Giovanni Cerutti/Canson/Ij fieuj 'd Giandoja

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Artorn


IJ FIEUJ 'D GIANDOJA[modifiché]

parole di Cesare Scotta, musica di Vittorio Lanteri (inizi ‘900)

Celebre canzone “d’autore” del carnevale di Torino, conosciuta in tutto il Piemonte. Giandoja è la maschera della città di Torino; il nome deriva da “Gioann dla doja”, ovvero “Giovanni del boccale”! Giandoia nacque alla fine del ‘700 quale burattino creato dalla fantasia di due famosi burattinai: Bellone e Sales. Giandoia è un galantuomo allegro, con buon senso e coraggio, che ama la buona tavola e il buon vino. Ancora oggi è sempre presente nelle feste popolari di Torino, dove non manca neppure la sua fedele compagna Giacometta. (Giandoia ha dato il nome anche ad una crema e ai cioccolatini Gianduiotti!).


Noi soma ij fieuj 'd Giandoja, na sola famija, as pias aossé la doja, as pias l’alegrìa,
a l’é nòst camp 'd bataja la tàola prontà, a son nòstra mitraja le bote 'mbotijà.

As viv 'dcò mach 'na vòlta, përché sagrinesse? fé vita da marmòta, la pel logoresse,
alégher su cantoma, baloma, crijoma: e viva, viva noi! e viva, viva noi!

E tin, tin, tin, tocand an sël goblòt, e tin, tin tin, eviva ij giandojòt,
e tin, tin, tin, beivoma dël bon vin, e tin, tin tin, massoma ij sagrin!