Giovanni Cerutti/Canson/Magna Gioana

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Artorn


MAGNA GIOANA[modifiché]

Nonostante l’apparenza di “canzone da osteria”, si tratta, invece, di una canzone che porta all’attenzione il tema della solitudine di tanti vecchi, uomini e donne, che poi trovano rifugio nel vino. Commovente è il dialogo tra il giovane medico (il “sor medichin”) e zia Giovanna (Magna Gioana); il dottore dice a Magna Giona che il suo male di testa passerebbe se smettesse di bere vino, e lei risponde che se non bevesse tanto vino a quest’ora sarebbe già morta. Quando sarà morta, chiede di essere sepolta in una cantina, con la testa sotto la botte e la bocca vicino alla cannella per spillare e così avere sempre la bocca fresca di vino!


Magna Gioana a l’era su l’uss, l’era su l’uss che la filava, òh;
l’era su l’uss che la filava, òh, trolla – la – là.

A l’é passaje sor medichin: “Magna Gioana, coma la vala?, òh,
Magna Gioana, coma la vala, òh, trolla – la – là”.

“E la va pà vaire bin, i l’hai tanta mal a la testa, òh;
i l’hai tanta mal a la testa, òh, trolla – la – là”.

“Se beiveissi nen tanto vin, mal dla testa passaria, òh;
mal dla testa passaria, òh, trolla – la – là”.

“S’i beiveissa nen tanto vin, st’ora sì sarìa già mòrta, òh;
st’ora sì sarìa già mòrta, òh, trolla – la – là.

E da mòrta che mi sareu, sotereme ant un-a cròta, òh;
sotereme ant un-a cròta, òh, trolla – la – là.

Con la testa sot al botal e la boca a la spinèla, òh;
e la boca a la spinèla, òh, trolla – la – là.

Tuta la gent ch’a vniran për vin, mantniran mia boca frësca, òh;
mantniran mia boca frësca, òh, trolla – la – là!”.