Mauro Caneparo/Diversament campiòn

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Artorn


Diversament campiòn[modifiché]

A Maurissi, diversament campiòn

I gh’avevan gnanca vint’ani,
l’eva vers al vutantatrì,
quand sül verd camp d’atletica
passavan ’na gran part di nostar di.

Mi curevi par tanti uri
par fam al fià in alenament,
ti sü la pedana dal salt in alt
cume füssa stai un gran divertiment.

Al tò alenadur l’eva sicür:
ti sarii diventà un gran campiòn.
Sempar seri, pochi paroli
e ’nti öcc gnanca un segn d’emussiòn.

Videt saltà l’eva ’na spetàcul:
al tò vulà ’dzura l’asticèla
an lassava tüti sensa fià
sevan mai vist ’na roba tantu bèla.

Pö cul incident in muturin
a t’ha purtà da culp in tèra
setà par semp ’dzura ’l carussin.

Ti sè turnà al camp dopu tanti mès
ti ghè dai ’n ügiada a l’asticèla
e pö via, vers la pedana dal pés.

Cul pés che ti lanci semp püssè luntan
l’è cume tì, sempar sicür par afruntà ’l duman.
Al tò alenadur gh’eva propi rasòn:
ti sè diventà un gran campiòn.

(Scond premi al Concors ëd Ricaldòn (AL) «Guido Cornaglia - Poesia & sport» dël 2007)

DIVERSAMENTE CAMPIONE[modifiché]

Tradussion italian-a

Non avevamo neppure vent’anni / eravamo nel millenovecentoottantatre / e sul verde campo d’atletica leggera / passavamo gran parte dei nostri giorni. // Io a correre per tante ore / era l’allenamento per farsi il fiato, / tu sulla pedana del salto in alto / come se fosse stato un grande divertimento. // Il tuo allenatore era sicuro: / saresti diventato un grande campione. / Sempre serio, di poche parole / non un segno d’emozione nei tuoi occhi. // Vederti saltare era uno spettacolo: / il tuo volo oltre l’asticella / ci lasciava sempre senza fiato / non avevamo mai visto una cosa tanto bella. // Poi quell’incidente in motorino / ti ha gettato di colpo a terra / seduto per sempre sulla sedia a rotelle. // Sei ritornato al campo dopo tanti mesi / hai gettato uno sguardo all’asticella / e poi via sicuro verso la pedana del peso. // Quel peso che lanci ogni volta sempre più lontano / è come te, sempre sicuro nell’affrontare il domani. / Il tuo allenatore aveva proprio ragione: / sei diventato un grande campione.