Giovanni Cerutti/Canson/Na fijëtta 'd quindes ani

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Artorn


NA FIJËTTA 'D QUINDES ANI[modifiché]

Questo padre pensava di fare la felicità della figlia, dandola in sposa a un vecchio, proprietario di un ricco patrimonio. Invece, la ragazza, che ha appena quindici anni, dice al papà che non sono le ricchezze a dare la felicità: i giovani stanno bene solamente con altri giovani!


I é na fijëtta 'd quindes ani (bis), sò pare a veul mariela, la veul deila a 'n vej,
ma sa la deissa a 'n giovo na farìa mej.

A l’é sarasse 'n la soa stansiëtta (bis), l’ha pià na cadrega e a l’é setasse là,
e tuta la neuit a l’ha sempre piorà.

“Còsa pioreve, la mia fijëtta (bis), pielo, pielo an pressa, pielo desgagià,
che maridà ch’it sìe, it ses padrona 'd ca!”.

“Mi dle richësse am na fà pa gnente (bis), giovo va con giovo, vej ansema a vej,
e a l’ombra d’un bel giovo a së sta sempre mej!”