Giovanni Cerutti/Canson/Ël presepi pì bel dël mond

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Artorn


ËL PRESEPI PÌ BEL DËL MOND[modifiché]

parole e musica di Masino Anghilante.

Tommaso (Masino) Anghilante è nato a Sampeyre nel 1921 e qui è vissuto fino al 1957, quando si trasferì a Cuneo per motivi di lavoro. La sua grande passione è sempre stata la poesia e la musica, ed è diventato un punto di riferimento per la cultura popolare provenzale e piemontese. Molte sue poesie e canzoni sono pubblicate nei volumi: “Ciaminà e pensà” (1985) e “Chantominà” (2003). Questa canzone è il dolente ritratto di un anziano montanaro che vive solo nella sua borgata: a fargli compagnia c’è solamente il suo organetto e il buon vino, ma non ha rinunciato a fare il presepio, realizzando i personaggi con i tappi delle bottiglie: e per Masino, questo è il più bel presepio del mondo! (Nel testo piemontese, l’Autore ha mantenuto il termine occitano “piciotin”).


'Nt la mia borgà, 'n cost Natal, mach pì 'n presepi tut sol, piciotin, piciotin,
l’é 'l presepi 'd Barba Costanin, sël finestròt ëd sò stabi veuid,
e chiel a sona tant bin sò organin.

(Rit.) Mi l’hai mai vist ël presepi 'd Roma,
ma cost ëd Barba Costanin a l’è 'l pì bel presepi dël mond!

I é San Giusep, l’aso e l beu, la Madonina e 'l Bambin, piciotin, piciotin,
tuti fàit con nate dël bon vin, vin ch’a consola chi l’é tut sol,
e chiel a sona tant bin sò organin. (Rit.)