Giovanni Cerutti/Canson/Nina-nana 'd Natal

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Artorn


NINA NANA ‘D NATAL[modifiché]

1948, parole di Attilio Spaldo, musica di Alfredo Nicola.

Il Natale è certamente più bello quando in una casa, accanto al presepio, c’è la presenza di un neonato, immagine vivente di Gesù Bambino! Attilio Spaldo (1914 – 1997) si definiva “il più giovane dei vecchi poeti piemontesi della Compagnia dei Brandé”, il gruppo di poeti, scrittori, musicisti e pittori che volevano mantenere viva la cultura e la lingua piemontese, soliti a trovarsi, negli anni Trenta del Novecento, la domenica mattina al bar Patria, in Piazza Castello a Torino. Le poesie di Spaldo sono state ripubblicate nel 1996 in un unico volume, “L’amorin dësmentià”, con la presentazione di Camillo Brero. Anche Alfredo Nicola, “Alfredino”, (1902 – 1995), faceva parte della Companìa dij Brandé; fu un bravo poeta, musicista, musicologo e pittore. Dal 1931 al 1987 pubblicò più di sessanta fascicoli nella Collana Musicale dei Brandé, che raccolgono oltre 600 canzoni piemontesi, tradizionali e contemporanee.


Fà la nana mé ratin, già le ciòche 'd mesaneuit a son desviasse
e ij son ësclin, van për l’aria con bel deuit.
Nina nana 'ntorn toa cuna, vijo adess tuti ìj bergé,
ch’a l’han vist na stèila dun-a passé 'n cel e tramonté.
Nina nana, ò sol boneur, nina nana, mè cit cheur.
Tramonté dë dnans toa blëssa e al soris dël tò bochin,
s’é fermasse 'nt na carëssa su toa front, sij rissolin,

Fà la nana, mia stèilin-a, ij bergé, Gesù Bambin,
tante feje 'd cotonin-a, la Madòna, at son davsin.
Nina nana, ò sol boneur, nina nana, mè cit cheur.