Giovanni Cerutti/Canson/La bërgera e 'l luv

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Artorn


LA BËRGERA E ‘L LUV[modifiché]

Un classico tema dei canti popolari delle regioni settentrionali italiane è quello del lupo che all’improvviso esce dal bosco e divora un capretto o un agnellino del gregge della bella pastorella. La pastorella invoca aiuto, promettendo il suo amore, ed ecco compare un bel giovane (un “gentil galant”) che con la spada uccide il lupo e così il capretto esce ancora vivo dallo stomaco del lupo che l’aveva divorato! Per ricompensa, la pastora vorrebbe donare al giovane la lana che toserà da questo capretto, ma il giovane preferisce un suo bacio, non essendo mercante di panni o di lana!


La bërgera a larga ij moton (bis), al longh de la riviera;
sol levà l’era tant càud, la se seta a l’ombrëtta.

I é surtì gran luv dël bòsch (bis), con la boca ambajeja,
a l’ha pià 'l pì bel barbin ch’a-i era ant la tropeja.

La bërgera as buta a crié (bis): “Ahi mi pòvra fièta!
Se qualcun a m’agiuteisa, mi saria soa morosëtta”.

Da lì passa gentil galant (bis), con la soa bela spèja;
a l’ha dait tre colp al luv, barbin l’é saotà 'n tèra.

“Mi 'v ringrassio gentil galant (bis), mi 'v ringrassio 'd vòstra pen-a;
quand ch’i tonda 'l mè barbin, mi av donerai la lan-a”.

“Mi son pà marcand da pann (bis), e gnanca de la lana;
un basin dël vòst bochin a me pagherà la pen-a”.