenata.
  76. Intreje come Pilat ant ël Credo = Entrarci come Pilato nel Credo, l'essere estranei ad una cosa. Il procuratore romano non rientra dunque fra i buoni cristiani...
  77. It dago mi ij sòld ëd la sghijaròla = ""Ti do io i soldi della scivolata", una punizione per un peccatuccio non troppo grave.
  78. It l'avras mai gnun parent mej che n'amis ch'at veuja bin = "Non avrai mai un parente migliore di un amico che ti voglia bene".
  79. It l'has la morosa e la quarantin-a, però mama a stira e a cusin-a = "Hai la fidanzata e quarant'anni, però tua mamma per te stira e cucina".
  80. It l'has rason: paga na bota! = "Hai ragione: paga una bottiglia!".
  81. It l'has un bel subié! = Hai un bel da fischiare!.L'usignolo incanta con il suo fischio, non così come chi cerca di imitarlo, propinando paroloni e promesse.
  82. It rive da Strassborgh? = "Arrivi da Strasburgo?". Non c'entra l'omonima città, ma chi arriva vestito di stracci (strass)?
  83. It ses coma coj ëd San Damian, ch'a tiro la pera e stërmo la man = "Sei come quelli di San Damiano che tirano la pietra e nascondono la mano", prima lo fanno e poi fan finta di non essere stati loro.
  84. It ses ël mè prussòt = Sei il mio tesoro.
  85. It ses mach un gnacio! = "Sei solo un castagnaccio", sei solo un povero fesso!
  86. It ses na masca dij bòsch = "Sei una strega dei boschi". Avere l'argento vivo addosso, non stare mai fermo, ma anche essere pronto a qualche innocente dispetto.
  87. It ses na pieuva = "Sei una pioggia!", sei proprio noioso!
  88. It ses na pola da eva! = "Sei una gallinella palustre".Animale furbo e accorto
  89. It ses na tòla 'd Civass = "Sei una latta di Chivasso", avere una faccia di tolla, di bronzo.
  90. It ses passà da Cavour? = "Sei passato da Cavour?". Quelli di Cavour erano considerati gente boriosa piena di sé. Ne sei stato influenzato passando da quel paese?
  91. It ses pròpi dla tribù 'd Manasse! = "Sei proprio della tribù di Manasse". Non c'entra la tribù israelita, ma è solo uno che ha mani molto grandi!
  92. It ses pròpi gram = Sei proprio cattivo.
  93. It ses pròpi 'n balengo = Sei proprio uno stupido.
  94. It ses pròpi 'n dëstissor = "Sei proprio uno spegnitore"! Chi spegne l'entusiasmo.
  95. It ses pròpi 'n pivel = Sei proprio un pivello, un novellino, un principiante.
  96. It ses pròpi 'n pocio! = "Sei proprio una sorbola!", grazioso.
  97. It ses pròpi un pèss = "Sei proprio un pesce". Il pesce viene sovente preso come campione d'ingenuità e stupidità, non perché particolarmente ottuso e ingenuo ma perché sovente finisce all'amo, da cui:; un ingenuo facile da abbindolare.
  98. It ses pròpri 'n crinass = Sei proprio uno sporcaccione, non tiene pulite le sue cose.
  99. It ses rubatà da cit? = "Sei caduto da piccolo?", ...battendo la testa e rimanendo stupido?
  100. It ses un babacio = Sei un pagliaccio.
  101. It ses un bel arnèis! = "Sei un bell'arnese!". In senso ironico significa "sei un bel tipo", accostando il protagonista cui è riferito il commento ad un arnese usato magari in bottega o in officina.
  102. It ses un bigat = "Sei un baco da seta", "ha mangiato la foglia".