Giorgio Rava/Carn crua

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Artorn


Carn Crua[modifiché]

Stasera am faghi
la carn crua…
 
Al me pà al nava
ant al Vilìn, al macelàar
in piazza dla Gesa a Crusnal
e al gneva a cà cont l’iscartòsc
da carta paja…
Dui èti ad carn masnà…
Ona presa ad sal e ad pévar
Òli, séed e limón,
’na bèla trosàa
Cont la forsilina…
Agh lusivan ij eucc…
Anca ij mei, stasera…

Tradussion italian-a

CARNE CRUDA – Stasera mi faccio / la carne cruda... // Mio padre andava / al Vilìn, dal macellaio / in piazza della Chiesa a Crusinallo / e veniva a casa con un pacchetto / di carta paglia... / Due etti di carne macinata... / Un pizzico di sale e del pepe / Olio, succo di limone, / una bella mescolata / con la forchetta... / Gli luccicavano gli occhi... / Anche i miei, stasera...