Giovanni Cerutti/Canson/La marcia dij coscrit

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Artorn


LA MARCIA DIJ COSCRIT[modifiché]

da “Chitarade”, 1904, musica di Raffaele Cuconato, parole di Giovanni Gastaldi.

Il motivo di questa marcia è diventato uno dei pezzi “d’obbligo” delle fanfare alpine che accompagnano le sfilate, e fu uno dei brani più suonati in occasione dell’Adunata Nazionale degli Alpini a Cuneo a maggio 2007. In origine essa era una canzone “d’autore” piemontese, che descrive la festosa partenza per la caserma dei coscritti arruolati negli Alpini e negli Artiglieri alpini. In questi giovani, pieni di salute, c’è l’orgoglio di essere i difensori della Patria, sapendo che il Piemonte è sempre pronto a offrire all’Italia la sua più bella gioventù!


Fieuj, partoma! Senti le fanfare, cole trombe ch’a sono dantorn;
sensa gnògne ambrassè vòstra mare, peui an marcia al segnal dij tamborn!
J’é d’invidia, nen lacrime 'nt j’euj dij compagn ch’a ne strenso la man.
Su, marcioma, cantoma, bej fieuj! Rataplan! Rataplan! Rataplan!

(Rit.) Difensor dla nòstra tèra, gnun nemis an fa tramblé,
sentinele dla frontiera, fior d’Alpin e Canonié.
Gnun ramì dla sira spalia, tribulà dal malcadù:

nòst Piemont a dà a l’Italia soa pì bela gioventù (bis).
Gnun d’Italia desidera guèra, né massacri, né sene d’oror;
son emblemi dla nòstra bandiera la Speransa, la Fede, l’Amor.
Ma col dì ch’a n’ariva 'd difende ò 'l bon drit ò l’onor d’Italian,
i l’avroma 'd coragi da vende! Rataplan! Rataplan! Rataplan! (Rit.)

Ò mia bela, s’it veule ch’i t’ama, piora nen, che pioré l’é delit;
l’é mia Patria, l’Italia ch’am ciama, con la tromba a l’appel dij coscrit.
Un bel dì, tuta fiera e gioiosa, tëm sentras a canté da lontan,
ritornand a mia bela, a mia sposa: Rataplan! Rataplan! Rataplan! (Rit).