Giovanni Cerutti/Canson/Mé ritorn

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Artorn


MÉ RITORN[modifiché]

(parole e musica di Angelo Brofferio; 25 dicembre 1846)

A distanza di oltre centosessant’anni, “Mé ritorn” continua a essere un canto molto popolare. Molti si commuovono per questo ritorno di Brofferio in carcere, pensando che fosse dovuto a motivi politici, come quindici anni prima, nel 1831 (vedi canzone n. 22). E invece no! A dicembre 1846 Brofferio fu incarcerato (per poche settimane) su denuncia della moglie, Felicie Perret, con l’accusa di adulterio e concubinato con Giuseppina Serena Zauner, sua collaboratrice nelle ricerche storiche e letterarie. Per tutta la vita, Brofferio ebbe una famiglia “legale”, a Torino, la moglie e tre figli, e una seconda famiglia, “more uxorio”, a Minusio (Canton Ticino, Svizzera), con la Zauner e quattro figli naturali!


Bondì, care muraje, tèile d’aragn, bondì, vëddve ch’i son tornaje? Guardeme torna sì.
J’eu sempre pensà a voi, òh gloriosissim froi!

(Rit.) Bondì, bondì, bondì, guardeme torna sì!
Òh quante vòlte, òh quante i v’eu parlave, ò trav;
i v’eu sognave, ò sante criche, ò beate ciav!
Ah! vëddo ant un canton mè nòm scrit con 'dcarbon; (Rit.)

Na riga mach pì mesa i s-ciario un pò pì 'n là, e smijlo nen ch’as lesa: “Viva la libertà”!
As vëd ch’i j’era un gran dòt: Evviva j’agnolòt! (Rit.)

Da dòp ch’i v’eu chitave (son quindes ani tòst!)
a s’é piantassne 'd fave, a s’é scaudassne 'dròst!
Ma lòn ch’a l’ha tnù bon, it ses mach ti, ò përson! (Rit.)

Dle neuve teorie, ch’a ilustro Dòira e Pò, a l’é da coste grije ch’as vëd ben 'l drapò.
Da sì com a l’é bel ël sol 'd Piassa Castel! (Rit.).