Giovanni Cerutti/Canson/Ël pòpol 'd Coni

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Artorn


ËL PÒPOL ‘D CONI[modifiché]

1934, parole di Don Cesare Stoppa, musica del Maestro Pasquale Ago.

Don Cesare Stoppa (Dronero, 1881 – Cuneo, 1957) fu direttore del quotidiano cattolico cuneese “Lo Stendardo” dal 1910 al 1915, e poi, fino al 1931, assistente ecclesiastico del Circolo giovanile di Azione Cattolica ”Excelsior”; fu inoltre dirigente cittadino e provinciale del Partito Popolare Italiano (1919 – 1924). Antifascista e amico di Duccio Galimberti e di Antonio Repaci, nel secondo dopoguerra don Stoppa fu anche sindacalista dei maestri di scuola elementare, assistente ecclesiastico dell’Azione Cattolica diocesana e direttore del settimanale cattolico cuneese “La Guida”. Questa canzone è idealmente ambientata a Cuneo nella seconda metà del XVI secolo, dopo l’occupazione francese di buona parte del Piemonte dal 1536 al 1558 (i ventidue anni ricordati nel testo della canzone), nei quali Cuneo rimase sempre fedele al Duca di Savoia Emanuele Filiberto. L’autore della musica fu il maestro Pasquale Ago (Firenze 1888 – Cuneo, 1934), direttore del Civico Istituto Musicale “Bartolomeo Bruni”, dal 1921 fino alla fine.


Ël pòpol 'd Coni a l’ha na glòria, a l’é fedel, l’é pà na stòria,
vintedoi ani l’ha combatù për teni fede, e a l’ha vinciù.
Ò voi franseis av lo ricordi che 'n tèra 'd Coni a-i era da mòrdi?
Ël sò bel cel, sò camp e prà, fasìo gola ai disperà (bis).

Lor a chërdio, ij busaron, ëd podèi mangene ant un bocon,
ma ij paysan 'd Coni son bon, ma dur, e ij vòstri dent son dent da bur!
L’han comensà – a-i é pà 'd bòria – a ricordene a soa memòria,
an Vermenagn-a, a Rocavion, e peui l’han sëmpre batù ij tacon! (bis).

Le spa, ij canon, fòrsa, lusinghe, l’han pa valù, fait l’oma stringhe,
ma la gent 'd Coni la soa paròla ferma l’ha dait, fà pà la fòla!
Fòrsa, valor, fede, costansa, fieuj, òm madur, nòstra sostansa;
tut l’oma dait – l’é pà parèj? – l’onor l’é salv, l’é salv ël mej (bis).