Gianfranca Prato/Profum ëd vita

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Artorn


Profum ëd vita[modifiché]

Ra vita
a r’é ’r pì bel regal
ch’i-i sia,
ër tesòr pì pressios
ch’i j’heu avù dar cel;
im gòd un di dòp r’àtr
soe cite còse,
i ra difend con r’onge
e con ij dencc,
i ciap ër bel e ’r brut
e i vogn anancc...
Se ’ncheu ra tristëssa
am dà magon,
doman ra gòj
a fà canté ’r mé cheur...
I ten da cont mé temp,
col temp
ch’o r’é passà pian, pian
e o r’ha lassà ij sò frut...
E ’nt ër calor dër so,
ëndrinta a ’n sofi ’d vent,
ënt un basin ëd masnà,
sent ër profum dra vita!

Tradussion italian-a

PROFUMO DI VITA – La vita / è il regalo più bello / che ci sia, / il tesoro più prezioso / che ho avuto dal cielo; / mi godo un giorno dopo l’altro / le sue piccole cose, / la difendo con le unghie e con i denti, / prendo il bello e il brutto / e vado avanti... / Se oggi la tristezza / mi dà il magone, / domani la gioia / farà cantare il mio cuore... /tengo da conto il mio tempo, / quel tempo / che è passato pian, piano / e ha lasciato i suoi frutti... / E nel calore del sole, / in un soffio di vento, / in un bacio di bimbo, / sento il profumo della vita.