Giovanni Cerutti/Canson/Ij tre tambor

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Artorn


IJ TRE TAMBOR[modifiché]

Tre giovani tamburini sono di ritorno dalla guerra. Il più grazioso dei tre s’imbatte nella figlia del re, che gli chiede una rosa del mazzo che aveva in mano. Lui risponde che la vorrebbe sposare, e per questo si rivolge al re. Questi, però, vuole sapere quali sono le ricchezze del tamburino, il quale gli dice che sono il tamburo e le bacchette per suonarlo. Il re si sente quasi preso in giro, e minaccia di farlo impiccare. Il tamburino replica, allora, che ci saranno dei soldati pronti a difenderlo, perché lui è il figlio del re d’Inghilterra. A questo punto il re sarebbe ben d’accordo a dargli la figlia in sposa, ma… adesso è troppo tardi!


S’a-i era tre tambor (bis) ch’a ven-o da la guèra,
rataplan tan tan e rataplan tambor, ch’a ven-o da la guèra.

Ël pì zolì 'd coi tre (bis) l’avia 'n bochèt 'd reuse,
rataplan tan tan e rataplan tambor, l’avia 'n bochèt 'd reuse.
(e continuando in modo simile per tutte le strofe)

E la fija dël re, s’a l’era a la finestra;
Dìme, zolì tambor, doneme d’un-a reusa;

Sì, sì te la darèu, s’i fusse la mia sposa;
Ò ti, zolì tambor, andeilo dì a mè pare;

Ch’a dia, signor lo re, doneme vòstra fija;
E ti, zolì tambor, quai son le toe richësse?;

Le mie richësse son, tambor e le bachëtte;
Ò tasi, ti tambor, se nò 't faroma pende;

Soldà dël mè pais, a savran bin difendme;
Dime, zolì tambor, dime: chi l’è tò pare?;

E lo me pare a l’é, lo re dë l’Inghiltera;
Ò ti, zolì tambor, ti donereu mia fija;

Al mè pais na i-é un’àotra pì zolìa!