Giovanni Cerutti/Canson/Sor capitani di Salusse

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Artorn


SOR CAPITANI DI SALUSSE[modifiché]

Lo smembramento della salma di un defunto è un antichissimo mito magico sulla sopravvivenza dopo la morte, che affonda le radici nel più lontano passato. In questa ballata, l’antico stereotipo è associato a un fatto storico: il protagonista è, infatti, Michele Antonio, figlio primogenito del marchese Ludovico II di Saluzzo, e di Margherita di Foix, morto nel 1528 a Napoli, a causa delle ferite riportate nell’assedio di Aversa, cui partecipava come Capitano generale delle truppe francesi di stanza nel Regno di Napoli. “La Margherita” citata nella canzone è probabilmente la madre della figlia naturale di Michele Antonio, che non era sposato. Nella Prima Guerra Mondiale la ballata del Capitano di Saluzzo divenne il celebre “Testamento del Capitano”.


Sor Capitani l’é di Salusse; l’ha tanta mal ch’a murirà,
mandà ciamé ij sò soldà, ch’a lo vnèisso un po’ a vëdde.

Ij sò soldà j’han fàit rispòsta, ch’a l’han la guardia da monté,
quand ch’a l’avran montà la guardia, sor Capitani andrìo a vëddé.

“Bondì, cerea, sor Capitani, còsa comanda ai sò soldà?”,
“Iv racomando la mia vita, che dël mé còrp fasso quatr part.

L’é d’un-a part mandela an Fransa, e l’àotra part a Racunis;
mandé la testa a la mia mama, ch’as na ricòrda dël sò fiolin bel.

Mandé 'l mè cheur a la Margherita, ch’as na ricòrda dël sò prim amor”;
la Margherita a l’era sla pòrta, l’é cascà 'n tera dal gran dolor!