Giovanni Cerutti/Canson/Castel ëd Verua

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Artorn


CASTEL ËD VERUA[modifiché]

L’episodio narrato in questa canzone potrebbe risalire al 1387, quando il marchese Teodoro di Monferrato assediò la città sabauda di Verrua, posta sulla riva destra del Po. Nel contesto dell’avvenimento si colloca il gesto coraggioso dell’anonima eroina che, facendo rotolare un pietrone dall’alto del castello di Verrua, inabissò l’imbarcazione nemica con i soldati che tentavano di cogliere di sorpresa i difensori della città.


Castel ëd Verua: s’a l’é tant bin piantà; piantà su cole ròche ch’a-j passa 'l Po’ da là.

La bela a la fënestra, an bass l’ha risgoardà; l’ha vist veni 'na barca carià 'd gent armà;

con j’arme ch’a lusìo, ch’a smijavo andorà. La bela tira 'na pera: la barca a l’é sparfondà!

Na fussa 'd cola pera, Verua sarìa pià; a sarìa pià Verua, castel dël Monferà!