Gian dij Cordòla/Il gergo torinese

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Artorn


Il gergo torinese[modifiché]

Un tempo l’arguzia popolare sapeva trarre l’aspetto più accattivante della lingua Piemontese sviluppando delle varietà di lingua e significati utilizzate per non farsi capire da chi non fa parte del gruppo. Anche nella città di Torino si sviluppò un gergo allontanandosi dalla lingua parlata di norma nella zona. Alcune delle parole appartenenti al gergo Torinese sono entrate a far parte della lingua corrente, altre sono diventate poco usuali e dimenticate nel tempo.

Ho reperito frugando nella mia memoria diversi vocaboli del gergo Torinese una volta di uso comune nel conversare famigliare e forse tra i più caratteristici e simpatici:

  • Ampianté: uccidere
  • Babiòt: ragazzino
  • Bacàn: contadino
  • Badòla: perditempo
  • Bajèt: militare
  • Balòss: furfante
  • Baraval: cappello
  • Barìcole: occhiali
  • Bërgna: vulva
  • Berta: arma da fuoco
  • Biòvo: idiota
  • Bojosa: prigione
  • Bòita: prigione
  • Botonera: ferita da coltello
  • Brajé: cantare
  • Brun-a: sera
  • Brusca: suora
  • Burnia: testa
  • Busiard: giornale
  • Cagnòt: pugno
  • Cagnass: persona di potere
  • Canapia: naso
  • Carion: dongiovanni
  • Castagnà: colto sul fatto
  • Cavija: una lira
  • Ciòspa: donna vecchia
  • Cornajass: prete
  • Dobià: dieci lire
  • Dròga: lazzarone
  • Fafioché: fanfarone
  • Fangosa: scarpa
  • Fnestra: occhio
  • Foré: accoltellare
  • Fumarin: sigaretta
  • Galopin: impiegato
  • Gamba: cento lire
  • Gancio: debito
  • Gargagnan: protettore
  • Garsamela: gola
  • Ginicon: inverno
  • Giornal: soprabito
  • Gòrba: bambino
  • Griffoné: scrivere
  • Gròss: un milione
  • Ij cop: i capelli
  • Ij gris: i genitori
  • La bruta: la fame
  • Lanosa: barba
  • Lasagnòt: lettera o biglietto
  • Maròch: pane
  • Mesa gamba: cinquanta lire
  • Nèir: inchiostro
  • Ope: operaio
  • Pantofla: mano
  • Papé: carta documento
  • Parpajon: mille lire
  • Patanùa: mano
  • Pecana: bicicletta
  • Pedala: fila via
  • Ramblé: tram
  • Rusc: lavoro
  • Ruscon: lavoratore
  • Sac: mille lire
  • Sacagnà: coltellata
  • Scura: cantina
  • Scursé: ammazzare
  • Sgnicolé: mangiare
  • Stopa: bottiglia di vino
  • Sùita: pastasciutta
  • Taboj: cane
  • Tapa: vestito
  • Tela: fila via
  • Tenor: cane
  • Tòla: automobile
  • Tron: arma da fuoco
  • Tubo: bottiglia
  • Vascò: persona in gamba
  • Vincens: persona derubata
  • Vòla: polizia