Giovanni Cerutti/Canson/Le deformità d’una figlia che, stimandosi bella, vuol maritarsi

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Artorn


LE DEFORMITÀ D’UNA FIGLIA CHE, STIMANDOSI BELLA, VUOL MARITARSI 1731, parole e musica di Padre Ignazio Isler.

Ironia (a volte… pesante!) nei confronti di una ragazza in età da marito, che non ha la dote necessaria per il matrimonio. Inoltre, è bassa, gobba, sciancata e con una brutta faccia (“mostass”) smorta. Gli occhi le colano, il moccio del naso le scende in gola e il corpo è butterato. Il naso e la pappagorgia sono enormi e la bocca è larga come una ciabatta, con il labbro inferiore che sopravvanza quello superiore. Mangia e beve senza limiti, per cui è sempre ubriaca. Dopo questa … amena descrizione, c’è l’invito ai giovani di farsi avanti per sposarla, senza inutili perdite di tempo! Nel corso degli anni (sono passati quasi tre secoli dal 1731 a oggi) la canzone di Padre Isler si è trasformata in “Ròsamaria” (n. 117)!


A-i é un partì. ch’l’é bel e bon, d’una matòta; ma a l’é sensa fardel e sensa dòta;
a l’é mach àuta un fus, tuta gheubua e stòrta, con col mostass ch’hai lus, tra giàuna e smòrta.

L’ha pro doi grand eujass, ma l’un e l’àutr a-i cola,
e tut ël di 'l morflass ch’a-i va ant la gola.

L’é pitocà dabon da quantità 'd vairòle, e, sot’a col manton, carià dë scròle.
Sul nas a l’ha un boton, ch’a l’é gròss coma 'na bòcia; la plofia dël manton ch’a-j fà sacòcia.

A l’ha un pi bel bochin, pi largh d’una savata, e con un mostassin fàit a pignata.
A mangia coma 'n crin e a bèiv coma 'na vaca, a l’é, sèira e matin, sempre ambriaca.

e, se a veul dì quaich mot, òh che bruta grimassa!
con col sò làver 'd sot che 'l 'd zor a-j passa.

A cost partì famos, se a sa chi veul atende, për fésse dun-a spos, ch’as fasa antende:
fé nen ij tamnandan, se pur n’avì l’anvìa, na treuve pa doman n’àutra parìa!