Giuseppe Tencaioli/Diséndagh soltant ciao

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Artorn


DISÉNDAGH SOLTANT: CIAO![modifiché]

Séran visin dë banch a l’Istitut.
Mi ’m la ricòrdi ’ncora
’mè s’a fussa jer,
cont ij sò trèsci biondi,
la facia bianca e rossa e j’eucc celèst.
Mi gh’avevi ’l balin dla matemàtica
e le col dël latin,
e quand fasévan ij cómpit in class
cercàvan dë jutass
da bôn visin.
I séran du nargiôn, però dë déntar
bojeva già quaicos, parchè
quand is parlàvan mi vignevi ross,
le la sbassava j’eucc.
Mi seri inamorà,
sò mia le,
dë certi ròbi i soma mai parlà.
Finì la scòla is soma saludà
diséndass soltant: ciao!
Così dë brut,
e gnenta pu.
I l’hò pu vista
për quasi trent’ani
e i l’hò dismentigà,
ma jer,
on batacheur a m’ha ciapà improvis
quand i l’hò vista lì davanti a mi,
lì ch’am guardava sensa sbassà j’eucc,
ma la sò facia l’era bianca e nera,
fotografà su n’oval
dë porcelana,
su na làpide dël cimiteri.
Sôn sarà j’eucc e tut int ona vòlta
m’ha vignù in ment ij di
passà su cuj bancôn vernisà ’d négar
dova i ’mparàvan la «partita doppia»
ij «logaritmi» e ’l bèl «corsivo» ingles.
Bancôn dë legn
dova na vòlta cont ël temperin,
mi gh’hò incidù ij nòstar inissial.
M’ha vignù in ment
tuti ij paròli ch’i vorevi digh,
e ch’i sôn sémpar tegnù déntar dë mi.
Ma quand col grop ch’am sarava la gola
s’ha finalment ëslargà ’n cicinin,
i l’hò guardala për l’ùltima vòlta,
e peu l’hò saludà
diséndagh soltant: ciao!
Così dë brut.

Traduzione italiana

DICENDOLE SOLTANTO: CIAO! - Eravamo vicini di banco all’Istituto. / Io me la ricordo ancora / come se fosse ieri, / con le sue trecce bionde, / la faccia bianca e rossa e gli occhi celesti. / Io avevo il pallino della matematica / e lei quello del latino, / e quando c’erano i compiti in classe / cercavamo d’aiutarci / da buoni vicini. / Eravamo due mocciosi, però di dentro / bolliva già qualche cosa, perchè / quando ci parlavamo io arrossivo, / lei abbassava gli occhi. / lo ero innamorato, / non so lei, / perchè di certe cose non abbiamo mai parlato. / Finita la scuola ci siamo salutati / dicendoci soltanto: ciao! / e niente altro. / Non l’ho più vista / per quasi trent’anni / e l’ho dimenticata. / Ma ieri, / mi ha preso un improvviso batticuore / quando l’ho vista davanti a me, / e mi guardava senza abbassare gli occhi, / ma la sua faccia era bianca e nera, / fotografata su un ovale / di porcellana, / su una lapide del cimitero. / Ho chiuso gli occhi e in un momento / mi sono ricordato dei giorni / passati su quei banconi verniciati di nero / dove imparavamo la partita doppia / i logaritmi ed il bel corsivo inglese. / Banconi di legno / dove una volta con il temperino, / io ho inciso le nostre iniziali. / Mi sono ricordato / di tutte le parole che volevo dirle, / e che ho sempre tenuto dentro di me. / Ma quando quel nodo che mi chiudeva la gola / si è finalmente allentato un poco, / l’ho guardata per l’ultima volta, / e poi l’ho salutata / dicendole soltanto: ciao! / e niente altro.