Giovanni Cerutti/Canson/Tramess a Gess e Stura

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Artorn


TRAMESS A GESS E STURA[modifiché]

L’informatrice di questa canzone (parole e musica di anonimi) è stata la signora Anna Gelli, la quale ricordava che si cantava a Cuneo quando lei era bambina. La canzone è sicuramente anteriore al 1937, perché parla della nuova stazione ferroviaria, ancora da terminare (e ancora: Piazza Galimberti era intitolata a Vittorio Emanuele II e lungo l’asse viario centrale della città circolavano le filovie). La canzone esprime l’amore dei cuneesi per la loro città, ritenuta una ... grande celebrità, dove non manca niente per vivere bene (e questo è vero!).


Tramess a Gess e Stura a-i é na gran sità, ch’a l’é fra tute j’àutre na gran celebrità;
s’i 'ndeve an Sicilia, a Napòli ò a Milan, sentand ch’i seve 'd Coni, av bateran le man!
A Coni a-j manca gnente, a së sta pròpi bin, con ij sà bej negossi a smija 'n cit Turin,
a-i son peui tanti pòrti për riparé la gent,
për quand ch’a pieuv ò fiòca, ò quand ch’a tira vent.
A-i é Piassa Vitòrio, la lea e ij cioché, a-i é la Stassion Neuva ancor da terminé,
a-i é la filovìa anvece dël tramvai, a men-a pòche vòlte, ma së stravaca mai!
E për sòn tuti a diso, disand la verità, che costa bela Coni a l’é na gran sità (bis).