Giovanni Cerutti/Canson/An turin j’é 'n bel giardin

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Artorn


AN TURIN J’É N BEL GIARDIN[modifiché]

Nella prima metà del Settecento, il Piemonte partecipò a tre guerre, causate dalle lotte tra le case regnanti per la successione al trono di Spagna (1701 – ’13), Polonia (1733 – ’38) e Austria (1740 – ‘48). L’argomento qui cantato da un cantastorie è il celebre e lungo assedio di Torino (nel corso del quale ci fu anche l’eroico sacrificio di Pietro Micca), per opera dei francesi al comando di François d’Aubusson, duca di La Feuillade, che si svolse dal 13 maggio al 7 settembre 1706. A fianco dei piemontesi del duca Vittorio Amedeo II di Savoia intervennero le truppe imperiali austriache guidate dal celebre condottiero principe Eugenio di Savoia – Soisson (nato a Parigi nel 1663 e dal 1683 a servizio dell’imperatore Leopoldo I d’Austria). Per raccomandare la liberazione di Torino, Vittorio Amedeo II fece voto di costruire la Basilica di Superga. Questo canto è una garbata ironia verso il re di Francia Luigi XIV che, anche pagando, sarebbe voluto diventare il “giardiniere” di Torino, e il duca di La Feuillade. Il motivo musicale è una canzone da ballo molto in voga all’inizio del Settecento. (Nel testo della canzone vi è un errore di storia! Quando re Vittorio Amedeo II lasciò Torino con la famiglia e la corte, si diresse verso Cherasco e non a Chivasso).


An Turin a j’é 'n bel giardin; Re di Fransa a-j veul gran bin;
s’a podèissa mai aveilo, an pagand ij sò dené,
voria esse, Re di Fransa, Re di Fransa giardiné; Re di Fransa giardiné; giardiné.
Col giardin a l’ha 'd bej sitron, bele reuse e bej limon.
An fasand la limonada, costi sgnori sitadin,
j’é rivaje La Fojada, për venì assedié Turin; për venì assedié Turin! Assedié!
Citadin a son pa smarì, quand l’han vist 'l Duca a partì;
partì 'l Duca e la Duchëssa, e con tuta soa Cort,
son partì da soa tèra (për) dé sëcurs a l’Imperador; dé sëcurs a l’Imperador; dé sëcurs.
La Fojada s’è 'ncaminà, j’ha dà press fin-a a Civass,
a Civass che lor son staje, a savìo pa pì 'ndova ‘ndé;
la Fojada e soa armada, l’han dovù torné ndaré; l’han dovù torné 'ndaré; 'ndaré.
La Fojada goardé bin, i’v lassroma pà pié Turin!
Con le vòstre canonade, fei pà por a le masnà!
Bati pur la Sitadela, che Turin as goernarà; che Turin as goernarà; 's goernarà!
Prinsi Génio a l’é rivà, con con des mila granadié,
àutërtant ëd cavalerìa, àutërtant ëd fantassin,
për liberé la Sitadela e l’assedi 'd Turin; e l’assedi 'd Turin; l’é rivà!
Prinsi Génio dis ai soldà, con ël sàber a la man:
“Mè soldà feve corage; Aleman e Piemontèis,
guadagnroma la bataja, bateroma sti Fransèis; bateroma sti Fransèis; sti Fransèis!
Aleman e Piemontèis l’han marcià contra ij Fransèis;
l’han marcià su le trincere; ij Fransèis a l’han arpossà,
con le bombe e le granade, le montagne j’han fait passé;
le montagne j’han fait passé; andaré!