Antonella Scansetti/Paroli seňsa vos

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Artorn


Paroli seňsa vos[modifiché]

La nocc, cun al so lanso tencc,
l’è quarcià tut al munt
e ’l ben chi tniva pusè strencc
l’è rastà ’ntal cor, ’n sul funt...
e dèss bèli lì, su cul cantun ’la mèsanocc,
jè semp na scramajà ’d fioca
e l’è ’mbèl che tuti ’l viri i frija j’occ:
la luci l’è semp trop poca...
La vus la ven pu nen fo:
nè par mur nè per rabia
e, ’l paroli chi jù pu nen facc temp diti,
ja scrusu suta j dencc mè di granin ad sabja.

(parlada d’Audnì)

[Prim premi al Concors ëd Pra (Prato Sesia – NO), 2014]

Tradussion italian-a

PAROLE SENZA VOCE – La notte, con il suo lenzuolo sporco, / ha coperto tutto il mondo / ed il bene che tenevo più stretto / è rimasto nel cuore, sul fondo... / e adesso proprio lì, sull’angolo a nord, / c’è sempre una spolverata di neve / ed è inutile che ogni volta io mi sfreghi gli occhi: / la luce è sempre troppo poca... / La voce non (mi ) esce più: / nè mossa dall’amore nè dalla rabbia / e le parole che non ho più fatto tempo a dirti, / stridono sotto i denti come granelli di sabbia.