Giovanni Cerutti/Canson/Inno dei piemontesi nel mondo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Artorn


INNO DEI PIEMONTESI NEL MONDO[modifiché]

Parole di D. Torta; musica di G. Vallesco e C. Chiara. Inno ufficiale delle Associazioni dei Piemontesi nel Mondo.

Molte volte, con i coristi della Compagnia Musicale Cuneese, abbiamo cantato questo inno durante il viaggio in Argentina, nel mese di marzo 2008, dove abbiamo incontrato le comunità dei discendenti degli emigranti piemontesi a Santa Fè, El Trebol, San Francisco, Cordoba, Serrano e Laboulaye. Anche nei discendenti di oggi dei piemontesi emigrati a fine ‘800 e nei primi decenni del ‘900, sono rimasti la nostalgia del Piemonte, l’amore per la lingua piemontese e l’orgoglio di aver contribuito con il lavoro allo sviluppo economico del Paese che li ha accolti.


Quaidun ëd noi a parla fransèis ò american, e pòchi a conòsso paròle an italian,
ma gnun ëd noi, për boneur, l’ha dësmentià paròle bele e care, sentìe da masnà.

(Rit.) Noi soma 'd Piemontèis an gir për tut ël mond,
e drinta 'l cheur portoma 'n tòch dël nòst Piemont.

S’a i-é da fé 'd ribòte, 's tiroma pa 'ndaré, ma dur l’é sténe a bòta s’a-i é da travajé;
an gir as dis che noi soma 'd “bogianen”, ma ciuto noi rivoma 'ndoa j’àutri a fan ciadel! (Rit.)

An tut ël mond trovoma 'd pais fondà da noi,
le vigne a profumo dël vin dël nòst Piemont;

ma drinta al cheur noi portoma 'l ver Piemont,
la tèra dij nòst pare, con tuti ij seugn pì bej! (Rit.)