Giovanni Cerutti/Canson/Giromëtta dë la montagn

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Artorn


GIROMËTTA DË LA MONTAGNA[modifiché]

Ecco un brioso dialogo a “contrasto” tra Girometta, una ragazza venuta dal suo paese di montagna per lavorare in città, e alcuni abitanti di questa località i quali vorrebbero che lei tornasse al paese, ma Girometta riesce sempre a trovare una scusa per non fare ritorno in montagna! Il motivo musicale di questa canzone popolare è molto antico; infatti, il compositore Gerolamo Frescobaldi, nel suo libro di musica per organo “Fiori Musicali” edito nel 1635, ha scritto un “Capriccio sopra la Girolmeta”, che utilizza come tema la musica di questa canzone. (Il testo piemontese contiene alcune parole in lingua italiana).


Giromëtta dë la montagna torna al tò pais;
torna al tò pais, Giromëtta, torna al tò pais.

Mè pais a l’é tròp lontano, mi i sai nen andé;
mi i sai nen andé, Giromëtta, mi i sai nen andé.

Manda a dilo a lo tò pare, che te vegna a pijé;
che te vegna a pijé, Giromëtta, che te vegna a pijé.

E mé pare l’è 'n pescador, l’ha da 'ndé a pësché;
l’ha da 'ndé a pësché, Giromëtta, l’ha da 'ndé a pësché.

Manda a dilo a toa mare, che te vegna a pijé;
che te vegna a pijé, Giromëtta, che te vegna a pijé.

Mia mare l’é lavandera, l’ha da 'ndé a lavé;
l’ha da 'ndé a lavé, Giromëtta, l’ha da 'ndé a lavé.

Manda a dilo a tò fratello, che te vegna a pijé;
che te vegna a pijé, Giromëtta, che te vegna a pijé.

Me fratel a l’è 'n sonador, a l’ha da 'ndé a soné;
l’ha da 'ndé a soné, Giromëtta, l’ha da 'ndé a soné.

Manda a dilo a toa sorela, che te vegna a pijé;
che te vegna a pijé, Giromëtta, che te vegna a pijé.

Mia sorela l’é balarin-a, l’ha da 'ndé a balé;
l’ha da 'ndé a balé, Giromëtta, l’ha da 'ndé a balé!