Giovanni Cerutti/Canson/Ël regiment Piemont

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Artorn


ËL REGIMENT PIEMONT[modifiché]

È probabile che questa canzone ricordi la guerra combattuta in Europa dal 1742 al 1748 per la successione al trono d’Austria, nella quale fu coinvolto anche l’esercito piemontese a fianco degli austriaci, contro i francesi e gli spagnoli. In particolare, la canzone potrebbe essere ambientata a Cuneo, perché narra che, alla partenza per la guerra, i soldati del Reggimento Piemonte fecero celebrare una novena propiziatoria nel santuario della Madonna dell’Olmo, dove si venerava (e si venera ancora oggi) un’immagine miracolosa della Madonna delle Grazie.


Al lun-es da matin bato la generala (1) (bis);
bato la generala, fa tan bel sentì, che 'l Regiment Piemont a l’ha da partì.

Si n’andasio al camp con le bandiere an testa (bis),
a vëde partì 'n guera tuti coi bej fieuj, tute le bele fije as suàvo j’euj.

E quand a son partì l’han fàit fé na noven-a (bis),
l’han fàit fé na noven-a a la Madòna dl’Orm, përchè ij soldà dla guèra fasso bon ritorn.

Set ani son passà, la guèra a l’é finìa (bis),
on le bandiere 'n testa a na son tornà, e con le bele fije si son maridà!

(1) L’adunata generale