Giovanni Cerutti/Canson/Corno Stella

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Artorn


CORNO STELLA[modifiché]

Ecco uno dei più bei canti di montagna tratto dal repertorio del Gruppo Corale “La Baita” di Cuneo, da oltre cinquant’anni uno dei punti di riferimento per gli amanti del canto popolare di montagna. Il brano fu registrato nel disco LP “Canti Cuneesi” del 1964, e da allora è assai conosciuto in tutto il cuneese. Il canto è dedicato ad un giovane alpinista caduto sul Corno Stella (metri 3053), un contrafforte del Gelas di Lourousa (metri 3261), uno dei più alti picchi del Gruppo dell’Argentera, nelle Alpi Marittime.


Ai pé dël Còrno Stella, na cros a l’é piantà,
doi ass con na còrda e na picòssa campà là.

(Rit.) Montagne, bele montagne, dësvij tanti ricòrd,
son gioiose e son magagne, bele montagne quanti ricòrd.

L’é fiorie la valada, l’é 'l ciapè tut ën color,
ò ròche dël Còrno Stella parleme 'ncora dël mè amor. (Rit.)

Ant la pas ëd cole ròche son tornà për cheuje 'd fior,
gropelo a la picòssa për ël ricòrd d’un grand amor. (Rit.)