Giovanni Cerutti/Canson/Nate 'd Beuves

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Artorn


NATE 'D BEUVES[modifiché]

1945, parole e musica di Mario Tosello.

Questa la canzone esprime il giusto orgoglio dei Bovesani autentici (quelli di “pura rassa”) e della loro associazione, la “Famija Bovesan-a”! C’è anche il ricordo del tragico incendio e della rappresaglia ordinata dal maggiore delle SS Joachim Peiper il 19 settembre 1943, con 45 civili uccisi e 350 case incendiate. Tra gli uccisi vi furono il parroco don Giuseppe Bernardi, il vice parroco don Mario Ghibaudo e l’industriale Antonio Vassallo che, con don Bernardi, Peiper aveva mandato in precedenza a trattare con i partigiani a San Giacomo di Boves. Una seconda rappresaglia tedesca si svolse dal 31 dicembre 1943 al 3 gennaio 1944: il paese fu nuovamente bruciato e si ebbero numerose vittime tra i partigiani e la popolazione civile. Nel 1961 alla città di Boves fu assegnata la medaglia d’oro al valor civile, per aver sopportato “con eroico comportamento e stoico coraggio, per ben due volte, la rappresaglia crudele del nemico invasore, subendo la distruzione di numerose abitazioni e sacrificando la vita di molti suoi figli all’ideale patriottico”.


Feve largo ch’a passa la Famija Bovesan-a con tuti ij sò pi bon,
l’han corage, fierëssa ed energia, tuti 'nsema son re dij bontempon.

(Rit.) Nate 'd Beuves, pura rassa, për le feste i soma sempe stàit ij prim,
an alegrìa gnun ch’as passa, për travaj i soma pà daré a gnun;
l’han brusasse, l’han rovinasse, ma fa gnente, i l’oma già ricostruì,
ògni tanto 's baronoma e cantoma la canson dël nòst pais (bis).

Si i voroma peui guardé la stòria, son quat vòlte che Beuves l’han brusà,
sensa blaga, ma pura a l’é na glòria, e ògni vòlta pì bel l’é diventà. (Rit.).