Giovanni Cerutti/Canson/La scelta felice

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Artorn


LA SCELTA FELICE[modifiché]

Un “contrasto” tra madre e figlia per la scelta del marito. La madre le propone un muratore, ma la figlia non vuole, perché il muratore si strappa sempre i pantaloni; il fabbro non le va bene, perché, abituato a battere sull’incudine, farà altrettanto sulla faccia della moglie; un ciabattino, essendo abituato per il suo lavoro a battere le suole delle scarpe, darà tanti schiaffoni anche alla moglie; un agricoltore non va bene perché è sempre in giro con la sua cesta. Finalmente, madre e figlia sono d’accordo a scegliere un giardiniere con i suoi fiori!


Un murador mia mare me veul dare (bis); murador ch’a fà muraje,
fà nen àutr che s-cianché 'd braje; òilì – òilà; murador mi i lo veuj pà.

Un serajé mia mare me veul dare; serajé ch’a bat l’ancuso,
pija soa fomna e a-j pista 'l muso; òilì – òilà; serajé mi i lo veuj pà.

Un ciavatin mia mare me veul dare; ciavatin ch’a bat la sòla,
pija soa fomna e la scopòla; òilì – òilà; ciavatin mi i lo veuj pà.

Un campagnin mia mare me veul dare; campagnin ch’a va 'n campagna,
sempe an gir con soa cavagna; òilì – òilà; campagnin mi i lo veuj pà.

Un giardiné mia mare me veul dare; giardiné ch’a va për fior,
a l’é chiel sol ël mé amor; òilì – òilà; giardiné mi sposerai!