Franco Giuffrida/Papùk

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Artorn

Papùk[modifiché]

Papùk, dasi l'armol lüsent al riva
là 'n cuI paes andua la campana
da cör la suna e 'l son giüment dla piva
a smea gni da l'Alt cumè la Mana...
Im ricordi: crijant fil d'èrba, 'd cüna,
l'ültima... 'n fià liger da vent dassura
e dent cüj öcc a-scür un buf da lüna:
sgrissenta vèrs sirèta la bassura...
Tenera ninfa cunt i làvar bianchi
da stremissi impruvis... sufión ch'al vula.
vIa sübit ... ah! quasi n’umbra at ranchi ,
vèrs ad cansón smursà trop prèstu 'n gula...
Tim dè la man par cur... in trèm la cati,
ma sfiura la to vèsta, che già 't vela...
al Creà in fiur, camufa, ti beati:
lir al brasc che n'a-sgriss trament al gela...
Sghijà 'nt un duls suris dal mund, oh sora...
dia mè strèta, fassà 'd suspir, celèsta...
foja 'd gasia al sùl che pian l'indora,
quand la natüra ad gioja la fà fèsta.

Ters premi al Concors ëd Moncravel 2014

Traduzione italiana

Papùk(1), il disgelo luminoso arriva lentamente
là in quel paese dove la campana
suona cordialmente e il suono lamentoso della zampogna
sembra venire dall'alto come la manna...
Mi ricordo: strazianti fili d'erba, da culla,
l'ultima... una bava leggera di vento sopra
e dentro quegl'occhi scuri un soffio di luna:
rabbrividente al calar della sera il pomeriggio.
Tenera ninfa dalle labbra bianche
per un improvviso spavento... soffione che vola
via subito... ah! quasi un'ombra t'estirpi,
verso di canto spento troppo presto in gola...
Mi dai la mano per correre... tremando l'afferro,
mi sfiora la tua veste, che già ti vela...
tristemente contempli il Creato in fiore:
giglio il braccio che un brivido tremendo gela...
Scivolata in un dolce sorriso dal mondo, oh lieve...
dalla mia stretta, avvolta di sospiri, celeste...
foglia di robinia al sole che piano la indora,
quando la natura fa festa di gioia...

(1) Bambina armena di sette anni, coetanea dell’autore. Papùk avrebbe di lì a poco ceduto alla leucemia che già la minava.