Giovanni Cerutti/Canson/La bonne d’hòtel

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Artorn


LA BONNE D’HÒTEL[modifiché]

Versione di Maria Vaccino, mondina vercellese stabilitasi a Torino all’inizio del ‘900, canzone registrata nel 1961 da Roberto Balocco

Brillante descrizione dell’abbigliamento e del lavoro di questa cameriere d’hotel, che a qualcuno può sembrare una stupidina, ma non lo è di certo, perché ascolta e vede tutto! Lo stipendio è “arrotondato” dalle mance dei clienti, e la sua curiosità raggiunge il massimo quando vengono in hotel due sposini per trascorrere la notte!


Con na scufia 'n pòch bisara, ch’am circonda ij rissolin,
un fàudal bin s-ciass ch’am sara, ch’am ëstrens ël mè vitin,
mi sì 'ndrinta i son regin-a, vado e veno daspërtut,
e con n’aria da tupin-a, dago giù e i scoto tut.

(Rit.) Che bel mësté ch’a l’é a fé la bonne d’hòtel,
e un bel dì për mi sarà ancor pì bel, ancor pì bel.
Na bon-a mancia sì, un cit guadagn da là,

//travajo neuit e dì, ciapo la mia giornà (bis).
A-i é 'd vòlte ch’im compiaso quand a-i rivo doi ëspos,
dal përtus vëddo ch’as baso, ch’as fan gnògne pian, sotvos,
e con n’aria malissiosa, quand ch’as àusso la matin,
manco nen 'd ciamé a la sposa: “Madamin, a l’ha durmì bin?” (Rit).