Giovanni Cerutti/Canson/Ciao Turin

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Artorn


CIAO, TURIN[modifiché]

Parole di Lampo; musica di Carlo Prato, 1957

Negli anni Cinquanta continuava l’emigrazione dei piemontesi all’estero, in cerca di lavoro soprattutto in Germania e in Svizzera. Un giovane di Torino ha finalmente ricevuto i documenti (“le carte”) per emigrare, ma sente la malinconia (gli “trema il cuore”!) per la città che deve lasciare e ha un solo desiderio: ritornare a Torino appena possibile.


Finalment a son rivame le carte; l’ha portamije 'n rijand ël postin,
am dispias, ma doman devo parti, e lassé la mia bela Turin.

Ciao, Turin, mi vado via, vad lontan a travajé,
mi sai nen còsa ch’a sia, sento 'l cheur a tramolé.

Ciao, Turin, mia bela tèra, che tristëssa, che pensé,
a më smija gnanca vera ëd dovèite saluté.

I vëdrai pi nen la Mòle, né ij Capussin, pòrterai pi nen le bele cite al Valentin!
Ciao, Turin, mi vado via, vad lontan a travajé, ma i darìa la vita mia për podèj prest ritorné!