Giovanni Cerutti/Canson/A Turin, a “la reusa bianca”

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Artorn


A TURIN, A “LA REUSA BIANCA”[modifiché]

Questa canzone è anche conosciuta con il titolo “La bella del Re di Francia” o “La maledizione della madre”. Si tratta di una ballata antica, che potrebbe risalire alla prima metà del XVI secolo, quando gran parte del Piemonte fu occupata dai Francesi. Il tema del conflitto tra madre e figlia, il desiderio della figlia di andarsene da casa, l’intercessione del fratello e l’annegamento in mare come compimento della maledizione della madre ha ispirato anche, a fine ‘800, al tempo delle grandi migrazioni verso l’America, la celebre canzone “Mamma mia dammi cento lire”. Nei secoli passati, per andare dal Piemonte alla Francia, sovente – soprattutto in inverno – si preferiva attraversare gli Appennini, scendere in Liguria e proseguire per nave fino a Nizza o a Marsiglia.

A Turin, a “La Reusa Bianca”, j'é na fija da maridé,
e soa mare ch’a la penten-a, con ël pento d’òr e d’argent.
L’ha pa 'ncora finì 'd pentnela che 'l Re 'd Fransa l’é rivà lì:
“Ven-o a vëdde vòstra fija, s’i vorèisse demla a mi”.
“La mia fija a l’é picinòta, a l’é pa ‘ncora da maridé;
e quand ben ch’i la maridèissa, mi a voi i la veuj nen dé”.
Ma sò pare a veul maridela, al Re 'd Fransa s’a la veul dé.
Fratellino da la fënestra: “Mare mia, lassela 'ndé”.
A l’han ben vestila dë seda, a cavallo s’a l’é montà;
e soa mare da la fënestra: “Drinta al mar at podèisse nié”.
Quand l’é stàita 'n rivà dël mare, ël caval comensa a fondé;
“Tente, tente, la mia sposeta, a la sela dël mé caval”.
“Òh, për ten-e che mi am ten-a, la mia mare a l’ha sentensià;
la sentensa 'd la mia mare a l’ha da esse la vërità”.
An disend ëste parolin-e, ant ël mar s’a l’é sprofondà;
l’han sercala tre dì, tre neuit, bela bionda a l’han pì trovà.