Paolo De Silvestri/Pé-lé

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Artorn


Pè ... lé[modifiché]

La televisiòn, amnind al mònd,
l’ova purtò ansèma la mania
ed ribatè coi pé ’n ugèt ariond
c’l’anviscòva la fantasìa.

Poche imagini rubòie
i bastavo a nui fiulén
per cunsimè scòrpe e bròje
sa tacanda a la matén.

El maestro con la geografìa,
girando ’na specie ’d mapamònd,
um fòva sugnè ’na partìa,
con is bèl balòn ariònd!

A ’n cèrto mumènt, ina matén,
’na sfida l’era rivòia,
e che lanciòia da ’n pais avsén,
au nòstér l’era tucòia.
U nimèr dès i m’òvo dò,
e del scòrpe neuve con i tachèt,
che geometrìe j’òvo traciò
mej che la riga ’d in architèt.

«Ma uardè an po’ col nimèr dès,
c’l’a el balòn anculò ai pé,
e che scartandone sinch o sés,
u smia pròpé a Pelé!».

Sentinda ticc icc cumènt,
a ciamòva avante-andrè,
éd chi ch’j’ero icc pé lé
chi smiòvo tant ai mé!

Andanda cà tit sidò,
con bròié sporche e snugg splò,
ina vus andrènta mé,
ripetinda, la ’m diva acsé:
«Sta tranquil, che con icc Pé lé,
el pi bòn t’éi pròpe tè!»

Traduzione italiana «... PÉ LÉ» - La televisione, venendo al mondo, / aveva portato insieme la mania / di rotolare con i piedi un oggetto rotondo / che accendeva la fantasia. // Poche immagini rubate / bastavano a noi ragazzini / per consumare scarpe e calzoncini / già cominciando dal mattino. // Il maestro con la geografia, / girando una specie di mappamondo, / ci faceva sognare una partita, / con quel bel pallone rotondo! // Ad un certo momento, una mattina, / una sfida è arrivata, / e che lanciata da un paese vicino, / al nostro era toccata. // Il numero dieci mi avevano dato, / e delle scarpe nuove con i tacchetti, / che geometrie avevano tracciato / meglio che la riga di un architetto. // «Ma guardate un po’ quel numero dieci, / che ha il pallone incollato ai piedi, / e che scartandone cinque o sei, / sembra proprio a Pelé!» // Sentendo tutti questi commenti, / chiedevo avanti e indietro, / di chi erano quei piedi lì / che assomigliavano tanto ai miei! // Andando a casa tutto sudato, / con pantaloncini sporchi e ginocchia spelate, / una voce dentro di me, / ripetendo, mi diceva così: / «Stai tranquillo, che con quei piedi lì, / il più buono sei proprio tu!».