Giovanni Cerutti/Canson/Stèile alpin-e

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Artorn


STÈILE ALPIN-E[modifiché]

1948, parole di Elisa Vanoni Castagneri, musica di Alfredo Nicola, pubblicato sul fascicolo n. 23 – 24 della Colan-a Musical dij Brandé.

Dagli anni ’30 agli anni ’70 del secolo scorso, la “Companìa dij Brandé” diede un contributo di fondamentale importanza per la creazione di un nuovo repertorio di canzoni in piemontese di alto valore artistico, sia nel testo e sia nella musica, grazie alla presenza di poeti quali Nino Costa, Armando Mottura, Carlottina Rocco, Renato Bertolotto, Luigi Olivero, Elisa Vagnoni Castagneri, e di musicisti quali Ettore Desderi, Adolfo Cantù, Michele Lessona, Alfredo Nicola (che fu anche poeta), Vincenzo Davico e Luigi Perrachio. “Stèile alpin-e” è una canzone dedicata alle stelle alpine e agli Alpini, che le raccolgono per donarle alle loro innamorate (le gognin-e).


Venta sercheje 'ns l’orlo dij giassé, le cite fior vestìe dë vlu d’argent,
che 'l sol a basa e che a carëssa 'l vent, e venta deje ai fieuj da maridé.
Venta porteje a tute le totin-e, përchè a son fior d’amor, le stèile alpin-e …
Venta sercheje 'ns l’orlo dij giassé, e venta deje ai fieuj da maridé.

Sole, sle pian-e, con la fiòca avsin, lontan da le passion e dal ciadel,
le cite stèile, ch’a sospiro 'l cel, a son ël seugn pì bel dij nòstri Alpin,
che quandi as treuvo con le soe gognin-e aj dan, për pegn d’amor, le stèile alpin-e …
sole, sle pian-e con la fiòca avsin, a son ël seugn pì bel dij nòstri Alpin.