Giovanni Cerutti/Canson/Sponta 'l sol

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Artorn


SPONTA ‘L SOL[modifiché]

Spensierata canzone popolare, sul ritmo cullante del valzer, cantata dai giovani torinesi in cerca di avventure galanti. Le parole originali erano: “Sota ‘l sol, j’è la lun-a”, e cioè: tramontato il sole (il sole andato sotto), c’è la luna”, ma oggi si canta così come è scritto nel testo.


Sponta’l sol, e la lun-a, e la lun-a 'd Moncalé,
ch’a-i fà ciàir a mia brun-a quand ch’a ven da travajé.

(Rit.) Ròsa, Roseta, sposa diletta, le tue parole, le tue parole,
Ròsa, Roseta, sposa diletta, le tue parole mi parlano d’amor!

Sponta’l sol, e la lun-a, e la lun-a 'd Moncalé,
ch’a-i fà ciàir a le tòte, a la sèira 'ndé a balé. (Rit).