Proverbi piemontèis/a

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sapiensa antica dël pòpol piemontèis
Copertin-a

Contnù

Francesco Torniello da Novara Letter A 1517.png

A[modifiché]

  1. A barbis ëd gat = "A baffi di gatto" (va tutto bene, a meraviglia).
  2. A basta 'n mat për ca = "Basta già un matto per casa", non ne vogliamo di più...
  3. A basta nen amprende a lese e a scrive për amprende a vive = "Non basta imparare a leggere e a scrivere per imparare a vivere".
  4. A basta nen avèj ëd sòld: a bsògna saveije spende = "Non basta avere soldi: bisogna saperli spendere".
  5. A basta nen avèj rason: a venta trové 'dcò chi ch'av la fà = "Non basta avere ragione: bisogna trovare anche chi ve la patrocina".
  6. A basta nen crijé 'ndoa a-i và 'l castigh = "Non basta gridare dove occorre il castigo".
  7. A basta vince, nen stravince = "E' sufficente vincere, non stravincere".
  8. A bat volenté a la pòrta chi 'd bon-e neuve a pòrta = "Bussa volentieri alla porta chi porta buone notizie".
  9. A bòca sarà a-i 'ntra gnun-e mosche = "Nella bocca chiusa non entrano mosche": meglio non parlare troppo, non esporsi.
  10. A bòce ferme as savrà chi guadagna = "A bocce ferme si saprà chi vince".
  11. A bòce fërme, as pijo le mzure = "A bocce ferme si prendono le misure".
  12. A bon pat = a buon prezzo.
  13. A brila batùa = a briglia sciolta.
  14. A brus = rasente.
  15. A bufa an sla pasta sùita = "Soffia sulla pasta asciutta", sta per morire.
  16. A buté gròss = tutt'al più.
  17. A buterìa un sach al sël fornel = Metterebbe un sacco sul fornello per catturare il fumo e gli odori.A cap dël comun, o bon o gram, a-i na veul un = "A capo del comune, o buono o cattivo ce ne vuole uno".
  18. A bzògna avèj n'euj al gat e l'àutr a la padela ="Bisogna vere un occhio al gatto e l'altro alla padella".
  19. A bzògna mostreje ij dent al luv = "Bisogna mostrargli i denti al lupo", dimostrarsi decisi e non remissivi.
  20. A bzògna nen fidesse dij seugn = "Non bisogna mai fidarsi dei sogni".
  21. A bzògna nen sempre dì tut = "Non bisogna sempre dire tutto".
  22. A bzògna vëdde ij sàles a fé d'uva = "Bisogna vedere i salici fare uva", assistere a cose incredibili.
  23. A ca soa as fà com as veul, fòra com as peul = "A casa propria si fa come si vuole, fuori come si puà".
  24. A calo ij montagnin = Scendono i montanari, calano le palpebre per il sonno.
  25. A canta coma 'n canarin da giand = "Canta come un canarino da ghiande", cioè ...come un maiale!
  26. A capiterà quand ch'a fiòca ross = "Capiterà quando nevica rosso", mai...
  27. A caplà = "A cappellate": in grande quantità.
  28. A carte quaranteut = "A carte quarantotto": alla malora.
  29. A cata pole = "Acquista pollastre" (ha i bambini al seguito sulle spalle.
  30. A catòrba = Alla cieca.
  31. A caval ëspron, a la fomna baston = "Per un cavallo lo sperone, per la moglie il bastone".
  32. A caval giovo, cavajer vej = "Per un cavallo giovane ci vuole un cavaliere vecchio".
  33. A chi a bërlica 'l gram, confidje nen ël bin = "A chi lecca il cattivo non affidargli il bene".
  34. A chi a l'ha 'n mësté për le man, a-j manca mai 'l pan = "Chi ha un mestiere per le mani non mancherà mai del pane".
  35. A chi a meuir nen ant la cuna a-j càpita sèmper quaicòsa = "A chi non muore nella culla capita sempre qualcosa": i problemi sono inevitabili per chi è vivo.
  36. A chi a nass ësfortunà, a pieuv an sël cul anche s'a l'é setà = "A chi è sfortunato piove sul sedere anche se è seduto".
  37. A chi a peul pijete tut, daje lòn ch'at ciama = "A chi può prenderti tutto, dagli ciò che ti chiede".
  38. A chi a-j pias nen ël vin, Nosgnor a-j fasa manché l'aqua = "A chi non piace il vino, il Signore gli faccia mancare l'acqua".
  39. A chi a-j va bin, a smija 'n piòta = "Colui al quale va tutto bene sembra in gamba", spesso chi sembra in gamba è solo molto fortunato.
  40. A chi ch'a l'ha 'n mësté për le man, a-j manca nen el pan = "A chi ha un mestiere per le mani non manca mai il pane".
  41. A chi ch'a-j pias, la spussa a l'é 'n bon odor = "A chi piace, la puzza è un buon odore".
  42. A chi chërd, Dio a proved = "A chi crede Dio provvede".
  43. A chi Nosgnor a-j dà gnun fieuj, el diav a-j dà 'd nevod = A chi il Signore non dà figli, il diavolo gli dà nipoti".
  44. A ciamé a diso ch'as perd mai gnente = "Dicono che a chiedere non si perda nulla", al massimo si riceve un rifiuto.
  45. A conòss nen la pas chi a l'ha nen provà la guèra = "Non conosce la pace chi non ha mai provato la guerra", perché è sempre orribile.
  46. A costa 'd pì esse cativ che brav = "Costa di più essere cattivo che bravo". La cattiveria non paga mai.
  47. A costa 'd pì la sàussa che 'l pèss = "Costa più la salsa che il pesce", non ne vale la pena.
  48. A còsta pì manten-e 'n vissi che doi cit = "Costa di più mantenere un vizio che due bambini".
  49. A dà da mangé ij mòrt e a sotera ij malavi = "Da da mangiare i morti e sotterra i malati", fa confusione.
  50. A dà d'incens ai mòrt = "Da insenso ai morti", fa una cosa inutile.
  51. A darìo gnanca l'eva ch'a fan = "Non darebbero neanche l'acqua che fanno".
  52. A darìo nen un bicer d'eva frësca a Nosgnor = "Non darebbero un bicchiere d'acqua fresca al Signore".
  53. A dëstissa 'd pì na paròla che na sijà d'eva = "Spegne di più una parola che una secchiata d'acqua", può raffreddare anche gli animi più bollenti.
  54. A deurme tròp a scursa la vita = Dormire troppo accorcia la vita.
  55. A Dio la glòria, al prèive la candèila = "A Dio la gloria, al prete la candela".
  56. A doi indrit = "A due diritti", double face, vantaggi e rischi al tempo stesso.
  57. A dròch = in abbondanza.
  58. A dura da Natal a San Steo = Durare da Natale a Santo Stefano, essere di breve durata, un giorno!
  59. A esse galantòm as dventa nen sgnor = "A essere galantuomini non si diventa ricchi", spesso l'onestà non paga in questo mondo, ma va sempre praticata, anche a nostro danno, per principio.
  60. A esse galantòm as ven nen ësgnor = "Ad essere galantuomini non si diventa ricchi".
  61. A esse un as fà pòch = "A essere da soli si fa poco".
  62. A fà bel fesse largh con la ròba d'àutri = "E' comodo farsi strada con le cose degli altri", ma bisogna farlo con i propri mezzi.
  63. A fà coma Carlomagno = "Fa come Carlo Magno" (a carte) che si ritira nel pieno delle vincite.
  64. A fà coma l'aso dël tupiné = "Fa come l'asino del pentolaio", che si ferma continuamente, e questo per chiacchierare e cercare avventori.
  65. A fa conversassion con ij mòrt = "Fa conversazione con i morti", starsene solo, al buio.
  66. A fà gogheta = E' brillo!
  67. A fà la lòira = "Fa il ghiro", dorme, è pigro.
  68. A fà l'ùltim baj = "Fa l'ultimo respiro", muore.
  69. A fà miton-mitena = Fa le cose con una lentezza esasperante.
  70. A falisso fin-a ij prèive a dì mëssa = "Sbagliano persino i preti a dire messa".
  71. A fan ëvnì la testa larga coma na brassà = "Fanno venire la testa larga come una bracciata", le persone noiose.
  72. A fé na ca o a pianté na vigna, lòn ch'a costa gnun a l'andvin-a = "Costruire una casa o piantare una vigna, quel che costa nessuno lo indovina", spesso la gente non si rende conto o minimizza quanto ci voglia.
  73. A fesse bin vorèj a-i va pòch = "A farsi benvolere ci vuole poco": essere gentili paga sempre.
  74. A fesse graté da j'àutri, ... a grato mai andova ch'a smangia = "A farsi grattare dagli altri, ... non grattano mai dove prude": Non sperare che gli altri possano risolvere bene i tuoi problemi.
  75. A fesse vej i soma sèmper a temp = "Ad invecchiare c'è sempre tempo", non serve che i giovani dicano di essere più anziani di quanto siano.
  76. A flamba 'l bòcc = "Colpisce il pallino", riuscire a mettere a punto un'azione eccellente.
  77. A fòrsa 'd dì na busìa as finiss për chërdla na vrità = "A forza di dire una bugia, si finisce per crederla una verità".
  78. A fòrsa 'd falì as ampara = "A forza di sbagliare s'impara".
  79. A fòrsa 'd nojosé quaicòsa as gava sèmpre = "A forza di insistere qualcosa si ricava sempre", anche solo per togliere dai piedi l'importuno.
  80. A fòrsa 'd punt as cus la camisa = "A forza di punti si cuce la camicia".
  81. A fòrsa d'andé a toca peuj fërmesse = Prima o poi ci si deve fermare.
  82. A fòrsa d'andé al lard, la gata a-i lassa la zampa = "A forza d'andare al lardo la gatta ci lascia la zampa".
  83. A fòrsa d'atende, tut a ven bon da vende = "A forza di attendere tutto vien buono da vendere".
  84. A fussa pa mach ecc. = fosse mica soltanto ecc. non fosse altro che ecc..
  85. A galin-a ingòrda a-j chërpa 'l gavass = "Alla gallina ingorda scoppia il collo". Moderazione!
  86. A gatagnàu = i movimenti di un neonato che ancora non è in grado di camminare.
  87. A gatalin-a = A cavalluccio.
  88. A gatapròcc = A cavalluccio.
  89. A gieugh finì a val tant ël rè coma la pedin-a = di fronte alla morte le differenze sociali non contano più.
  90. A gossa a gossa as fòra la pera = "Goccia dopo goccia si buca la pietra": l'importante è perseverare, prima o poi i risultati arriveranno.
  91. A j'é 'd coj che s'a campèisso a n'ària na pera, a-j ven giù 'n marengh, e dj'àutri che s'a campèisso 'n marengh a-j ven giù na pera = "Ci sono di quelli che se buttassero in aria una pietra verrebbe giù un marengo e di quelli che se buttassero un marengo verrebbe giù una pietra". Chi gli va sempre per il meglio e chi gli va sempre storta.
  92. A j'é da bërlichesse ij dij = da leccarsi le dita, molto buono da mangiare.
  93. A j'é gnente 'd pì bon che la ròba proibìa = "Non c'è niente di più buono che la roba proibita".
  94. A j'é gnente pì pesant che 'n segret = "Non c'è nulla di più pesante che un segreto".
  95. A j'é gnun abate pì savi che col ch'a l'é stàit frà = "Non c'è abate più saggio di quello che è stato frate", chi è partito dalla gavetta senza saltare le tappe.
  96. A j'é gnun autar sensa cros = "Non c'è nessun altare senza croce" (ognuno ha la sua croce).
  97. A j'é gnun autar sensa crus = "Non c'è altare che non abbia una croce".
  98. A j'é gnun baricc sensa malissia = "Non c'è strabico senza malizia", superstizione che considerava inquietante lo sguardo di una persona strabica.ch
  99. A j'é gnun guaj a sto mond ch'a-i intra nen na fomna = "Non c'è nessun guaio in questo mondo in cui non c'entri una donna.
  100. A j'é gnun pì grand nemis che la prosperità = "Non c'è nemico più grande che la prosperità".
  101. A j'é gnun pì intratabij che j'ignorant = Non c'è nessuno che sia più intrattabile che un ignorante.
  102. A j'é gnun pì superbi che 'l póver anrichì = "Non c'è nessuno più superbo del povero arricchito".
  103. A j'é gnun avèj ch'a vala 'l savèj = Non c'è alcuna ricchezza che valga il sapere.
  104. A j'é gnun-e reuse sensa spin-e = "Non vi sono rose senza spine".
  105. A j'é gnun-e richësse ch'a valo la salute = "Non ci sono ricchezze che valgano la salute".
  106. A j'é mach ij coj ch'a son bon fàit ampressa = "Sono solo i cavoli ad essere buoni quando sono fatti in fretta".
  107. A j'é mach j'Ebreo ch'a guadagno a presté = "Sono solo gli ebrei che guadagnano a prestare". Quando il prestito ad interesse era consentito solo agli ebrei.
  108. A j'é 'n gran divari tra 'l coragios e 'l temerari = "C'è un gran divario fra il coraggioso e il temerario".
  109. A j'é nen Barbagiòve ch'a ten-a = "Non c'è Barbagiove che tenga", così è e dev'essere.
  110. A j'é nen bela reusa ch'a dventa nen gratacul = Non c'è bella rosa che non diventi una rosa canina.
  111. A j'é nen erba ch'a guarda an sù ch'a l'abia nel la soa virtù = "Non c'è erba che guardi in su che non abbia la sua virtù.
  112. A j'é nen na parentela ch'a l'abia nen na coa ch'a rabela = "Non c'è una famiglia che non abbia una coda che si trascina" , un membro che sia di peso agli altri.
  113. A j'é nen un bon cartoné che quàich vòlta a daga nen el gir = "Non c'è un buon carrettiere che qualche volta non ribalti il carro".
  114. A j'é pì 'd guaj che 'd piasì = "Ci sono più guai che piaceri".
  115. A j'é pì 'd past che 'd giornà = "Ci sono più pasti che giornate"
  116. A j'é staje ant la rej fin-a 'l merlo dal bech giàun = "E' stato acchiappato dalla rete persino il merlo dal becco giallo".
  117. A j'é tre manere 'd vive: vive, vivoté e stenté = "Vi sono tre maniere di vivere: vivere, vivacchiare e stentare".
  118. A l’é passaje San Giusep con ël rabòt = E' passato S. Giuseppe con la pialla = E' una donna piatta, senza seno.
  119. A la barba grisolin-a a-i veul soens ël giuss ëd la tin-a = "Per la barba grigiolina ci vuole spesso il succo di cantina", gli anziani gradiscono sempre un buon bicchiere di vino...
  120. A la bela e mej = "Alla bella e meglio", un lavoro o un compito svolto in maniera non troppo precisa.
  121. A la bon-a 'd Dio = a caso, a casaccio, alla ventura.
  122. A la bonora = finalmente.
  123. A la feja, tant a-j fà ch'a la mangia 'l luv, coma ch'a la scan-a 'l maslé = "Alla pecora, tanto le importi che la mangi il lupo che la scanni il macellaio".
  124. A la fomna polida a-j manca mai l'aqua = "Non manca mai l'acqua alla donna pulita".
  125. A la fortun-a a venta sempre lasseje la pòrta duverta = "Alla fortuna bisogna sempre lasciarle la porta aperta".
  126. A la la mòrt dj'agon = "Fa la morte degli agoni", pesce di lago che deve essere ben cotto.
  127. A la mira dël nas = approssimativamente.
  128. A la neuit as artiro ij galantòm e le birbe a seurto = "Di notte i galantuomini si ritirano ed escono i birboni".
  129. A la prima as përdon-a, a la sconda as avert, a la tersa 's baston-a = "Alla prima si pertdona, alla seconda si avverte, alla terza si bastona".
  130. A la prima, tut lòn ch'a buta fòra la testa a va bin a fé 'd mnestra = "In primavera, tutto ciò che mette fuori la testa va bene per fare la minestra", le erbe primaverili sono ottime.
  131. A la sèira leon, a la matin plandron = "Alla sera leone, al mattino poltrone".
  132. A la toira com'a-j pias = "La rimesta come gli piace", fa quel che gli piace, cercando possibilmente il tornaconto-
  133. A la veja a-j rincress meuire, përchè tùit ij dì a n'ampara un-a neuva = "Alla vecchia dispiace morire, perché tutti i giorni ne impara una nuova". Non si cessa mai di imparare.
  134. A la viarà = Subito, affrettatamente, bel bello.
  135. A l'amis pela 'l fì, al nemis ël persi = "All'amico pela il fico, al nemico la pesca", che di solito si mangiava con la buccia, piena di sostanze nutritive.
  136. A l'Anonsià ij pra a van rastlà = "All'Annunziata i prati vanno rastrellati" (il 25 marzo).
  137. A l'arbus = a rovescio.
  138. A l'asar = a caso.
  139. A lassa la bòra = "Lascia le penne", muore.
  140. A lava pì 'd chèich làcrima che tuta l'eva d'un fium = "Lava di più qualche lacrima che tutta l'acqua d'un fiume".
  141. A l'avàit = in agguato.
  142. A l'avocat a venta conteje le còse ciàire: a toca peui a chiel d'ambrojeje = "All'avvocato bisogna raccontare le cose chiare: tocca poi a lui d'imbrogliarle".
  143. A l'è ancora nen bon a polidesse 'l cul da sol = Non è ancora nemmeno capace a pulirsi il sedere da solo.
  144. A l'é ancora nen bon a sofiesse 'l nas = Non è ancora nemmeno capace a soffiarsi il naso, è giovane ed inesperto.
  145. A l'é andàit a cheuje le buse dapress al vapor = "E' andato a raccogliere le cacche dietro al vapore", lavoro inutile, perché il carro a vapore, a differenza di quello tirato da cavalli, non ne lascia...
  146. A l'é andàit a mangé an sle giàire dla Stura = "E' andato a mangiare sulla ghiaia della Stura", mangiare poco e male.
  147. A l'é andàit a Roma sensa vëdde 'l Papa = "E' andato a Roma senza vedere il Papa", senza fare la cosa più importante. ...ma forse era un Barbèt.
  148. A l'é andàit a toché l'uss = "E' andato a toccare la morta" della morte, era lì lì per morire.
  149. A l'é andàit fòra dij feuj = "E' andato fuori dai fogli", contravvenire alle regole comuni, oppure arrabbiarsi oltre misura.
  150. A l'é bastansa rich col ch'as contenta 'd pòch = "E' abbastanza ricco quel che si accontenta di poco".
  151. A l'é bin (a fé) = "è bene a fare" vero: è facile.
  152. A l'é bin savèj un pòch ëd tut = "E' meglio sapere un po' di tutto".
  153. A l'é bon-a cola fomna ch'a ven nen pegg = "E' buona quella donna che non peggiora".
  154. A l'é bon-a la fòrsa, ma a l'é mej l'ingegn = "E' buona la forza, ma è meglio l'ingegno".
  155. A l'é brut andé contra corent (o contra aqua) = "E' brutto andare contro corrente"
  156. A l'é brut avèjlo mol, ma a l'é pì brut avèjlo dur e nen savèj andoa butelo = E' brutto avercelo molle, ma è più brutto ancora averlo duro e non sapere dove metterlo.
  157. A l'é brut serve, ma pì brut fesse serve = "E' brutto servire, ma più brutto farsi servire".
  158. A l'é calaje 'n pluch che... = "Ci è mancato un pelo che...".
  159. A l'é car coma 'l feu = "E' caro come il fuoco", molto costoso.
  160. A l'é cariasse 'd bòsch verd = "Si è caricato di legna verde", che non serve per far fuoco, lavoro inutile.
  161. A l'é coma ciucié 'n ciò = "E' come succhiare un chiodo", se ne ricava ben poco...
  162. A l'é coma dì bela fija a 'n frà = E' come dire bella ragazza ad un frate", dire la cosa sbagliata, che non c'entra.
  163. A l'é coma 'l bòrgno 'd Milan: ch'a veul un sòld a felo canté e doi a felo sté chet = "E' come il cieco di Milano, che vuole un soldo per farlo cantare e due per farlo stare zitto". Se incomincia parlare, poi...
  164. A l'é coma la lun-a: tùit ij mèis a cambia për dventé coma prima = "E' come la luna, tutti i mesi cambia per diventare come prima", cambiamenti apparenti.
  165. A l'é coma robé an sl'autar = "E' come rubare sull'altare", una cosa sfrontata da farsi.
  166. A l'é coma Susa, o a nìa o a brusa = "E' come Susa, o annega o brucia".
  167. A l'é come bèive na vira (vòlta) = "È come bere una volta", bere abbondantemente.
  168. A l'é d'acòrdi con ël verb mòrdi = "E' d'accordo con il verbo mordere", non si cura d'altro che di mangiare.
  169. A l'é drocà da la banchëtta = "E' caduto dalla panchetta", il bambino spodestato dall'arrivo di un fratellino.
  170. A l'é dròlo come un ciochin ëd bòsch = "Ë strano come un campanello di legno".
  171. A l'é dventà na damigian-a 'd vin brusch = "E' diventata una damigiana di vino acido".
  172. A l'é fàcil dì 'd busìe, ma a l'é difìcil arcordèssje = "E' facile dire bugie, ma è difficile ricordarsele".
  173. A l'é fàcil travajé an sla pel ëd j'àutri = "E' facile lavorare sulla pelle degli altri", i medici mettono a repentaglio la salute di altri, ma non la propria...
  174. A l'é fesse 'n mal pì gròss lassesse vince dal mal = "E' farsi un male più grande lasciarsi vincere dal male", la volontà di guarire può fare molto.
  175. A l'é finì ant l'obergi dij doi pin = "E' finito all'arbergo dei due pini", in manicomio.
  176. A l'é fòl parej d' na mica = E' stupido come una una pagnotta?.
  177. A l'é fòl coma 'n tupin = È stupido come un vaso da notte
  178. A le fomne dije mai nì veja nì bruta = "Alle donne non dire mai né vecchia né brutta".
  179. A l'é furb coma Griboja = Griboja, persona sciocca e priva di logica.
  180. A l'é furb coma 'l cit ëd Vanchija", il Robin Hood torinese dell'800.
  181. A l'é inùtil la biava quand l'aso a l'é mòrt = "E' inutile la biada quando l'asino è morto"!
  182. A l'é 'l buratin ëd tuti = "E' lo zimbello di tutti".
  183. A l'é 'l dòm ëd Milan = "È il duomo di Milano" (una costruzione che non si riesce mai a terminare).
  184. A l'é l'aso 'd natura chi a sa nen lese soa scritura = "E' un asino per natura chi non sa leggere la propria scrittura".
  185. A l'é lìber chi sà ubidì a la lege = "E' libero chi sa ubbidire alla legge".
  186. A l'é lòn = che ecc. = "è quello che ecc. perciò ecc..
  187. A l'é l'ùltima roa dël cher = "è l'ultima ruota del carro": è l'ultima cosa di cui ti devi preoccupare, c'é altro di più importante.
  188. A l'é mai istà sensa mòsche = "Non c'è estate senza mosche": certe cose fastidiose sono inevitabili.
  189. A l'é maj n'aso ch'am pòrta che 'n caval ch'am campa për tèra = "E' meglio un asino che mi porta che un cavallo che mi fa cadere a terra".
  190. A l'é maj risparmié a l'orlo che al fond = "E' meglio risparmiare sull'orlo (e dunque fin dall'inizio), che al fondo".
  191. A l'é mal (a fé) = "è male a fare" vero: è difficile.
  192. A l'é mal andé contra vent = "E' male andare contro vento".
  193. A l'é malàvia 'd pajòla = E' ammalata di "letto di parto", aspetta un bambino.
  194. A l'é mej amparé a spèise d'àutri che a le nòstre = E' meglio imparare a spese d'altri che alle nostre", imparare dalle esperienze altrui.
  195. A l'é mej amparé a spèise dj'àutri che a le nòstre = "E' meglio imparare a spese degli altri che alle nostre".
  196. A l'é mej andé sol che avèj 'n lader an compagnìa = "E meglio essere soli che avere un ladro per compagno".
  197. A l'é mej arzansura 'd barlet che aqua pura = "E' meglio sciacquatura di barilotto che acqua pura".
  198. A l'é mej avèj ij còrn an sacòcia chea an testa = "E' meglio avere i corni in tasca che le corna in testa".
  199. A l'é mej avèj un mochet che andé a deurme a lë scur = "E' meglio avere un moccolo di candela che andare a dormire allo scuro": è meglio un marito vecchio che niente.
  200. A l'é mej baricc che bòrgno = Meglio avere la vista corta che essere cieco
  201. A l'é mej bèive dël bon vin e lassé l'aqua al mulin = "E' meglio bere del buon vino e lasciare l'acqua al mulino".
  202. A l'é méj carielo che ampinìlo = "è meglio caricarlo che riempirlo, ovvero è uno che mangia come un lupo, più di quello che potrebbe caricarsi e trasportare.
  203. A l'é mej casché da na fnestra che dai cop = "E' meglio cascare da una finestra che dal tetto".
  204. A l'é mej caté 'd pan che 'd meisin-e = "E' meglio comprare del pane che delle medicine".
  205. A l'é mej ch'as disa: bele sì 'l tal a l'é scapà, che bele sì 'l tal a l'é mòrt = "E' meglio che si dica: qui il tale è scappato, che: qui il tale è morto!".
  206. A l'é mej dé la lan-a che la feja = "E' meglio dare la lana che la pecora".
  207. A l'é mej dësdisse che fé 'n gram contrat = "E' meglio ritrattare che fare un cattivo contratto".
  208. A l'é mej dì: brut, andoma a sin-a, che bel, còsa mangioma = "E' meglio dire: Brutto, andiamo a cena, che bello, che cosa mangiamo?".
  209. A l'é mej ël rastel che 'l fusil: ël prim a tira 'n sa e l'àutr a tira 'n là = "E' meglio il rastello che il fucile: uno tira di qua e l'altro tira di là".
  210. A l'é mej esse ampicà che mal marià = "E' meglio essere impiccato che mal maritato".
  211. A l'é mej esse ferì che mòrt = "E' meglio essere feriti che morti".
  212. A l'é mej esse n'osel ëd rama che 'd gàbia = "Meglio essere un uccel di ramo che di gabbia".
  213. A l'é mej esse osel da rama che da gàbia = "E' meglio essere uccello di ramo che di gabbia".
  214. A l'é mej esse padron ëd na barca che capitani d'un bastiment = "E' meglio essere padroni di una barca che di una nave".
  215. A l'é mej esse testa 'd gat che coa 'd lion = "E' meglio essere testa di gatto che coda di leone".
  216. A l'é mej esse testa d'anguila che coa dë storion = "E' meglio essere testa d'anguilla che coda di storione", qualcosa di meno nobile che primeggiare.
  217. A l'é mej fé 'd pat ciàir e parlé pòch = "Meglio fare patti chiari e parlare poco", meno chiacchiere.
  218. A l'é mej fé invidia che pietà = "E' meglio fare invidia che pietà".
  219. A l'é mej frusté dë scarpe che 'd linsòj = "E' meglio logorare delle scarpe che dei lenzuoli" (quando si è malati).
  220. A l'é mej la vestimenta forà dij pòver che la muda macià djë sgnor = "Meglio il vestito bucato dei poveri che l'abito macchiato dei signori".
  221. A l'é mej lassé sò masnà con la morva che gaveje 'l nas = "E' meglio lasciare i figli con il moccio al naso che togliergli il naso".
  222. A l'é mej mediché con ij sòld che con l'unguent = "Meglio curare con i soldi che con una medicina", i soldi guariscono molti mali...
  223. A l'é mej meuire për man d'un bòja vej che da 'n bòja neuv = "E' meglio morire per mano di un boia vecchio che di un boia nuovo".-
  224. A l'é mej 'n candlòt dëdnans che na tòrcia daré = "E' meglio una candelina davanti che una torcia dietro", meglio una piccola risorsa, ma al posto e al momento giusto.
  225. A l'é mej 'n giovo sensa camisa che 'n vej con la barba grisa = "E' meglio un giovane senza camicia che un vecchio dalla barba grigia", invito alle giovani di sposare un giovane.
  226. A l'é mej 'n nò grassios che 'n sì dispetos = "E' meglio un no grazioso che un si dispettoso", spesso il modo val più della sostanza.
  227. A l'é mej 'n tòch ëd pan an pas che sent pitanse an rusand = "E' meglio un pezzo di pane in pace che cento pietanze bisticciando.
  228. A l'é mej n'amis che 'n tesàr = "E' meglio un amico che un tesoro".
  229. A l'é mej n'andé che sent andoma = "E' meglio un 'vado' che cento 'andiamo'".
  230. A l'é mej n'aso ch'am pòrta che 'n caval ch'am campa për tèra = "E' meglio un asino che mi porti che un cavallo che mi butti per terra".
  231. A l'é méj n'aso viv che 'n dotor mòrt = "È meglio un asino vivo che un dottore morto": come dire che non bisogna rischiare cose importanti per ottenere quello che vale di meno.
  232. A l'é mej n'òm an-namorà che n'òm gelos = "E' meglio un uomo innamorato che un uomo geloso".
  233. A l'é mej pëtté an companìa che chërpé da sol = "E' meglio petare in compagnia che crepare da soli".
  234. A l'é mej pieghesse che rompse = "E' meglio piegarsi che rompersi".
  235. A l'é mej pioré per gnënte che fesse mal = E' meglio piangere per niente che farsi male.
  236. A l'é mej savèj andova che 'l diav a ten la cosa = "E' meglio sapere dove il diavolo tiene la coda".
  237. A l'é mej sghijé con ij pé che con la lenga = "E' meglio scivolare con i piedi che con la lingua".
  238. A l'é mej sté ciuto che dì 'd folairà = "E' meglio stare zitti che dire delle sciocchezze".
  239. A l'é mej un gram arangiament che na bon-a sentensa = "E' meglio un cattivo arrangiamenti che una buona sentenza".
  240. A l'é mej un piasì che sebt dësgust = "E' meglio un piacere che cento disgusti".
  241. A l'é mej un pòvr òm furb che ij sòld ëd na ciola = "E' meglio un poveretto furbo che i soldi di uno stupido".
  242. A l'é mej vëdde na fomna patanùa che n'òm vestì da festa = E' meglio vedere una donna nuda che un uomo vestito a festa.
  243. A l'é mej vëstìlo che ampinìlo = è meglio comprargli un abito che riempirlo, ossia è uno che mangia talmente tanto che costerebbe di meno comprargli un vestito che invitarlo a pranzo.
  244. A l'é mej vive débol che meuire fòrt = "E' meglio vivere deboli che morire forti".
  245. A l'é mej vnì ross na vòlta che smòrt tante = "E' meglio diventare rosso una volta che pallido tante".
  246. A l'é montà an sle bije quadre = qualsiasi cosa o persona che non possa funzionare.
  247. A l'é montaje 'l tabach = "Gli è montato il tabacco", si è arrabbiato, è intrattabile.
  248. A l'é montaje la flin-a = "Gli è salita la collera", si è arrabbiato.
  249. A l'é 'n bel caté quand j'àutri a veulo vende = "E' un bel comprare quando gli altri vogliono vendere", è più facile ottenere qualcosa se la persona interessata è d'accordo.
  250. A l'é 'n cativ mal col ch'as sent nen = "E' un cattivo male quel che non si sente", un male che si nasconde è il peggiore.
  251. A l'é 'n cativ mësté col ch'a manten nen l'ovrié = "È un cattivo mestiere quello che non mantiene un laviratore", che non gli dà una paga sufficiente per vivere.
  252. A l'é 'n Giaco-Fomna = è un effemminato, o che fa lavori prettamente femminili.
  253. A l'é 'n mercand ëd pel d'angouile = un commerciante di articoli perfettamente inutili.
  254. A l'é 'n pais latin = "È un paese latino", un luogo dove si fanno discorsi ad alto livello.
  255. A l'é 'n sauta-busson = "E' un saltacespugli", persona poco seria ed affidabile.
  256. A l'é 'n toson = "E' uno tosato", chi porta capelli corti,
  257. A l'é 'n tòtista = "E' un Dongiovanni".
  258. A l'é 'n travaj dël pento = "E' un lavoro del pettine": un lavoro che non vale nulla.
  259. A l'é 'n vej bacuch = E' un vecchio bacucco, è molto anziano.
  260. A l'é na bernufia = "E' una schizzinosa", che "annusa due volte".
  261. A l'é na dròla = "E' una cosa stramba".
  262. A l'é na fomna ch'a men-a tròp la bertavela = "E' una donna che muove troppo la piccola pernice", una donna che parla troppo.
  263. A l'é na gabia 'd mat = E' una gabbia di matti.
  264. A l'é na lima sorda = "E' una lima sorda", una persona che raggiunge i suoi obbiettivi senza far rumore, senza dare nell'occhio.
  265. A l'é na madamin con ël përtus da madama = "E' una signorina con il buco da signora".
  266. A l'é na mòrt = "E' una morte", è di una noia mortale.
  267. A l'é na piaga ="È una piaga", è molto noioso // Esse na pieuva.
  268. A l'é na piàtola = "E' una piattola", persona noiosa e fastidiosa.
  269. A l'é na roa ch'a gira = "E una ruota che gira", le disgrazie vengono e passano.
  270. A l'é na stissa continua = "E' una goccia continua", una persona petulante.
  271. A l'é na tajòla = "E' una tagliola", ha un prezzo troppo alto.
  272. A l'é n'antichità 'd Monsù Pingon = Oggetto decorativo ma di scarso valore.
  273. A l'é n'aso carià 'd sòld = "E' un asino carico di soldi".
  274. A l'é nen a core, a l'é a rivé a temp = "Non importa correre, importa arrivare per tempo".
  275. A l'é nen campasse via = "Non si è buttato via", non certo è stato generoso.
  276. A l'é nen chi perd ch'a perd, ma chi ch'a veul arfesse = "Non è chi perde che perde, ma chi vuole rifarsi".
  277. A l'é nen core, ma rivé a temp = "Non conta correre, quanto arrivare in tempo".
  278. A l'é nen ël camp ch'a dà da mangé, ma la vanga e la slòira = "Non è il campo che dà da mangiare, ma la vanga e l'aratro".
  279. A l'é nen farin-a da fé òstie = "Non è farina per fare le ostie", non è "uno stinco di santo".
  280. A l'é nen l'òm ch'a pija la fomna, ma la fomna ch'a pija l'òm = "Non è l'uomo che si prende una donna, ma la donna che si prende l'uomo".
  281. A l'é nen n'àquila (òja) = "Non è un 'aquila", non è molto furbo...
  282. A l'é ora 'd bate la Dian-a = "E' ora di battere la Diana", dare la sveglia all'alba.
  283. A l'é ora d'ampajé ij tond = "E' ora di impagliare i piatti", è ora di andarsene, di traslocare.
  284. A l'é ora d'andé a canté ant n'àutra cort = "E' ora d'andare a cantare in un altro cortile", perché qui non si è più graditi...
  285. A l'é passà da Cavour = E' passato da Cavour.
  286. A l'è passaje Catlin-a = E' passata Caterina. Se c'è disordine è perché è passata lei.
  287. A l'é pess l'invidia dl'amis che l'insidia dël nemis = "E' meglio l'invidia dell'amico che l'insidia del nemico".
  288. A l'è pì comod scrivije che parleje = è più comodo scrivergli che parlargli.
  289. A l'é pì dë dsà che dëdlà = "E' più di qua che di là", sta per morire.
  290. A l'è pì dré che la coa dël crin = E' più indietro che la coda del maiale.
  291. A l'é pì fàcil andviné 'd maleur che 'd fortun-e = "E' più facile indovinare disgrazie che fortune".
  292. A l'é pì fàcil mariesse che disné bin = "E' più facile sposarsi che pranzare bene", la probabilità che un matrimonio non risulti felice.
  293. A l'é pì fàcil përsume cher savèj = "E' più facile presumere che sapere".
  294. A l'é pì nen Bastian ch'a men-a l'aso, ma l'aso ch'a men-a Bastian = "Non è più Sebastiano che conduce l'asino, ma l'asino che conduce Sebastiano".
  295. A l'é pì prest pijà 'n busiard che 'n sòp = "Si fa prima a prendere un bugiardo che uno zoppo".
  296. A l'é pì sgnor che Vitòrio = "E' più signore che Vittorio" (Vittorio Emanuele II).
  297. A l'é pì veja na foma 'd quaranta che n'òm ëd sinquanta = "E' più vecchia una donna di quarant'anni che un uomo di cìnquanta".
  298. A l'é polid coma 'l baston dël gioch = "E' pulito come il bastone del pollaio".
  299. A l'é pròpi ancarpionà = "E' proprio messo in carpione", proprio innamorato.
  300. A l'é pròpi 'n Bastiancontrari = "E' proprio un Bastian Contrario", uno che fa tutto a rovescio.
  301. A l'é pròpi 'n Travèt = "E' proprio un Travet", uno dal carattere estremamente remissivo.
  302. A l'é pròpi n'avocat ëd Moncalé = "E' proprio un avvocato di Moncalieri" (quello del mercato degli asini).
  303. A l'é rich chi ch'as contenta 'd pòch = "E' ricco chi si accontenta di poco".
  304. A l'é rivà a mesa bròca = "E' arrivato al mezzo chiodo", qualcuno che decisamente ha alzato il gomito, che ha esagerato nel bere.
  305. A l'é ròba dël pento = "E' roba del pettine", vale poco.
  306. A lë scur la toma a smija bur = "Allo scuro la toma sembra burro".
  307. A l'é sèmpre tacà ai cotin dla fomna "E' sempre attaccato alla gonna della moglie", completamente succube.
  308. A l'é sicur coma 'n cesa = "E' sicuro come in chiesa", dove c'è diritto di asilo.
  309. A l'é tard a risparmié quand ël botal a l'è a la fin = "E' tardi risparmiare quando la botte è alla fine".
  310. A l'é tard risparmié quand ël sach a l'é veuid = "E' tardi risparmiare quando il sacco è vuoto".
  311. A l'é trovasse con la suitin-a an sacòcia = "Si è trovato con la siccità in tasca".
  312. A l'é un ch'a l'ha dë pluch an sle stòmi = "E' uno che ha i peli sullo stomaco", che non ha scrupoli.
  313. A l'é un taborèt da piano = E' uno sgabello del pianoforte. E' molto basso di statura.
  314. A l'é vasco da mat = "E' in gamba da matti", una persona capace, in gamba, ma anche furba, astuta.
  315. A l'é vej coma 'l coco = E' vecchio come il cucco.
  316. A l'Epifanìa ij dì a së slongo al pass ëd na formìa" = All'Epifania i giorni si allungano al passo di una formica".
  317. A l'eva ch'a bagna nen a-j bado nen = "" All'acqua che non bagna non faccio caso", non mi preoccupo d'una pioggerellina.
  318. A l'ha avù un tonbaton, guadagno illecito, bustarella.
  319. A l'ha batù la Calàbria tut ël dì: "Ha battuto la Calabria tutto il giorno", bighellonare, perdere tempo. Il riferimento è ai banditi calabresi dell'800.
  320. A l'ha cagalo 'l diav quand ch'a l'avìa ij dolor ëd pansa = "L'ha cagato il diavolo quando aveva mal di pancia".
  321. A l'ha cagalo 'l diav quand ch'as pëntnava la coa da dré dël pajé = Lo ha cagato il diavolo quando si pettinava la coda dietro il pagliaio", un imitatore della cattiveria del diavolo.
  322. A l'ha ciapaje 'n balordon = "Gli è preso uno stordimento", ha la testa che gira.
  323. A l'ha ciapalo an sël lobiòt = "Lo ha sorpreso sul balconcino", lo ha colto sul fatto.
  324. A l'ha così frèid ch'a bat le brochëtte = " Ha così freddo che batte le brocchette" (che ha sotto le scarpe".
  325. A l'ha dàit ël cul an sla pera" = "Ha colpito la pietra con il sedere", è fallito.
  326. A l'ha daje 'l bleu = "Gli ha dato il blu".
  327. A l'ha daje la gucia anfilà = "Gli ha dato l'ago infilato", gli ha facilitato il lavoro.
  328. A l'ha dame 'l can = "Mi ha dato il cane", ha mancato all'appuntamento. (L'innamorato che aspetta lungamente all'angolo della strada come se aspettasse che il cane terminasse di fare i suoi bisogni).
  329. A l'ha dij os da fé na cà = avere tante ossa da fare una casa.
  330. A l'ha dimlo 'l dil mamlin = "Me lo ha detto il dito mignolo", non te lo dico chi me l'ha detto...
  331. A l'ha dj'euj ch'a smija na vaca torera = "Ha degli occhi che assomigliano ad una mucca 'torera'", una mucca sterile che va in calore con maggior frequenza, che si accoppia spesso con il toro senza rimanere gravida.
  332. A l'ha fane 'd pì che Carlo 'd Fransa = "Ne ha fatte di più che Carlo di Francia" (Carlo Magno).
  333. A l'ha finì për mangé la salada da la part dël tross = "Ha finito per mangiare l'insalata dalla parte della radice", metafora della morte.
  334. A l'ha gnanca dije s-ciòpa = "Non gli ha neanche detto 'crepa'", non si è degnato neanche di dirgli grazie oppure altro, completa indifferenza; // Gnanca për seugn (neanche per sogno).
  335. A l'ha ij montagnin ch'a calo = ha le palpebre pesanti, è assonnato.
  336. A l'ha j'euv rot ant la cavagna = "Ha le uova rotte nella cesta", "ha fatto una bella frittata".
  337. A l'ha 'l cul an cròta = "Ha il sedere in cantina".
  338. A l'ha 'l deuit ch'a l'han j'aso a plé ij bëscheuit = "Ha il garbo che hanno gli asini a pelare le castagne biscottate", che sono cotte due volte, prima bollite e poi al forno.
  339. A l'ha 'l gigèt = "Ha il gigetto", essere una scintilla, allegro chiacchierio, desiderio di gioia, grazia birichina, buonumore.
  340. A l'ha 'l quint pian da fité = "Ha il quinto piano da affittare", ha la testa vuota!
  341. A l'ha la mòrt an sij làver = "Ha la morte sulle labbra".
  342. A l'ha la mòrt ch'a lo sbërgiàira = "Ha la morte che lo incalza e spaventa".
  343. A l'ha le braje an sij garèt = "Ha i pantaloni che gli sono scesi sui tacchi", "ha dovuto calare le braghe", è proprio conciato male.
  344. A l'ha le braje pì dure che le orije 'd na vaca = "Ha i pantaloni più duri che le orecchie di una mucca".
  345. A l'ha le manere d'un cabassin = "Ha le maniere di un facchino".
  346. A l'ha l'inghicio = un misto di invidia, rimpianto e malinconia.
  347. A l'ha mach pì da saré j'euj = "Ha solo più da chiudere gli occhi"
  348. A l'ha mangià pan e dil pòles = "Ha mangiato pane e dito pollice", ha fatto la fame.
  349. A l'ha meno servel ëd n'òca = "Ha meno cervello di un'oca".
  350. A l'ha mostraje la lun-a ant ël pòss = "Gli ha fatto vedere la luna nel pozzo", lo ha ingannato.
  351. A l'ha 'n bel deuit = "Ha un bel garbo", è una persona garbata.
  352. A l'ha na cioca 'd branda = "Ha un'ubriacatura d'acquavite".
  353. A l'ha na siensa da eut sòld al chilo = "Ha una scienza da otto soldi al chilo", basilare, non ha speso molto..
  354. A l'ha nen ël temp për gavesse la pel da 'n sj'onge, è molto occupato, troppo.
  355. A l'ha Nosgnor mòrt an fàuda = "Ha Nostro Signore morto in grembo", ha la faccia triste ed afflitta coma la Madonna della Pietà.
  356. A l'ha ordinatlo 'l médich? = Te l'ha ordinato il medico?", credi che sia così necessario?
  357. A l'ha pí 'd velen na paròla gra che na bussonà 'd ronze = "Ha più veleno una parola cattiva che un cespuglio di rovi".
  358. A l'ha piantame 'n trigomiro = Creare una complicazione.
  359. A l'ha pijà la vaca për le bale = "Ha preso la mucca per i testicoli", impossibile.
  360. A l'ha pijame na flin-a" = "mi è venuta una stizza che...".
  361. A l'ha pijasse un papaver ëd sinch feuje = "Si è preso un papavero a cinque petali", si è preso un manrovescio.
  362. A l'ha pròpe bon temp = "Ha proprio buon tempo", è allegro.
  363. A l'ha pròpe 'l gigèt = Non riesce a stare fermo un attimo.
  364. A l'ha pròpe na schin-a 'd véder = "Ha proprio una schiena di vetro", essere molto fragili, ma anche sfaticati
  365. A l'ha scartà 'l bagàt = "Ha scartato il bagatto", la carta che vale meno, fare il furbo. .
  366. A l'ha sèmper frèid ai pé = "Ha sempre freddo ai piedi", non riesce a liberarsi dalla miseria.
  367. A l'ha trovà la rama ch'a lo frusta = "Ha trovato la sferza che lo frusta", chi sa tenerlo a bada.
  368. A l'ha trovà 'n cit sota n' coj = "Ha trovato un bambino sotto un cavolo".
  369. A l'ha trovà Nosgnor ant l’òrt = Ha trovato nostro Signore nell'orto = E' molto fortunato.
  370. A l'han mandalo a spané 'd mèlia = "L'hanno mandato a sgranare la meliga", l'hanno mandato ...a quel paese!
  371. A l'han mës-cià 'l Neuv con ël Vej Testament = "Hanno mescolato il Nuovo con l'Antico Testamento", un matrimonio dove l'età degli sposi è molto diversa!
  372. A l'han rangià fin-a cola dël bur, ch'a l'era mòl ma butandlo ënt ël poss a l'è ëvnuit dur" = "mettendo il burro molle al fresco nel pozzo è venuto duro" (con ovvio risvolto salace).
  373. A lìtiga con Catlin-a = "Litiga con Caterina", la morte.
  374. A lo dis ël dotor: Lòn ch'it peule nen ten-e lass-lo core = "Lo dice il dottore: quello che non puoi tenere lascialo correre".
  375. A lòn ch'a-j ven da dzora a j'é gnun ripar = "A quello che viene da sopra non c'è alcun riparo". Non si può contrastare la volontà di Dio.
  376. A l'ora 'd Nosgnor = "All'ora di Dio", a tempo e a ora, a tempo debito.
  377. A mal mortal, nì médich, nì neisin-a a val = "A male mortale né medico né medicina vale".
  378. A marca piche = "Segna picche", Quando c'è aria di picche, dunque, si prevedono botte, randellate, o comunque cose infauste.
  379. A marcia con ël botin dl'euli an man = "Cammina con la bottiglietta dell'olio in mano".
  380. A na sa pi' mat a ca soa che un savi a ca 'd n'àutr = "Ne sa di più un matto a casa sua che un saggio a casa d'altri".
  381. A ògni mòrt ëd vësco = A ogni morte di vescovo", capita di rado, raramente.
  382. A ògni vis pal, a ògni fomna òm = "A ogni vite palo, a ogni donna uomo". Essenziale.
  383. A pansa pien-a as rason-a mej = A pancia piena si ragiona meglio.
  384. A parlé pòch as faliss mai = A parlare poco non si sbaglia mai.
  385. A parte da Santa Catlin-a, ij dì a së scurso al pass ëd la galin-a = "A partire da Santa Caterina, i giorni si accorciano al passo della gallina" (25 novembre).
  386. A passa pr' un Gian-fà-tut = "Passa per un Gianni-fa-tutto", quello che risolve qualsiasi problema...
  387. A patis l'odor dla stra = "Gli fa male l'odore della strada" ...e così non si mette mai in cammino per andare in chiesa....
  388. A pensé mal as fà mal, ma 's andvin-a = "A pensare male si fa male, ma si indovina".
  389. A pess andé, quand j'afé a van mal, a-i resta sèmper l'arsorsa dl'ospidal = "Alla peggio, se gli affari vanno male, resta sempre la risorsa dell'ospedale" (gli antichi "ospedali di carità").
  390. A peul nen core e fé bela andura = "Non si può correre e fare una bella andatura".
  391. A peul nen fé 'l seugn dël bel plagi = "Non può fare il sonnellino della bella carnagione", perché la sua faccia ruvida è causata dal suo duro lavoro.
  392. A pieuv com Dio a la manda = "Piove come Dio la manda": piovere a dirotto.
  393. A pòca veuja a-j manca nen ëscusa = "A chi ha poca voglia non gli mancano le scuse".
  394. A quatr ganasse = a crepa pancia.
  395. A rabel = in rovina.
  396. A ras = fino all'orlo.
  397. A rend l'ànima = "Rende l'anima", muore.
  398. A rij coma l’artajor quand j'anciove a-j van an malor = Ride come il salumiere quando gli vanno male le acciughe; ride verde, ride forzato; far buon viso a cattivo gioco.
  399. A rij nen sempre la fomna dël lader = "La moglie del ladro non ride sempre".
  400. A rispondo ij frà com a l'ha 'ntonà l'abà = "I frati rispondono come ha detto loro di rispondere l'abate".
  401. A robeje ai làder as fà nen pecà = "Rubare ai ladri non si fa peccato".
  402. A rub e quìndes = senza valore.
  403. A sà tut chiel = "Sa tutto lui", persona saccente.
  404. A San Bàrnaba 'l prà a va tajà = "A San Barnaba il prato va tagliato" (11 giugno).
  405. A San Fredian la fiòca dal mont a va al pian = "A San Frediano la neve dalla montagna va in pianura" (18 novembre).
  406. A San Ròch la rondola a fà fagòt = "A San Rocco la rondine fa fagotto" (16 agosto).
  407. A San Simon ël galèt a dventa capon = "A San Simone il galletto diventa cappone" (28 ottobre), ma anche avvertimento a non fare i furbi perché comunque si verrà scoperti.
  408. A San Vincens l'invern a buta ij dent = "A San Vincenzo l'inverno mette i denti" (22 gennaio).
  409. A Santa Catlin-a tira fòra la fassin-a = "A Santa Caterina tira fuori la fascina" (23 novembre).
  410. A sarà mej! = Sarebbe meglio! Non potrebbe essere altrimenti!
  411. A sbalio fin-a ij prèive a dì mëssa = "Persino i preti sbagliano a dire messa".
  412. A s-ciàira pì chi guarda che chi a gieuga = "Ci vede di più chi guarda che chi gioca".
  413. A s-ciaperìa ij cavèj për gaveje la miòla = "Spaccherebbe i capelli per estrarne il midollo".
  414. A s'é rangiasse fin-a cola dël quaranteut = "Si è aggiustata persino quella del quarantotto", quindi non disperare...
  415. A serca ij mòrt = "Cerca i morti", deruba gli ubriachi.
  416. A sern jë pnass = "Sceglie gli spinaci" (donne che si affaticano inutilmente a cercare marito).
  417. A smija ch'a daga la contenta al bòja = "Sembra che dia la ricevuta al boia".
  418. A smija ch'a l'abia ij mulin an sël Pò = Sembra che abbia i mulini sul Po, si dice di chi si sforza di apparire ricco.
  419. A smija ch'a l'àbia soa mare mòrta an fàuda = "Sembra che abbia sua madre morta in grembo", è il figlio che piange la morte della madre, proprio in senso di sconforto, solitudine ed abbandono totale.
  420. A smija ch'a l'abia travondù 'l manich dla ramassa = "Sembra che abbia inghiottito il manico della scopa", è tutto impettito.
  421. A smija ch'a lo pelo = "Sembra che lo scortichino", reazione di dolore esagerata...
  422. A smija ch'a-j daga la contenta al bòja = "Sembra che dia il benestare al boia", una persona che sta facendo una cosa assolutamente contro voglia.
  423. A smija che 'l mangé a mangia chiel = "Sembra che il mangiare mangi lui", uno che non riesce ad ingrassare.
  424. A smija la botega d'un paté = "Sembra la bottega di uno straccivendolo", disordinata!
  425. A smìja la cà ‘d Pilat = Sembra la casa di Pilato = avere la casa in disordine; .
  426. A smija la regin-a dël Balon = Sembra la regina del Balon, la regina dei rigattieri, delle cose vecchie.
  427. A smija 'n coto = "Sembra uno del Cottolengo", un povero demente.
  428. A smija na gata mòrta = Sembra una gatta morta /ma non lo è - un finto tonto.
  429. A smija na mòrt an pé = "Sembra una morte in piedi", è molto pallido.
  430. A smija në scapà da ca = Sembra uno che sia scappato di casa, improvvisamente, con i vestiti che aveva addosso, in disordine. Una persona abbigliata male.
  431. A smija, a smija, ch'a l'abia l'arlìa = "Sembra che abbia un presentimento".
  432. A son brav, ma a son un pò barbèt = "Sono brava gente, ma non sono praticanti" (la chiesa cattolica).
  433. A son dij bulo c'a tribulo për nen tribolé = "Sono dei bulli che tribolano per non tribolare", meglio vivere come viene.
  434. A son fase ij paltà 'd Genta = "Si sono fatti i cappotti dai Genta", la cassa da morto.
  435. A son mach ëd ciucia stopolon = "Sono solo dei succhia tappi", quelli che non risiedono in zone vinicole!
  436. A son nen ij crin ch'a ven-o vej, ma a son ij vej ch'a ven-o crin = Non sono i porci a diventare vecchi, ma i vecchi a diventare dei porci.
  437. A son pensionari 'd Don Pautass = "Sono pensionati di Don Pautasso", sono defunti.
  438. A sta a pioré 'l mòrt = "Sta a piangere il morto", si rammarica inutilmente.
  439. A stà bin chi a viv ant l'ombra = "Sta bene chi vive nell'ombra", chi non si espone.
  440. A sta mej 'n giari an boca al gat che 'n client an man a n'avocat = "Sta meglio un topo in bocca al gatto che un cliente in mano ad un avvocato".
  441. A sté ferm as mufiss = "A stare fermi si ammuffisce".
  442. A sto mond a-i é mach doe brave fomne: un-a a l'han përdula, e l'àutra a peulo nen trovela = "A questo mondo vi sono solo due brave donne: una l'hanno perduta e l'altra non riescono a trovarla".
  443. A sto mond gnun a l'é content = "In questo mondo nessuno è contento".
  444. A sto mond o adatesse, o 'nrabiesse o dësperesse = "A questo mondo, o adattarsi, o adattarsi, o disperarsi".
  445. A sto mond, tuti a son utij e gnun necessari = "In questo mondo tutti sono utili ma non necessari".
  446. A sto mond,. a j'é mòd e manera a tut = In questo mondo c'è modo e maniera per tutto".
  447. A stopa nen ël përtus ëd j'erbëtte = "ël përtus ëd j'erbëtte" è l'ano, "stappare l'ano" ha a che fare con la stitichezza.
  448. A stracheur = mal volentieri.
  449. A strassapat = a buon mercato.
  450. A strenz ël cheur = Qualcosa che suscita un forte sentimento di compassione.
  451. A taca nen Gioanin! = "Non attacca Giovannino!", non me la dai a bere.
  452. A tajeje j'orije a l'aso a dventa nen un caval = Anche se tagli le orecchie all'asino, non diventerà un cavallo.
  453. A tàula as ven nen vej = "A tavola non si diventa vecchi".
  454. A tira fòra 'l mòrt = "Tira fuori il morto", inizia ad intaccare le proprie riserve economiche nascoste.
  455. A tira ij caussèt = "Tira le calze", muore.
  456. A tira pì 'n pluch ëd na fumela che na cobia 'd beu = "Tira di più un pelo di donna che una coppia di buoi.
  457. A tiro 'd pì doi pèil ëd ciòrgna che na cobia 'd beu = Tirano puù due peli di donna che una coppia di buoi.
  458. A toca fé vigilia nen comandà = "Bisogna fare astinenza non comandata", la povertà costringe a fare digiuno anche se non è comandato.
  459. A toca feje la tara = "Bisogna fargli la tara", bisogna ridurre quel che dice perché di solito esagera.
  460. A toca taché tren-a = "Occorre attaccare il traino", occorre un aiuto per risolvere una situazione difficile.
  461. A tòch e bocon = "A pezzi e bocconi", un'azione svolta in maniera frammentaria, disordinata e disorganizzata
  462. A tocherìa pijé un për bate l'àutr = "Bisognerebbe prendere uno per battere l'altro", quando due litigano dandosi vicendevolmente la colpa.
  463. A treuva gnanca d'eva ant ël Pò = "Non troverebbe nesmche l'acqua nel Po.
  464. A truch e branca = "A trucco e palmo", approssimativamente, ad occhio, all'incirca.
  465. A Turin a l'han rangià fin-a cola dël bur = "a Torino hanno risolto persino quella del burro": tutto si aggiusta. Segue da un aneddoto raccontato come vero, da un episodio clamoroso di mancanza di burro a Torino, storicamente il burro, in Piemonte, è sempre stato condimento e mezzo per cucinare essenziale, al posto dell'olio.
  466. A Turin a parlo dabin = "A Torino parlano per bene".
  467. A Turin chi ch'a n'ha a sta bin = A Torino, chi ce n‘ha a sta bin = A Torino chi ce n'ha sta bene.i
  468. A va a Fosan = "Va a Fossano", nella fossa, muore.
  469. A va a 'nciochesse a l'osteria dël pos = "Va ad ubriacarsi con l'osteria del pozzo", è astemio!
  470. A va a 'ngrassé ij còj = "Va a concimare i cavoli", muore.
  471. A va a Terracina = "Va sotto terra", muore.
  472. A va ben sèmpre bin a dì la vrità = "Non va sempre bene dire la verità".
  473. A va coma la lòsna = "Va come un fulmine".
  474. A va coma na spia = Va come una spia, funziona speditamente.
  475. A va cona ba barca ant ël bòsch = "Va come una barca nel bosci", una situazione molto difficile.
  476. A va 'd na cana! = "Va di una canna!", andare svelti, veloci.
  477. A va pròpe a barbis ëd gat = "Va proprio secondo i baffi del gatto", va tutto a meraviglia.
  478. A val ëd pì San Gioann da sol che tùit ij sant ansema = "Vale di più San Giovanni da solo che tutti i santi assieme": è molto "potente".
  479. A val nen n'aca = "Non vale un'acca", non valer nulla.
  480. A val nen në scracc për tèra = "Non vale uno sputo di catarro per terra".
  481. A val nen un sòld chi a ten nen cont d'un sòld = "Non vale un soldo chi non tiene conto di un soldo", chi non è parsimonioso non vale nulla.
  482. A val pì la fortun-a che 'l savèj = Vale di più la fortuna che il sapere"
  483. A val pì 'n colp ëd man da 'n pràtich che doi da n'amprendiss = "Vale di più un colpo di mano i uno pratico che due da un apprendista".
  484. A val pì 'n colp ëd massa che sent ëd martel = "Val più un colpo di mazza che cento di martello".
  485. A val pì na bon-a antapa che sent anchërne = "E' meglio una buona incisione che cento tacche".
  486. A val pì n'amis che 'n parent: un at giuta, l'àutr at dò 'd vent = "Vale più un amico che un parente: uno ti aiuta, l'altro ti da del vento", cioè buone parole ma scarsa concretezza.
  487. A valò pì l'ombra d'un vej che la presensa d'un giovo = "Vale di più l'ombra di un vecchio che la presenza di un giovane".
  488. A vëdde un it lo conòsse mes, a sentlo parlé tut = "A vedere uno lo conosci a metà, a sentirlo parlare tutto".
  489. A venta bate 'l fèr quand ch'a l'é càud = "Bisogna battere il ferro quand'è caldo".
  490. A venta butesse a la sosta tant che un a peul = "Bisogna mettersi al riparo più che possibile".
  491. A venta costumesse a porté le brassà 'd paja për rivé a porté ij balòt ëd fen = " Bisogna allenarsi a portare le braccuate di paglia per imparare a portare le balle di fieno". Si inizia dalle piccole cose....
  492. A venta fé 'n pòch ël vagabond për pijé pràtica dël mond = "Bisogna fare un po' il vagabondo per prendere pratica del mondo": espandere le esperenze!
  493. A venta feje bon-e al luv për nen ch'at mangia = "Bisogna trattare bene il lupo per evitare che ti mangi".
  494. A venta fichesse bin për gavesse bin = "Bisogna mettersi bene per uscire bene".
  495. A venta mai mostré tut lòn che un a l'ha, né dì tut lòn che un a sà = La prudenza non è mai troppa.
  496. A venta mai pijé 'd consej da 'd gent andàita 'n malora = "Non bisigna mai farsi consigliare da gente andata n fallimento".
  497. A venta mai prësteje le braje a le fomne = Non bisogna mai prestare i calzoni alle donne.
  498. A venta mai stupisse 'd gnente = "Non bisogna mai stupirsi di niente": in questo mondo aspettati di tutto.
  499. A venta maj pijé 'd consèj da chi ch'a l'é andàit an malora = "Non bisogna mai accettare consigli da chi è andato in fallimento".
  500. A venta mostreje la piaga mach al médich ch'a peul fetla varì = "Bisogna mostrare la piaga solo al medici che può fartela guarire", inutile lamentarsi continuamente o rivolgerti alle persone sbagliate.
  501. A venta nen chité 'd sëmné për paura dij passaròt = "Non bisogna smettere di seminare per paura dei passeri", perseveranza.
  502. A venta nen déje n'escopass a tute le mosche ch'a passo = "Non bisogna dare una sberla a tutte le mosche che passano": occorre avere un po' di tolleranza e non reagire male per ogni nonnulla.
  503. A venta nen dì quatr fin ch'a sia nen ant ël sach = "Non bisogna dire quattro finché non sia nel sacco", meglio aspettare a pronunziarsi che non dopo d'aver finito.
  504. A venta nen fé coma l'aso dël tupiné che a tute le pòrte as ferma = "Non bisogna fare come l'asino del venditore di terraglie che si ferma a tutte le porte".
  505. A venta nen gieughé a chi a propon ël gieugh = "Non bisogna giocare con chi propone il gioco".
  506. A venta nen gieughe con chi ch'a propon ël gieugh = Non bisogna giocare con chi propone il gioco", perché è sicuramente più abile di te.
  507. A venta nen servisse dl'ola e peuj deje 'n càuss = "Non bisogna servirsi dell'olla e poi darle un calcio.
  508. A venta nen vive da malavi për meuire da san = Non bisogna vivere da malati per morire da sani.
  509. A venta pijé 'l temp com a ven, j'òm për lòn ch'a son e le còse për lòn ch'a valo = "Bisogna prendere il tempo come viene, gli uomini per quel che sono e le cose per quel che valgono ", essere realistici.
  510. A venta pijé la fomna pì con le orije che con j'euj = "Bisogna prendere la donna più con le orecchie che con gli occhi", l'aspetto fisico può ingannare e in ogni caso sfiorisce.
  511. A venta rangesse 'l mantel second al vent = " Bisogna aggiustarsi il mantello a seconda del vento", adattarsi alle circostanze e ai pericoli.
  512. A venta rije con coj ch'a rijp e pioré con coj ch'a pioro = "Bisogna ridere con quelli che ridono e piangere con quelli che piangono".
  513. A venta sëmné con le man e nen col sach = "Bisogna seminare con le mani e non col sacco", non avere fretta.h
  514. A venta sesì 'l temp quand ch'as presenta = "Bisogna cogliere il tempo quando si presenta".
  515. A venta studié con la ment, con ël cheur e con ij pé për tèra = "Bisogna studuare con la mente, con il cuore e con i piedi per terra", non solo studio teorico.
  516. A venta visché na candéila a Dio e n'àutra al diavolo = "Bisogna accendere una candela a Dio, e l'altra al diavolo".
  517. A venta vischeje na candèila al diav e l'àutra a Sant'Antòni = "Bisogna accendere una candela al diavolo e l'altra a Sant'Antonio" . Neglio non scontentare nessuno... non si sa mai.
  518. A veul mostreje a soa mare a fé 'd fieuj = "Vuole insegnare a sua mafre a far figli", volere insegnare a chi non ne ha bisogno.
  519. A veulo fete chërde che Nosgnor a l'è mòrt ëd frèid = "Vogliono farti credere che Nostro Signore è morto di freddo", non bisogna farsi turlupinare dalle chiacchiere degli altri, anche se appaiono come attraenti e accattivanti.
  520. A viv a spèisa dij mòrt = "Vive a spese dei morti", vive senza lavorare, di rendita.
  521. A vive an campagna la salute a-i guadagna = "A vivere in campagna la salute ci guadagna".
  522. A vorèj ten-e 'l cul an s' doi scagn, as casca 'n tera = "A volere tenere il sedere su due sgabelli si cade a terra".
  523. Adasi, sor barbé, che l'aqua a brusa = andiamoci piano.
  524. Adat come ij còj a marenda = "Adatto come i cavoli a merenda", tutto ciò che è fuori luogo.
  525. Adio as dios ai mòrt, arvëdse ai crin = "Addio lo si dice ai morti, arrivederci ai maiali".
  526. Adiù bela fia, l'eve pi car marieve o sté parìa? = "Addio, bella ragazza, vi fa più piacere sposarvi o stare così?".
  527. Agucia da testa, na gran festa; agucia da cusì, 'n gran dëspiasì = "Spillone da testa, grande festa; ago per cucire gran dispiacere".
  528. A-i é 'd verdura! = "C'è della verdura!", sono i bambini e questa espressione viene usata per interrompere un discorso scabroso in quanto dei piccoli sono giunti all'improvviso dove gli adulti stanno parlando
  529. A-i é gnente 'd pì bel che na facia contenta = "Non c'è niente di più bello che una faccia contenta".
  530. A-i è gnun pòst ch'i stago bin coma a cà nostra = "Non c'è nessun posto che si stia bene come a casa nostra".
  531. A-i é gnun saba sensa sol, e gnanca don-a sens' amor = "Non c'è sabato senza sole né donna senza amore.
  532. A-i é gnun-a sàussa mej che la fam = "Non c'è migliore salsa che la fame".
  533. A-i é mai tant ëd montà ch'a-i sia autërtant ëd calà = "Non c'è mai tanta salita che poi non sia altrettanta discesa.
  534. A-i é nen bela scarpa ch'a dventa nen bruta savata = "Non c'è bella scarpa che poi non diventi brutta ciabatta".
  535. A-i é nen cotel nì spin-a 'nvelenà s'a j'é nen lòm ch'a l'anvelen-a = "Non c'è coltello né spina avvelenata se non c'è un uomo che l'avvelena". Solo l'uomo è causa volontaria di morte
  536. A-i é pa nen da regreté quand un a treuva la scarpa për ij sò pé = "Non c'è da rammaricarsi quando si trova la scarpa per i suoi piedi"..
  537. A-i é pì 'd past che 'd giornà = "Ci sono più pasti che giornate": è dura sfamare tutti.
  538. A-i é pì 'd pata che 'd mal = "C'è più benda che male", rimedi eccessivi...
  539. A-i è tre còse che 'l Diav a peul nen capì: la sej dij forgiairon, la fam dij magnin, e la malissia dle fomne = "Ci sono tre cose che il diavolo non può capire: la sete dei forgiatori, la fame dei calderai e la malizia delle donne".
  540. A-i na nija 'd pì ant el vin che 'nt l'eva = "Ne annegano di più nel vino che nell'acqua".
  541. A-i nass nen na furmija sensa che 'l Signor a crea na fërvaja = "Non nasce una formica senza che il Signore crei una briciola".
  542. A-i sarà 'ncora 'd sòld, ch'i-i soma pì nen noi = "Ci saranno ancora soldi quando noi non ci saremo più". E' inutile cercare di risparmiare troppo.
  543. A-i son le pùles ch'a l'han la toss = "ci sono le pulci che hanno la tosse": ovvero viene detto a proposito di piccole cose a cui si dà importanza esagerata.
  544. Ai temp dël mila doi e més = "ai tempi del mille due e mezzo": tanto tempo fà, roba passata.
  545. A-i veul tre còse për salvesse: euj, gambe e përtus da stërmesse = "Ci vogliono tre cose per salvarsi: occhi, gambe e un buco per nascondersi.
  546. A-j bogia nen feuja sensa che Dio veuja = Non si muove foglia che Dio non voglia.
  547. A-j dà bin ant la bròca = "Colpisce bene il chiodo", essere fortunati.
  548. A-j fà la barba a tuti = "Fa la barba a tutti", qualcuno molto in gamba.
  549. A-j manca disneuv sòld a fé la lira = "Gli mancano diciannove soldi a fare una lira", persona povera, in difficoltà economiche
  550. A-j manca un giòbia = "Gli manca un giovedì", non essere completamente normali nelle idee e nel comportamento; essere un po' squilibrati, o anche solo strambi, stravaganti, originali.
  551. A-j manca un giòbia = Gli manca un giovedì, è matto.
  552. A-j pias tròp ël lét = "gli piace troppo il letto", chi ama molto dormire.
  553. A-j piasrìa fion-a na gata, s'a l'avèissa na scuffia = "Gli piacerebbe persino una gatta se avesse una cuffia", il donnaiolo.
  554. Al can vej, la vòlp a-j spùa 'n facia = "Al cane vecchio la volpe gli sputa in faccia".
  555. Al mal fàit as rimedia, ma nen al mal dit = "Al male fatto si rimedia, ma non al male detto"
  556. Al maloros a basta nen ëscapé: la sfortun-a a jë sta sempre trosse = "Allo sfortunato non basta scappare, la sfortuna gli sta sempre alle calcagna".
  557. Al masel a-i van pì vitej che mans, ma ij mans a van tuti = "Al macello ci vanno più vitelli che manzi, ma i manzi ci vanno tutti". Nessuno può sfuggire alla morte.
  558. Al médich, al confessor e a l'avocàt a venta conteje tùit ij pëccà = "Bisogna raccontare tutti i peccati al medico, al confessore ed all'avvocato".
  559. Al póver a-j manca 'l pan, a l'avar a-j manca tut = "Al povero gli manca il pane, all'avaro gli manca tutto".
  560. Al prim còlp l'erbo a casca nen = "Al primo colpo l'albero non casca".
  561. Al sartor póver, a së stòrz la gucia = "Al sarto povero gli si storce l'ago".
  562. Alégher come un sàles pianzent = "allegro come un salice piangente", cioè triste...
  563. Alégher come un sinch sòld = "Allegro come un cinque soldi".
  564. Am gatìa gnanca l'ala = "Non mi solletica neanche l'ala", non mi fa alcun effetto.
  565. Am piasrìa esse na mosca = "Mi piacerebbe essere una mosca", essere presente di nascosto e vedere che succede veramente.
  566. Am sent arlamé 'l boton dla pansa a forsa 'd rije = Sento che mi sta slacciando il bottone della pancia a forza di ridere.
  567. Ambarass dë stòmi = "Imbarazzo di stomaco", pesantezza allo stomaco, magari dopo una mangiata un po' più consistente del solito.
  568. Ambo travajé, terno seguité, quaterno mai pì chité = "ambo lavorare, terna continuare, quaterna non cessare più".
  569. Ambotì come na siola = "Imbottito come una cipolla", persona vestita in modo esagerato.
  570. Ambriach come na supa = "Ubriaco come una zuppa", persona ubriaca fradicia.
  571. Ambutié a lun-a neuva as treuva lòn ch'as treuva = "Imbottigliare a luna nuova si trova quel che si trova". Bisogna fare il lavoro quando è necessario.
  572. Amel për pijé le mosche, asil per feje scapé = "Miele per prendere le mosche, aceto per farle scappare".
  573. Amicissia 'd grand'òm e vin ëd fiasch, a la matin a l'é bon e a la sèira a l'é guast = "Amicizia di grand'uomo e vino di fiasco, al mattino è buono e alla sera è guasto".
  574. Amicissia rinovà, mnestra riscaudà = "Amicizia rinnovata, minestra riscaldata"Q.
  575. Amicissia 'rnovà, minestra scaudà = "Amicizia rinnovata, minestra scaldata". L'amicizia è buona fresca.
  576. Amor dij giovo al'é com ël tròt ëd l'aso = "L'amore dei giovani è come il trottare di un asino", la passione è di breve durata.
  577. Amor e gesosìa a son gemej = "Amore e gelosia sono gemelli".
  578. Amor ëd frel, amor ëd cotel = "Amore di fratello, amore di coltello".
  579. Amor onorà a fà nen vërgògna nì pecà = "Amore onorato non fa vergogna né peccato".
  580. Amor sensa basi a l'é coma 'l pan sensa sal = "L'amore senza baci è come il pane senza sale".
  581. Ampajé ij tond = ampajé le maiòliche = "impagliare i piatti" o "le maioliche": In senso più letterale traslocare. In senso più figurato andarsene, scappare.
  582. Amplacà ai vèder = "Appiccicato ai vetri", essere attaccati ai propri beni.
  583. Amplucà = Addormentato, simile ad Andrumì, Ancëppì, Ambalsamà e sta a significare "addormentato, lento di riflessi, tardo nelle reazione".
  584. An bon-a companìa a j'é nen malinconìa = "In buona compagnia non c'è malinconia".
  585. An bona companìa a-i è nen malinconia = In buona compagnia non c'è malinconia.
  586. An bon-e man, ëdcò 'l fusil dëscarià a fà paura = "in buone mani anche un fucile scarico fa paura".
  587. An botega a-i va gnun scaudabanche = "In bottega non ci vuole nessun fannullone".
  588. An botega a-i và nen dë scaodabanche = "In bottega non ci vogliono degli scaldapanche".
  589. An ca strenz, an viagi spend e an maladìa campa vìa = "In casa risparmia, in viaggio spendi, e nella malattia butta via". Si è disposti a spendere tutto per curare un malato.
  590. An cola ca a-i é pòca pas se la galin-a a canta e 'l gal a tas = "C'è poca pace nella casa in cui la gallina canta ed il gallo tace".
  591. An doi a s'é soj, an tre a s'é tròpi = "In due si è soli e in tre si è troppi".
  592. An ësto mond tut a ven a taj, fin-a j'onge a plé l'aj = A questo mondo tutto serve, anche le unghie per pelare l'aglio.
  593. An forgiand as dventa forgiaron = "Usando la fucina si diventa fucinatori".
  594. An mancansa 'd cavaj j'aso a troto = "In mancanza di cavalli trottano gli asini".
  595. An meuirend as và fòra da tùit ij fastidi = "Morendo si va fuori da tutti i fastidi".
  596. An paradis as va nen an caròssa = "In paradiso non si va in carrozza".
  597. An plissarìa a-i va pì 'd pel ëd volp che 'd pel d'aso = "In pellicceria ci finisce più pelo di volpe che pelo d'asino". E' la volpe che, sebbene furba, ci rimette di più.
  598. An sagna 'l cheur = "Mi sanguina il cuore", un grosso dispiacere.
  599. An sël caval ëd San Fransesch = "Sul cavallo di San Francesco", a piedi.
  600. An sël pé ch'a stan le còse = ...stando così le cose...
  601. An sent agn e sent mèis l'eva a torna dov' a l'era = "In cento anni e cento mesi l'acqua ritorna dov'era".
  602. An temp ëd burasca, tùit ij pòrt a salvo = "In tempo di burrasca tutti i porti salvano".
  603. An temp ëd guèra tuti ij cavai a son bon = In tempo di guerra tutti i cavalli vanno bene.
  604. An tute le ca, la fomna a l'ha 'l cassul an man = "In tutte le case le donne hanno il mestolo in mano".
  605. Anada da vespe, anada da bon vin = "Annata da vespe, annata da buon vino".
  606. Ancamin-te nen për un sënté ch'it sas nen andova ch'a pòrta = "Non incamminarti per un sentiero che non sai dove porta".
  607. Ancarpionà = "Messo in carpione", innamorato folle.
  608. Anche ij can cit, dnans a sò uss as sento gròss = "Anche i cagnolini di fronte alla loro porta si sentono grossi".
  609. Anche 'l bal pì bel, s'a dura n pes a neuja = "Anche il ballo più bello se dura troppo viene a noia".
  610. Anche na caten-a d'òr a gropa = "Anche una catena d'oro lega".
  611. Anche quand ël gat a gòd, pura a armogna sempre = "Il gatto, anche quando gode, brontola sempre", si dice di chi non è mai contento.
  612. Ancheuj a-i é mach ëd capon ëd galera = "Oggi c'è solo cappone di galera", cibo da prigione.
  613. Ancheuj a-i na j'é: viva 'l Rè; doman a-i na j'é pu: viva Gesù = "Oggi ce n'é: viva il Re; domani non ce n'è più: viva Gesù". La fede in Cristo solo rimedio.
  614. Ancheuj an figura, doman an sepoltura = "Oggi in bella mostra, domani al funerale", il carattere effimero della fama.
  615. Ancheuj i savoma com a l'é; doman quaicòsa a sarà = "Oggi sappiamo com'è, domani si vedrà".
  616. Ancioché le quòte = "Ubriacare le quote", sbagliare i calcoli, una misurazione, così come una manovra.
  617. Anciodà 'nt un lét = "Inchiodato in un letto", l'idea della malattia che ci costringe a restare a letto.
  618. Ancora pro che...: = "ancora abbastanza che": ancor grazia che..., meno male che...., per fortuna che.
  619. Ancora pro ecc. = ancora abbastanza: ancor grazia ecc. meno male ecc.
  620. Andé (viagé) come la pòsta 'd Cavorèt = "Andare conte la posta di Cavoretto", come colui che a cavallo cerca di correre veloce, ma va lento e comunque in sicurezza.
  621. Andé a Aramengo = "Andare ad Aramengo", andare in rovina, in bancarotta.
  622. Andé a bale 'n ària = Qualcuno che è caduto a terra.
  623. Andé a baron = "andare a mucchio": sfasciarsi, andare in malora.
  624. Andé a Bològna = "Andare a Bologna", "andare a farsi bollare d'ammaccature", riprendendo di fatto il termine bolognura (ammaccatura).
  625. Andé a brus = "Andare a brucio", "andare vicino" e di "sfiorare".
  626. Andé a Buda = "Andare a Buda", "morire, andare al macello".
  627. Andé a ca del diav = "Andare a casa del diavolo", raggiungere un posto molto lontano.
  628. Andé a carte quaranteut = "Andare a carte quarantotto", andare in malora, in rovina.
  629. Andé a deurme con la madòna = "andare a dormire con la suocera", ossia "senza cena".
  630. Andé a deurme con le galin-e = "Andare a dormire con le galline", coricarsi molto presto.
  631. Andé a fé na comission = "andare a fare una commissione", al gabinetto.
  632. Andé a gatagnao = Nelle locuzioni andare, procedere, avanzare gattoni, o gattón gattóni, quatto quatto, camminando adagio adagio, con le mani e i piedi, quasi strisciando sul terreno.
  633. Andé a ingrassé ij còj = "Andare a concimare i cavoli", morire.
  634. Andé a la gran giarada = Andare di gran carriera.
  635. Andé a la gratusa = "Andare alla grattugia", andare a confessare i propri peccati.
  636. Andé a la maròda ëd ecc. = andare alla rubacchieria di ecc.: raccoglere dagli alberi altrui qualche frutto di ecc.
  637. Andé a magne = "Andare a prostituite".
  638. Andé a mangé an sël grané dël Papa = "Andare a mangiare sul granaio del Papa", digiunare.
  639. Andé a nòsse = far una cosa con grande piacere.
  640. Andé a onge = "Andare a unghie", l'andare a piedi.
  641. Andé a pluché = "Andare a schiacciare un pisolino".
  642. Andé a rabel = "Andare in frastuono", a rischio di rovina.
  643. Andé a rapolé = "Andare a spigolare", "andare a racimolare".
  644. Andé a Roma për Rivoli = "Andare a Roma passando per Rivoli...", prendere la direzione sbagliata.
  645. Andé a Roma sensa vëdde 'l Papa = "Andare a Roma senza vedere il Papa", una vera incongruenza.
  646. Andé a rompse 'l nas a ca d'un = "Andare a rompersi il naso a casa di qualcuno", visitare qualcuno e trovarlo uscito.
  647. Andé a testa prima = "Andare a testa in giù".
  648. Andé a tiré 'l nùmer = "Andare a tirare il numero", "essere coscritto".
  649. Andé al nùmer sent = "andare al numero cento", al gabinetto.
  650. Andé an aqua = sciogliersi.
  651. Andé an aria pataria = "Andare in aria "pataria", capitombolare, andare in rovina, in fallimento.
  652. Andé an carta 'd mùsica = "andare in carta di musica". Va tutto bene, a meraviglia.
  653. Andé an Emaus = "Andare in Emmaus", una situazione o andata in fumo o una persona sparita.
  654. Andé an ësgàira = Andare in guasto. Chi vive in maniera dissoluta sperperando i propri beni e quelli delle persone che gli stanno accanto.
  655. Andé an gatògna = Andare in "gatògna", chi perde la testa e si innamora, proprio come i gatti a primavera.
  656. Andé an prima mignin = "Andare in prima elementare".
  657. Andé andoa ch'as peul, nen mandé n'àutr a nòst pòst = "Andare dove si può, non mandare un altro al nostro posto".
  658. Andé andoa nì Papa nì Re a peulo mandé l'ambassador = "Andare dove né Papa né Re possono mandare l 'ambasciatore", al gabinetto.
  659. Andé ant j'òmini = morire (ire intra omnes).
  660. Andé ant na piòla dij pé ùmid = "Andare in un'osteria per piedi umidi", un chiosco all'aperto.
  661. Andé apress a le busche e nen guardé ij trav = "Seguire ogni pagliuzza e non guardare le travi".
  662. Andé coma na barca ant un bòsch = "andare come una barca in un bosco": andare un granché bene. Risposta negativa alla domanda coma a và-lo? = come va?
  663. Andé come ij beu ant la melia = "Andare come i buoi nel granturco", senza alcun tatto e delicatezza.
  664. Andé con ël bot ëd l'euli an man = "Andare con la bottiglietta dell 'olio in mano", chi si sposta con una bottiglietta d'olio procede con accortezza e cortesia.
  665. Andé con ij fiòch e le frange = "andare con i fiocchi e le frange" (va tutto bene, a meraviglia).
  666. Andé contra aqua; andé second aqua = Andare contro-corrente.
  667. Andé 'd ghinda = "Andare di sghimbescio".
  668. Andé da bërlichesse sinch dij e 'l pòles = "andare da leccarsi cinque dita e il pollice" (va tutto bene, a meraviglia).
  669. Andé d'acòrdi coma 'n beu e na ràngola = "Andare d'accordo come un bue e una piccola vacca".
  670. Andé d'acòrdi come ij làder a la fera = "Andare d'accordo come i ladri alla fiera", due o più persone che d'accordo non vanno assolutamente.
  671. Andé in domus Petri = "Andare in casa di Pietro", andare in prigione.
  672. Andé manz e torné beu = "Andare manzo e tornare bue", andare in bianco.
  673. Andé parèj ëd na sposa = "andare come una sposa" (va tutto bene, a meraviglia)
  674. Andé për famiòle = Cercare cose di nessun valore.
  675. Andé për la stra seulia = "Andare per la strada liscia", coloro che non amano il rischio e l'azzardo e pertanto preferiscono percorrere strade lisce, senza ostacoli.
  676. Andé për osej con ël ciochin = "Andare per uccelli con il campanello", compiere un'azione inopportuna, controproducente.
  677. Andé sù për la scala e vnì giù për la còrda = "Salire per la scala a scendere per la corda" (il patibolo).
  678. Andé tiré `l nùmer = Andare a tirare il numero; Essere coscritto.
  679. Andé via a la Gerbi = "Andare via alla Gerbi", chi è capace di imprese incredibili.
  680. Andé volenté coma 'l lader an sla fòrca = "Andare volentieri come il ladro alla forca".
  681. Andoa a j'é l'inocensa a manca mai la Providensa = "Dove c'è l'innocenza non manca mai la Provvidenza".
  682. Andoa a l'é scur le dòne a son tute compagne = "Allo scuro le donne sono tutte uguali".
  683. Andoa a parlo ij tambur a taso le legi = "Dove parlano i tambuti, tacciono le leggi".
  684. Andoa as gieuga, ël diav as divert = "Dove si gioca il diavolo si diverte".
  685. Andoa che 'l coer a tira, le gambe a porto = Dove il cuore tira le gambe portano.
  686. Andoa 'l cas a l'é dësperà la Providensa a l'é davzin-a = "Dove il caso è disperato la provvidenza è vicina".
  687. Andoma a fé balé ij trantedoi = "Andiamo a far ballare i trentadue" (denti), a mangiare.
  688. Andov' a parla l'òr, la lenga a tas = "Dove parla l'oro, la lingua tace".
  689. Andov a-i regna 'l vin, a-i regna nen ël silensi = "Dove regna il vino non regna il silenzio".
  690. Andova a j'é 'd fije annamorà a l'é inùtil ten-e la pòrta sarà = "Dove vi sono ragazze innamorate, è inutile tenere le porte chiuse".
  691. Andova a j'é 'd gent, a-i é 'd pate spòrche = "Dove c'è gente ci sono panni sporchi".
  692. Andova 'l cas a l'é disperà, la providensa a l'é davzin-a = "Dove il caso è disperato, la provvidenza è vicina".
  693. Andrà fòrse a pentisse a Roma = "Andrà forse a pentirsi a Roma", improbabile pellegrinaggio penitenziale.
  694. André 'd calòta = "Indietro di calotta", fare la figura dello scemo.
  695. Anfilé 'l cavion = "Infilare il bandolo", essere fortunato.
  696. Angravia pogieul = "Ingravida balconi", un dongiovanni da strapazzo che si limita però soltanto a lanciare occhiate ai balconi senza riuscire ad andare oltre.
  697. Anlevà ant la bambasin-a = "Allevato nella bambagia", viziato.
  698. Anleva ij tò fieuj da póver s'it jë veule rich e content = "Alleva i tuoi figli da poveri se li vuoi ricchi e contenti".
  699. Ann da bolé, ann da stent = "Anno da funghi, anno di stenti"
  700. Ansaché la nèbia = "Insaccare la nebbia", lavoro perfettamente inutile.
  701. Ansima a na montagna d'òr as peul meuire 'd fam = "Su una montagna d'oro si può morire di fame".
  702. Ant ël pì bel ëd Roma = "Nel più bello di Roma", "nel sedere".
  703. Ant ël temp d'un Miserere = "Nel tempo di un Miserere", che si esaurisce in pochi minuti.
  704. Ant ij camp as viv, ant la ca as meuir = "Nei campi si vive, in casa si muore"
  705. Ant ij disòrdin a guadagna mach chi a l'ha gnente da perde = "Nei disordini guadagna solo chi non ha nulla da perdere".
  706. Ant ij dzòrdin a vagna mach chi ch'a l'ha gnente da perde = "Nei disordini ci guadagna solo chi non ha nulla da perdere".
  707. Ant la boca dël discrèt, lòn ch'a l'é pùblich a dventa segret = "Nella bocca del discreto, ciò che è pubblico diventa segreto".
  708. Ant la guardaròba dij can = "nell'armadio dei cani": abbandonato per terra.
  709. Ant la guèra d'amor a guadagna chi scapa = "Nella guerra dell'amore vince chi scappa".
  710. Ant la pas ij giovo a sotro ij vej, ma ant la guèra, ij vej a sotro ij giovo = "In tempo di pace i giovani sotterrano i vecchi, in tempo di guerra i vecchi sotterrano i giovani".
  711. Ant le boche sarà a-i intro gnun-e mòsche = Nelle bocche chiuse non entrano le mosche; è meglio rimanere zitti.
  712. Ant le ca dij giocador a manca mai ël dolor = "Nelle case dei giocatori non manca mai il dolore".
  713. Ant le ca neuve a-i manca sèmper quaicòsa = "Nelle case nuove ci manca sempre qualcosa".
  714. Ant le dificoltà, pé 'd piomb = "Nelle difficolà, piede di piombo".
  715. Ant na ca a va sèmpre mal quand la fomna a pòrta le braje e l'òm lë scossal = "In una casa va sempre male quando la donna porta i pantaloni e l'uomo il grembiule"
  716. Antant che ij litigant a tiro la vaca, un për ij còrn e l'àutr për la coa, l'avocat a mons = "Mentre i due litiganti tirano la mucca, uno per le corna e uno per la coda, l'avvocato la munge".
  717. Antant che ij litigant a tiro la vaca, un pr' ij còrn e l'àutr për la coa, l'avocat a mons = "Mentre i litiganti tirano la mucca, uno dalle corna e l'altro dalla cosa, l'avvocato munge".
  718. Antant che la fomna granda as chin-a, la cita a l'ha già gropò la fassin-a = "Intanto che la donna alta si china, la piccola ha già legato la fascina".
  719. Antartajesse = accorgersi al volo di qualcosa, ricavandolo dal comportamento di chi ci sta intorno.
  720. Antasché ij buratin = "riporre i burattini nelle loro scatole": far fagotto, sgombare, partire, morire!
  721. Antendse come n'avocat a fé 'd sëbber = "intendersene come un avvocato a fare dei mastelli".
  722. Antichità 'd Monsù Pingon = Anticaglia.
  723. Antipatich come 'l pan mastià = "Antipatico come il pane masticato", una persona sgradevole.
  724. Antregh come na mica = "Intero come una pagnotta", "essere sciocco".
  725. Anvisch come un brichet = "Acceso come un fiammifero", chi ha l'animo che si infiamma.
  726. Anvité can e pòrs = "Invitare cani e porci", invitare tutti, senza fare troppe distinzioni, quindi senza fare un'accurata selezione.
  727. Aossé baraca e buratin = "Alzare baracca e burattini".
  728. Apogé l'alabarda = "Appoggiare l'alabarda", coloro che si fanno ospitare a scrocco a casa altrui, approfittandone per mangiare e bere.
  729. Apress is portoma gnente = "Dietro non ci portiamo niente" quando moriamo.
  730. Aptit da sonador = Appetito da suonatore; Appetito formidabile, fame rabbiosa. .
  731. Aqua ch'a cor a l'é sèmpre bon-a = "Acqua che corre è sempre buona".
  732. Aqua e dieta a l'é la mia riceta = "Acqua e dieta è la mia ricetta".
  733. Aqua e feu a fan prest a fé leu = "Acqua e fuoco fan presto a farsi strada".
  734. Aqua e sol, la campagna a la va 'n fior = "Acqua e sole, la campagna va in fiore".
  735. Aqua, pare, che 'l convent a brusa = invito a calmare le acque.
  736. Aragn ëd sèira: speransa. Aragn ëd matin: sagrin = "Ragno di sera, speranza, ragno di mattino guai".
  737. Arbuté la ramin-a al feu = "Rimettere la pentola al fuoco", vedovi o divorziati che si rifanno una vita e si risposano.
  738. Arcaplé 'l vin = Mettere il vino vecchio nei tini con l'uva nuova, ricadere malato.
  739. Arch an cél ëd matin, pieuva sensa fin ="Arcobaleno di mattino, pioggia senza fine".
  740. Arconossent come ij bòrgno a Santa Lussìa = "Riconoscenti come i ciechi a Santa Lucia", essere un ingrato.
  741. Ardì come në s-ciopèt = "Sveglio come una castagnola", una persona molto sveglia e reattiva, proprio come uno dei tanti fuochi d'artificio che vengono utilizzati a Carnevale.
  742. Ària 'd filura, ària 'd sepoltura "Aria di fessura, aria di sepoltura".
  743. Aria 'd portin-a = "Aria di porticina", la sifilide.
  744. Ària da stèmber: fresch la sèira, fresc a la matin = Aria di settembre: fresco la sera, fresco la mattina".
  745. Armanach neuv, busiardarìe veje = "Almanacco nuovo, vecchie falsità".
  746. Arme dle fomne a son la lenga, j'onge e le lerme = "Armi delle donne sono la lingua, le unghie e le lacrime".
  747. Armenand bin la pasta, ël pan a ven pì bon = "Impastando bene la pasta, il pane viene più buono".
  748. Arpatesse le miole = "Riempirsi le budella", chi è pronto ad abbuffarsi. Mangiare equivale anche a Sbafusié, Sgobé, Spiacé, Sbalafré, Angordesse, Smorti, Sgropé, Lapé, Pité, Rumié.
  749. Arsèive un servissial = "ricevere un clistere": essere ingannato.
  750. Artista da cant e da subì = "Artista da canto e da, fischio", il furbo di tre cotte.
  751. Arviré ij barbis = ribellarsi, mostrare i denti.
  752. Arzenté lë scufiòt = "Risciacquare la cuffietta", dare una lavata di capo.
  753. As anvërtoja an slë stòmi = "Mi si attorciglia allo stomaco", mi fa stare veramente male.
  754. As buta 'l bast ed l'aso = "Si mette il basto dell'asino", si veste con la prima cosa che gli capita.
  755. As ciapa pì 'mpressa un busiard che un sòp = "Si prende prima un bugiardo che uno zoppo": come dire che le bugie non fanno molta strada.
  756. As comensa a meuire quand ch'as nass = "Si comincia a morire quando si nasce".
  757. As dà 'd crovata = Si dà delle arie.
  758. As fà 'd mérit a sté ciuto = "Si acquistano meriti a stare zitti".
  759. As fà gnun-e frità sensa rompe j'euv = "Non si fanno frittate senza rompere le uova".
  760. As fà pì prest a casché che a monté = Si fa più presto a cadere che a salire".
  761. As fà tase la vrità, ma nen ël regret = "Si fa tacere la verità, ma non il rammarico".
  762. As fà vnì le ragnà an sël pertus dël cul = "Si farebbe venire le ragnatele sul buco del sedere".
  763. As farà tut dai cop an giù = "Si farà tutto dai tetti in giù", tutto ciò che è umanamente possibile.
  764. As n'antend coma në spessiasi a fé 'd cop = "Se n'intende come un farmacista a fare le tegole".
  765. As peul nen avèj la fomna cioca e 'l botal pien = Non si può avere la moglie ubriaca e la botte piena.
  766. As peul nen avèj l'amel sensa avèj j'avìe e le mosche = "Non si può avere il miele senza le api e le mosche".
  767. As peul nen bèive e subié = " Non si può bere e fischiare" nello stesso tempo, ma solo una cosa alla volta.
  768. As peul nen canté e porté la cros = "Non si può cantare e portare la croce". Non si può far finta che che tutto vada bene.
  769. As peul nen ciapé 'd pess ch'a sio nen bagnà = "Non si possono prendere dei pesci che non siano bagnati", non si può pretendere d'avere le cose senza difficoltà.
  770. As peul nen fé la guardia e deurme = "Non si può fare la guardia e dormire".
  771. As peul nen gavesse 'd sangh da na rava = "Non si può togliere il sangue da una rapa".
  772. As peul nen pijesse ëd sold an sacocia a un patanù = "Non si possono prendere i soldi in tasca a un nudo.".
  773. As peul nen pijesse na galin-a për le pupe = "Non si può prendere una gallina per le tette", impresa assurda.
  774. As peul nen pretende 'd maravije da n'aso = "Non si possono pretendere meraviglie da un asino".
  775. As peul nen pretende 'd meravije da n'aso = "Non ci si può aspettare meraviglie da un asino".
  776. As peul pensé lòn ch'as veul, ma as peul pa dì lòn ch'as veul = Si può pensare ciò che si vuole, ma non si può dire ciò che si vuole.
  777. As peul vive sensa frej, ma nen sensa amis = "Si può vivere senza fratelli, ma non senza amici".
  778. As pija pì 'd mòsche con l'amel che con l'asil = "Si prendono più mosche con il miele che con l'aceto".
  779. As ripara nen ai maj con le lerme = "Non si ripara ai mali con le lacrime".
  780. As s'é mai trovà l'ansègn ëd fé sté 'l giss tacà 'l legn = "Non si è mai trovato il sistema di far stare attaccato il gesso al legno".
  781. As treuva al pian dij babi = "Si trova al piano dei rospi", è in cattive condizioni.
  782. Aso 'd prima stampa = "Asino di prima stampa", ignorante e allo stesso tempo di zoticone.
  783. Astesan, largh ëd boca, strèit ëd man = "Astigiano: largo di bocca, stretto di mano".
  784. Atachesse a Dé e ai Sant = "Attaccarsi a Dio e ai Santi", quando qualcuno comincia ad imprecare, bestemmiando e tirando in ballo il Padreterno, così come i Santi.
  785. Atende a la promëssa = Serbare fede, mantenere le promesse.
  786. Atende ai fat sò = Fare i fatti propri.
  787. Aussé 'l baul = "Alzare il baule", il sedere che quando lo si alza per metterlo in mostra significa sbeffeggiare il prossimo. In senso figurato sta per "essere saccente" o anche "diventare prepotente, volerla sempre vinta".
  788. Àut doi sòld ëd toma = "Alto due soldi di toma".
  789. Autr a l'é savèj, e àutr a l'é mostré = "Una cosa è sapere e altro è insegnare".
  790. Avansé mach ij pé fòra dal lét = "avanzare solo i piedi fuori dal letto": non avanzare nulla, consumare tutto.
  791. Avèj batù la testa, da cit an s'na pera bleuva = "aver battuto = la testa da piccolo su una pietra blu": in piemontese il blu ha un femminile, ovvero essere fuori di testa, essere scemo.
  792. Avèj bon temp = "Avere buon tempo", essere dei buontemponi e quindi con voglia di scherzare e fare i buffoni, all'avere la fortuna dalla propria parte, ma anche stare bene finanziariamente, oppure essere difficili nell'effettuare una scelta.
  793. Avèj 'd ròba al sol = "Avere della roba al sole", possedere dei beni.
  794. Avèj da manca = aver bisogno.
  795. Avèj dàit a un la zampà dël babi = "Aver dato ad uno la zampata del rospo".
  796. Avèj d'arie da Morgant = "Avere delle arie da Morgante". Chi si comporta come Morgante fa lo smargiasso, il gradasso, lo spaccone
  797. Avèj ëd quibus = "Avere dei "quibus", ricco e capace di poter affrontare e risolvere le situazioni più aggrovigliate.
  798. Avèj ëd sortìe ch'a smijo d'intrade = "Avere delle uscite che sembrano delle entrate", Nel melodramma del Settecento, all'entrata dei protagonisti il pubblico poteva saggiare le qualità degli interpreti, mentre l'uscita di scena era particolarmente adatto per mettere in bocca agli attori esclamazioni ed invettive.
  799. Avèj ël batésim dëscuvert = "Avere il battesimo scoperto", la testa pelata.
  800. Avèj ël bócc an man = "Avere il pallino in mano". Nel gioco delle bocce, il pallino da tirare ce l'ha chi si è aggiudicato il punto ed è lui a comandare il gioco.
  801. Avèj ël cassul an man = "Avere il mestolo in mano". Questo modo di dire nasce da un'usanza contadina vecchia di centinaia di anni. Quando il figlio maschio conduceva la giovane moglie a casa, la madre di lui attendeva la nuora sull'uscio con un mestolo in mano. Lo reggeva come uno scettro e il porgerglielo stava a significare che era pronta a cedere il governo della casa. La giovane però, sempre secondo la prassi, rinunciava, accettando lo status quo. In senso lato significa "dirigere, comandare in ambito familiare".
  802. Avèj ël cheur an sij laver = "Avere il cuore sulle labbra", essere sincero.
  803. Avèj ël cul ch'a fà dispét a la ciòrgna = "Avere il culo che fit dispetto alla vagina", donna dal sedere glosso...
  804. Avèj ël dent anvelenà = Avere il dente avvelenato, Essere pieno d'astio o di rancore nei confronti di qualcuno. • Allude ai denti dei rettili velenosi.
  805. Avèj ël deuit d'un aso a plé ij bëscheuit = "Avere il garbo di un asino a pelare le castagne cotte", una persona senza garbo, proprio come sarebbe un asino nel pelare le castagne.
  806. Avèj ël diav adòss = "Avere il diavolo addosso", essere infuriato.
  807. Avèj ël diav da la soa = "Avere il diavolo dalla propria parte", riuscire con facilità nelle proprie imprese.
  808. Avèj ël filèt tajà = "Avere il filetto tagliato", colui che ha una parlantina sciolta.
  809. Avèj ël gigèt = Essere spazientito, di cattivo umore, irascibile.
  810. Avèj ël quint pian da fité = Avere il quinto piano da affittare, avere la testa vuota.
  811. Avèj fàit le scòle seraj da mesdì a doi bòt = "avere fatto le scuole serali da mezzogiorno alle due", un ignorante.
  812. Avèj gnanca 'n sòld da fé canté 'n bòrgno = "Non avere nemmeno un soldo da fare cantare un cieco". essere un poveraccio.
  813. Avèj gnun pluch sla lenga = Non avere peli sulla lingua = dire le cose chiaramente.
  814. Avèj ij barbis = sinonimo di furbizia, abilità.
  815. Avèj ij caramaj sota a j'euj = "Avere i calamai sotto gli occhi", avere gli occhi marcati, per malattia o semplicemente per stanchezza.
  816. Avèj ij fumèt = "Avere i fumetti", è preso dall'ira.
  817. Avèj ij pé ant la vigna = "Avere i piedi nella vigna", essere alticcio, ubriaco.
  818. Avèj ij pé 'd San Cristòfo = "Avere i piedi di San Cristoforo", piedi enormi.
  819. Avèj ij pluch an slë stòmi = "avere i peli sullo stomaco", una persona coraggiosa.
  820. Avèj ij rognon ch'a fan baudëtta = "Avere i reni che scampanano a festa". La baudëtta è lo scampanio che si fa utilizzando speciali martelli in occasione di feste particolari come quella del santo patrono. In senso ironico si dice di chi ha dolori alla schiena.
  821. Avèj j'euj dnans e dré = avere gli occhi davanti e dietro, essere attentissimo.
  822. Avèj j'euj fodrà 'd sautissa = "avere gli occhi foderati di salsiccia": non vedere quello che si ha davanti, oppure non capire situazioni facili, essere facilmente ingannabile.
  823. Avèj j'òche da fré = "Avere le oche da ferrare", persone che si affannano per niente e pertanto combinano poco e ricavano altrettanto.
  824. Avèj 'l brusacheur = "Avere il bruciacuore", dolori sentimentali.
  825. Avèj 'l Gianin = "Avere il Giovannino", un piccolo tarlo che ci rode, come quello della frutta.
  826. Avej 'l nas ch'a rend = essere raffreddato.
  827. Avèj 'l pare pòver l’é pa ‘n disonor, ma avèj ël mëssé pòver l’é pa da drito = "Avere il padre povero non è un disonore, ma avere il suocero povero non è da furbi".
  828. Avèj la blëssa dl'aso = "avere la bellezza dell'asino": quando si è giovani, bene o male si è belli tutti. Compresi quelli che presto saranno irrimediabilmente brutti.
  829. Avèj la botega doverta = "Avere la bottega aperta", ha la cerniera dei pantaloni aperta.
  830. Avèj la greuja tacà daré = "Avere il guscio attaccato dietro", essere molto giovane.
  831. Avèj la lenga da stròpi = "Avere la lingua da storpio": parlare con volgarità.
  832. Avèj la lòira = "Avere la fiacca", quella del ghiro.
  833. Avèj la lun-a 'd travers = Ha la luna di traverso, avere la luna storta = Essere di cattivo umore.
  834. Avèj la man larga = Avere la mano larga = essere manesco, pronto a litigare e a dare schiaffi!
  835. Avèj la pansa longa = "Avere la pancia lunga", essere affamato.
  836. Avèj la pecondria = "Avere l'ipocondria". una costante apprensione per la propria salute e dall'ansiosa o addirittura ossessiva tendenza a sopravvalutare i minimi disturbi.
  837. Avèj la pera daré dla pòrta = "Avere la pietra dietro la porta". Non chiudere mai le porte.
  838. Avèj la pì lesta = "Avere la più rapida", la diarrea.
  839. Avèj la schin-a ch'a smangia = "Avere la schiena che prude". riferita a chi sta provocando a parole o con delle malefatte e la cui schiena (soprattutto il basso schiena) si fa calamita per una sculacciata.
  840. Avèj la testa an procession = "Avere la testa in processione". Chi ha la testa in processione è confuso in quanto investito da tanti suoni e immagini che tolgono lucidità.
  841. Avèj la testa 'nt ël sach = "Avere la testa nel sacco", quegli individui che agiscono distrattamente, senza riflettere, senza rendersi conto di una situazione o della realtà circostante.
  842. Avèj l'argent viv adòss = "Avere l'argento vivo addosso", colui che non riesce a stare mai fermo, è irrequieto, scalmanato.
  843. Avèj l'arlìa = "Avere la superstizione", l'ubbia, la superstizione, cose che dovrebbero essere superate da decenni ormai.
  844. Avèj le bale an giòstra = "Avere i testicoli in giostra", "essere arrabbiato, adirato" in quanto costretto probabilmente a fare qualcosa che non ci garba
  845. Avèj le baluchëtte = Avere una visione sfocata.
  846. Avèj le bije stòrte = "Avere i birilli storti", le gambe storte.
  847. Avèj le braje pien-e = "Avere i calzoni pieni", "culo", avere bel gioco, essere fortunato al gioco.
  848. Avèj le braje s-ciancà 'nt ël cul = "Avere i pantaloni strappati sul sedere", i nuovi ricchi.
  849. Avèj le gambe ch'a fan Giaco-Giaco" = Avere le gambe che tremano per la paura.
  850. Avèj le man ch'a furmiolo = "Avere il formicolio alle mani", quando si ha voglia di picchiare qualcuno.
  851. Avèj le man ëd pauta = avere le mani di fango, lasciarsi sfuggire qualcosa.
  852. Avèj le man forà = Avere le mani bucate, essere uno spendaccione.
  853. Avèj le man gropà = Avere le mani legate = non poter far nulla in favore di qualcuno, non poter aiutare.
  854. Avèj l'euj an giojera = "Avere l'occhio in bacheca", porta gli occhiali...
  855. Avèj l'istess deuit ch'a l'ha la trùa a mné ij pipì = "Avere lo stesso garbo che ha la scrofa nel condurre i pulcini", essere goffo, grossolano, maldestro.
  856. Avèj 'n pé ant ël cul = "Avere un piede nel culo", la spiita della raccomandazione.
  857. Avèj na bon-a sponda = "Avere una buona sponda". La buona sponda è quella che non cede, che non frana, alla quale ci si può aggrappare in caso di pericolo.
  858. Avèj na fam ch'a së s-ciàira = "avere una fame che si vede": avere una fame da lupi.
  859. Avèj na fòrsa dël diav = "Avere la forza del diavolo", una forza sovrumana.
  860. Avèj na siensa da eut sòld al chilo = "Avere una scienza da otto soldi al chilo", una cultura stimabile con quella cifra non può essere profonda.
  861. Avèj 'ncora 'l làit an sij làver = Avere ancora il latte sulle labbra", essere ancora un lattante, un principiante.
  862. Avèj nen la pressa 'd dësblé ch'it arzighe 'd perde la sosta = "Non aver fretta di distruggere, perché rischi di perdere il riparo" del tetto.
  863. Avèj nen un pich da fé balé un givo = "Non avere un soldo da far ballare un maggiolino": essere completamente al verde, senza un centesimo.
  864. Avèj 'nventà la póer dla stra = "Avere inventato la polvere della strada", nulla di straordinario...
  865. Avèj pì 'd còrn che 'n sigilìn ëd lumasse = "Avere più corna che un secchiello di lumache = essere un pluri ...cornuto.
  866. Avèj pì 'd malandre che 'l cavai ëd Gonela = "Avere più acciacchi che il cavallo di Gonella"
  867. Avèj queich sant in Paradis = "Avere qualche santi in Paradiso" che si occupa di te.
  868. Avèj sèmpre 'l rije an broa = ridere spesso.
  869. Avèj set dolor e na sfita = "Avere sette dolori ed una sfitta". La "pòvra ànima derelita con set dolor e na sfita" a l'é chi ch'as lamenta 'd tuti ij maj ma a l'ha o pòch o niente.
  870. Avèj tranta dolor e na sfita = "avere trenta dolori e una fitta": essere pieno di malanni. Detto in tono canzonatorio di chi si lamenta sempre per i suoi acciacchi.
  871. Avèj trovà la smens dij gratacuj = "aver trovato i semi della rosa canina, "gratta-culo in piemontese": resa in italiano con aver scoperto l'acqua calda.
  872. Avèj un an sij còrn = "Avere uno sulle corna", avere in antipatia.
  873. Avèj un bel topé = "Avere un bel parrucchino", una persona disinvolta se non addirittura sfrontata.
  874. Avèj un bocon ant ël còl = "avere un boccone nel collo", quando non si può ammettere qualcosa, anche se si è arrabbiati, o comunque si ha tanta amarezza dentro e non ci si può lamentare.
  875. Avèj un mantel për ògni bzògn = "Avere un mantello per ogni bisogno"
  876. Avèj un mantel për tute aque = essere pronto a fronteggiare qualunque situazione.
  877. Avèj un tupin pien e l'àutr ch'a versa = ...avere le scatole piene.
  878. Avèjla an slë stòmi = "averla sullo stomaco", in pratica "non poter accettare qualcuno".
  879. Avèjne a basta = "Averne abbastanza". quando si è raggiunto il limite di sopportazione, soprattutto quando si tratta di mangiare e si è completamente sazi.
  880. Avocat ëd Moncalé = "Avvocato di Moncalieri", un avvocato incapace, delle cause perse.
  881. Avril, dësquatte nen, magg va pian, giugn ëslarga la vesta = "Aprile non ti scoprite, maggio vai piano, giugno allargati il vestito".